Arriva lo spray nasale anti depressione

18 Ottobre 2019
Arriva lo spray nasale anti depressione

L’Europa dice sì alla commercializzazione del farmaco esketamina spray nasale.

Primo sì in Europa per un nuovo spray nasale contro la depressione maggiore. A darcene comunicazione è la nostra agenzia stampa Adnkronos. Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha infatti raccomandato l’approvazione di esketamina spray nasale in associazione a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (Sssri) o a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (Snri) per i pazienti adulti affetti da disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento.

«Il disturbo depressivo maggiore colpisce circa 40 milioni di persone in Europa ed è la principale causa di disabilità al mondo. All’incirca un terzo dei pazienti non risponde alle terapie attualmente disponibili», commenta in una nota Allitia DiBernardo, European Therapeutic Area Lead for Mood Disorders di Janssen. Il parere positivo del Chmp segue l’approvazione della statunitense Food and Drug Administration (Fda) di esketamina spray nasale avvenuta nel marzo scorso. Il trattamento sarà ora riesaminato dalla Commissione europea, la cui decisione finale è attesa entro la fine del 2019.

«Siamo soddisfatti del parere del Chmp e della raccomandazione a favore dell’approvazione di esketamina spray nasale come terapia per i pazienti adulti affetti da disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento», dichiara Husseini K. Manji, Global Head Neuroscience Therapeutic Area di Janssen Research & Development. Per circa 30 anni «a questi pazienti non sono state date nuove opzioni terapeutiche». Il farmaco in spray nasale «è un’innovazione nella gestione della depressione maggiore resistente al trattamento, sfruttando una modalità di somministrazione unica e inedita».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube