Politica | News

Taglio parlamentari: Partito Radicale deposita richiesta referendum

17 Ottobre 2019
Taglio parlamentari: Partito Radicale deposita richiesta referendum

E’ stata depositata la richiesta di referendum confermativo sulla riduzione del numero dei Parlamentari.

La settimana scorsa, la Camera ha approvato in via definitiva la riforma costituzionale che determina la riduzione del numero di senatori e deputati. I voti favorevoli sono stati 553, 14 i contrari e due astenuti. Il numero dei deputati passerà da 630 a 400, mentre i senatori da 315 diventeranno 200 eletti. Ne abbiamo parlato nel nostro articolo Taglio parlamentari è legge: deputati e senatori ridotti.

Il Partito Radicale ha depositato in Cassazione la richiesta di referendum confermativo sulla riduzione del numero dei Parlamentari. E’ quanto dichiarato da Maurizio Turco e Irene Testa, segretario e tesoriere del Partito Radicale in una nota stampa che La Legge per Tutti ha ricevuto dall’agenzia Adnkronos. “Restano 88 giorni – sottolineano Maurizio Turco e Irene Testa – per raccogliere 500.000 firme a meno che il referendum non lo richiedano un quinto dei membri di una delle due camere oppure da cinque consigli regionali”.

Infine, aggiungono che “E’ evidente che oggi, come dice il ministro di Maio il 90% è per la riduzione del numero dei parlamentari, che non è un grande risultato, visto l’assenza di dibattiti e la propaganda è stata al 100% a favore della riduzione. I mezzi di comunicazione, a cominciare dalla Rai che ne ha anche l’obbligo, dovranno quindi fare quello che da tempo hanno dimenticato: rispettare il diritto dei cittadini ad essere informati. Noi siamo certi che se riusciremo a conquistare spazi di informazione si potranno raccogliere le 500.000 firme e si vincerà il referendum“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube