HOME Articoli

Lo sai che? Debitore tormentato dal recupero crediti: danno da privacy violata

Lo sai che? Pubblicato il 27 giugno 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 27 giugno 2013

Risarcito del danno non patrimoniale il debitore a causa delle pratiche aggressive della società di recupero crediti: decisive le insistenti telefonate sul posto di lavoro e a casa dei parenti.

Recuperare un credito, di questi tempi, è un’impresa ardua: ma non per questo è lecito infrangere le regole poste a tutela della privacy del debitore. Su tale aspetto, invece, le società di recupero crediti hanno la “mano pesante”, spinte dall’esigenza di raggiungere gli “obiettivi di recuperato”. E così, spesso, le telefonate inoltrate al debitore, per convincerlo a saldare la morosità, lo raggiungono finanche sul posto di lavoro o a casa dei parenti.

In questo caso, non c’è dubbio che viene violata la riservatezza del cittadino il quale ha il diritto a mantenere segreta la propria posizione debitoria nei confronti dei terzi, specie parenti e colleghi.

Sulla scorta di tali condivisibili principi, il Tribunale di Chieti [1] ha accolto il ricorso di un consumatore nei confronti sia della banca (titolare del credito) che della società di recupero. Troppo insistenti erano state le telefonate e i messaggi sul lavoro e a casa dei familiari, tanto da costringere l’interessato a dover fornire spiegazioni a parenti e amici.

Secondo il giudice, in questi casi scatta il risarcimento del danno non patrimoniale. Tenuti all’indennizzo sono

– sia alla banca: su di essa, infatti, grava l’obbligo di vigilare sull’operato di chi ha incaricato per recuperare i propri crediti

– sia alla società di recupero: essa è infatti obbligata a verificare di poter utilizzare i numeri di telefono e le altre informazioni utili del debitore. Pertanto, se il cliente ha fornito alla banca solo alcuni numeri telefonici ove essere rintracciato, la società di recupero non può cercare di altri.

Non solo. Le società di recupero crediti non possono contattare il debitore in orari irragionevoli, con frequenza superiore al dovuto.

note

[1] Trib. Chieti, sent. n. 883/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. LA SOCIETA’ DI RECUPERO CREDITI, NOMINANDO IL NOME DEL CREDITORE , PUO’ TELEFONARE A VICINI DI CASA , O PORTINERIE DEL DEBITORE O DEI PARENTI DELLO STESSO , PER SAPERE SE IL DEBITORE ABITA IN QUELLO STABILE ???

  2. Ragazzi Chiedo il Vostro aiuto possibile che chiamino sul numero fisso della mia azienda dove lavoro essendo dipendente privato? Recupero crediti per conto di Bmw Financial Service

  3. buona sera volevo sapere se il recupero crediti può violare la mia privacy mi è vennuto un tizio a casa io non c ero ed c era mia mamma ke non sapeva assolutamente ke io avessi un debito con una finanziaria il tipo ke lavora x il recupero crediti ha detto tutto a mia mamma la somma del debito e le rate a strancio con cambiali e possibile fare questo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI