Tassa sulla plastica e sullo zucchero: le critiche di Confindustria

19 Ottobre 2019
Tassa sulla plastica e sullo zucchero: le critiche di Confindustria

Il giudizio di Confindustria sulla manovra economica: la tassa sulla plastica, la sugar tax sulle bevande e l’inasprimento delle sanzioni in caso di evasione fiscale.

A margine della seconda giornata del convengo degli under 40 in corso a Capri, il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha espresso il giudizio degli imprenditori sulla manovra economica: “La tassa sulla plastica, invece, di penalizzare comportamenti penalizza prodotti e avrà effetti rilevanti in termini di occupazione. Speriamo che si recuperi il buon senso”.

Inoltre, ne approfitta per criticare anche la tassa sullo zucchero: “la sugar tax incide sulla grande industria alimentare italiana. C’è una cecità che invece di penalizzare i comportamenti penalizza i prodotti: questo apre un precedente che prescinde dagli effetti sull’economia reale”, accusa ancora.

Altro punto critico è la lotta all’evasione: “noi siamo contro l’evasione che è una concorrenza sleale ma occorre certezza nel diritto: le manette arrivano dopo le sentenze e non prima, non dobbiamo creare ulteriore ansia gratuita nel Paese”.

Un altro argomento affrontato da Confindustria è quello legato alle infrastrutture: “è evidente che in questa manovra non ci sono grandi risorse ma si può puntare su quelle già stanziate per realizzare nuovi cantieri”. Boccia ha sollecitato un attento monitoraggio sulle opere da riavviare sopra i 100 milioni di euro: “Da un primo calcolo ci sono oltre 70 mld di euro di risorse già stanziate che dobbiamo sbloccare”. In più, ha ribadito la necessità che il Governo metta mano ad una manovra anticiclica che possa sottrarre il Paese a nuovi choc, tenendo in considerazione la recessione in corso in Germania.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube