HOME Articoli

Miscellanea Tirocini per gli studenti universitari e fondi Youth Guarantee

Miscellanea Pubblicato il 27 giugno 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 27 giugno 2013

Nel “pacchetto lavoro” varato dal Governo sono previsti tirocini formativi per i giovani universitari da 200 euro presso pubbliche amministrazioni o imprese.

 

Ieri, come da promesse, il Governo Letta ha approvato il nuovo “pacchetto lavoro” contenuto nel nuovo decreto legge recante misure urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare quella giovanile.

Per consentire ai giovani di studiare e lavorare contemporaneamente, è stata prevista la destinazione di risorse per finanziare tirocini retribuiti per i giovani universitari iscritti nel 2013-2014. Il beneficio consiste in una indennità massima di 200 euro mensili a studente.

Le università provvedono all’attribuzione delle risorse assegnate agli studenti sulla base di graduatorie formate secondo i seguenti criteri di merito:

a) regolarità del percorso di studi;

b) votazione media degli esami (a tal fine è presumibile pensare che verranno stilate delle graduatorie per ciascun singolo ateneo);

c) condizioni economiche dello studente.

Ciascuna università avrà autonomia nell’assegnare le risorse agli studenti utilmente collocati in graduatoria fino all’esaurimento delle graduatorie medesime. Bisognerà dare priorità agli studenti che hanno concluso gli esami.

I tirocini formativi saranno realizzati presso imprese o enti pubblici.

La misura è estesa anche agli studenti delle quarte classi delle scuole secondarie di secondo grado, con priorità per quelli degli istituti tecnici e degli istituti professionali, sulla base di criteri che ne premino l’impegno e il merito.

Sempre in soccorso dei giovani, questa volta laureati, il pacchetto approvato dal Governo si conforma alla cosiddetta “Garanzia per i Giovani” (Youth Guarantee) prevista dal piano europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Il piano riguarda uno stanziamento, a livello comunitario, di 6 miliardi per il periodo 2014-2020, destinato ai Paesi con il tasso di giovani senza lavoro oltre il 25%. All’Italia sono stati destinati 400 milioni di euro. Il Governo Letta ha così creato un’apposita struttura di missione finalizzata alla promozione dell’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, istituita presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI