Diritto e Fisco | Articoli

Stage in Tribunale per laureati in legge valido per concorsi. Ecco le regole per partecipare

27 giugno 2013


Stage in Tribunale per laureati in legge valido per concorsi. Ecco le regole per partecipare

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 giugno 2013



Per presentare la domanda di stage, ogni laureato potrà rivolgersi direttamente agli uffici del Tribunale o della Corte d’Appello, senza bisogno di attendere convenzioni o affidarsi a università o scuole di specializzazione.

Curiosità e interesse sta suscitando la possibilità per neolaureati in legge – introdotta con il decreto “del fare” [1] – di svolgere stage formativi nei tribunali e nelle corti di appello. La misura – che a differenza di quelle già varate in passato, appare di maggiore respiro – è volta a garantire un sostegno alla magistratura per smaltire l’enorme arretrato.

Nel 2011, i capi degli uffici erano stati autorizzati a stipulare convenzioni con le università, con le scuole di specializzazione e con i consigli dell’ordine degli avvocati per reclutare giovani neolaureati da avviare alla cultura della giurisdizione. Tutto questo, oggi, invece non c’è più.

Ecco, dunque, le regole rese note sinora.

Requisiti del candidato

Il candidato non deve aver compiuto più di 28 anni; deve aver ottenuto un punteggio di 27/30 negli esami di diritto costituzionale, privato, procedura civile, commerciale, penale, procedura penale, lavoro, diritto amministrativo. Deve inoltre aver ottenuto, come voto di laurea, almeno 102/110.

Modalità per la candidatura

Saranno gli stessi candidati a potersi proporre direttamente ai capi degli uffici giudiziari dove intendono svolgere lo stage. Non ci sarà più bisogno di rivolgersi a università e scuole di specializzazione che fungano da intermediari, né sarà necessario stipulare convenzioni.

La domanda si presenta al capo dell’ufficio giudiziario prescelto (Tribunale o Corte di Appello), allegando tutti la documentazione comprovante la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge (v. paragrafo “Requisiti del candidato”).

Il candidato ha anche la facoltà di indicare le materie in cui preferisce cimentarsi e, addirittura, il giudice a lui gradito.

Le scelte del candidato però non sono vincolanti per la destinazione del candidato. Infatti, il Presidente del Tribunale decide in base alle esigenze dell’ufficio e sulla scorta della disponibilità comunicata dai giudici ad accettare il praticante.

Il praticante potrà affiancare giudici del Tribunale, della Corte d’Appello, del Tar e del Consiglio di Stato. Nel penale, invece, l’affiancamento potrà avvenire solo accanto al giudice del dibattimento (quindi, non nelle Procure della Repubblica).

Gratuità, incompatibilità e limiti

Lo stage dura in totale 18 mesi non rinnovabili; non viene pagato e non dà luogo a un rapporto di lavoro subordinato, né ad alcun obbligo previdenziale o contributivo.

Durante lo stage, invece, si potrà comunque compiere la pratica forense, frequentare le scuole di specializzazioni o esercitare il dottorato di ricerca.

Lo stagista non può esercitare la professione forense nell’ufficio dove è impegnato, né in futuro potrà patrocinare procedimenti svolti davanti al suo magistrato formatore.

Al contrario, il dominus ove lo stagista fa pratica non subisce limitazioni e, pertanto, potrà patrocinare cause anche davanti al magistrato formatore del proprio praticante; quest’ultimo, però, non potrà avere accesso ai fascicoli del proprio dominus.

Il magistrato che avrà offerto la propria disponibilità a stagisti non avrà aumenti di retribuzione, ma vantaggi per l’avanzamento di carriera.

Per ogni magistrato possono essere allocati massimo due stagisti, con la possibilità di inserirne un terzo nei sei mesi precedenti la fine del praticantato di uno degli altri due, in modo da garantire la continuità del servizio per il magistrato.

Titoli

Al termine dei 18 mesi di stage, il neolaureato ha titolo per partecipare al concorso in magistratura, mentre, ai fini dell’esame di Stato per la professione di avvocato o di notaio, lo stage “vale” come un anno di pratica.

Negli altri concorsi del settore giustizia, l’aver svolto lo stage in questione è motivo di preferenza a parità di punteggio con altri candidati.

Spett.le Tribunale / Corte di Appello /… di …

Ill.mo Sig. Presidente …

Oggetto: Istanza di stage formativo ai sensi del DL 69/2013 (c.d. “Decreto del Fare”)

Il sottoscritto _______, nato a _______, il _______, e residente in _______, codice fiscale _______, pec _______, email _______, telefono _______,

DICHIARA

– di avere un’età di anni _______,

– di aver conseguito una media di _______ nei seguenti esami: diritto costituzionale – diritto privato – procedura civile – diritto commerciale – diritto penale – procedura penale – diritto del lavoro – diritto amministrativo

– di aver conseguito, nell’anno _______, presso l’Università di _______, la laurea in legge con votazione _______;

– [eventualmente: di essere iscritto presso il registro dei praticanti presso il Tribunale di _______, e di svolgere la pratica forense presso l’avvocato _______, con studio in _______, alla via _______, iscritto presso l’ordine degli avvocati di ______  opp.  di essere avvocato, con titolo conseguito in data _______, e di essere iscritto presso l’ordine degli avvocati di _______];

– di essere pertanto in possesso di tutti i requisiti previsti dal D.L. 69/2013 ai fini del tirocinio formativo.

Tutto ciò premesso

CHIEDE

di poter essere ammesso al tirocinio formativo di diciotto mesi, presso l’intestato Tribunale, previsto dal predetto DL 69/2013;

a tal fine indica, quali materie di preferenza in cui cimentarsi i seguenti rami _______, e quale magistrato gradito il dott. _______.

Ai fini della presente istanza, chiede di poter ricevere eventuali comunicazioni al seguente indirizzo pec: _______

Allega:

– copia documento di identità;

– certificato di laurea in copia;

– estratto esami sostenuti con relative votazioni;

[ eventualmente – atto di iscrizione al registro praticanti del tribunale di _______];

[ eventualmente – atto di iscrizione all’albo degli avvocati del tribunale di _______];

Data _______,

Firma

note

[1] DL 69/13.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI