Aumento della cedolare secca: i commenti di Confedilizia

19 Ottobre 2019 | Autore:
Aumento della cedolare secca: i commenti di Confedilizia

Confedilizia: «l’aumento della cedolare secca non trova d’accordo nessuno».

La cedolare al 10 per cento esiste da 6 anni. È stata introdotta nel 2014 da un Governo a guida Pd e confermata nel 2017 da un altro Esecutivo a guida Pd. Ha funzionato perfettamente e la nota di aggiornamento del Def (predisposta da questo Governo) certifica che è stata decisiva per ridurre in modo rilevantissimo l’evasione nel comparto. E’ quanto ricordato dal presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa in una nota che abbiamo ricevuto dalla nostra agenzia di stampa Adnkronos.

«La conferma, dunque, era unanimemente considerata un esito scontato. A maggior ragione – afferma il presidente – da parte di un Esecutivo che ha intitolato alla lotta all’evasione la sua prima manovra e ha annunciato un Piano Casa finalizzato anche a favorire l’accesso all’abitazione in affitto».

Nel nostro articolo Affitto con cedolare secca: in arrivo più sfratti?, abbiamo spiegato che l’aumento dell’aliquota previsto dalla manovra comporterà più tasse per i locatori e questo potrebbe determinare l’innalzamento dei canoni e, di conseguenza, mettere in difficoltà gli inquilini.

«L’aumento della cedolare secca sugli affitti abitativi a canone calmierato non trova d’accordo nessuno. Dopo l’immediata presa di posizione di Confedilizia, a dichiarare la propria contrarietà a un incremento della tassazione su queste locazioni dal forte carattere sociale sono state – significativamente – le controparti dei proprietari nei contratti di locazione, vale a dire i sindacati degli inquilini. Ieri, poi, severe critiche alla decisione del Governo sono state espresse da Nomisma». «Una componente essenziale della maggioranza – Italia Viva – ha fatto sapere che non approva l’aumento della cedolare. Confedilizia confida che, in assenza di un ripensamento da parte del Governo, questa posizione venga fatta valere sino in fondo», conclude Spaziani Testa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube