Diritto e Fisco | Articoli

Studenti e docenti: le università assumeranno di più. Le novità del decreto “del Fare”

28 Giugno 2013 | Autore:
Studenti e docenti: le università assumeranno di più. Le novità del decreto “del Fare”

Stanziate le risorse per l’assunzione nelle università e gli incentivi agli studenti meritevoli.

Il decreto “del fare” [1], recentemente approvato dal governo Letta, prevede interessanti novità per il mondo universitario, sia dal lato dei professori e ricercatori che da quello degli studenti.

Personale universitario

Nell’ottica del rinnovamento del personale universitario, a partire dal 2014 salirà il turnover ammesso nelle istituzioni universitarie e di ricerca dal 20% al 50%. La nuova percentuale si riferisce al singolo ente di ricerca e, complessivamente, all’intero sistema universitario.

Gli atenei più virtuosi assumeranno personale in misura superiore al 50%, avvantaggiandosi della quota non utilizzata dagli atenei con deficit di bilancio.

Ogni università può decidere autonomamente il tipo di assunzione da effettuare (ricercatore o professore ordinario).

Borse di studio per studenti

Per incentivare la mobilità nazionale degli studenti più meritevoli, è prevista l’istituzione di circa mille borse di studio, da 5.000 euro l’una, da destinare ai giovani che decidono di studiare in un ateneo diverso da quello del luogo di residenza.

Il requisito per accedere alla borsa è il voto alto conseguito all’esame di maturità. Non sono invece previsti limiti di reddito. Tuttavia, la graduatoria terrà conto del livello Isee del nucleo familiare dello studente e della distanza tra l’università e il luogo di residenza (più è lontana l’università più è alto il punteggio in graduatoria).

Nei limiti delle risorse disponibili, la borsa di studio potrebbe durare per tutto il percorso universitario dello studente, a condizione che raggiunga risultati meritevoli (combinazione di votazione e crediti negli esami).


note

[1] D.L. 69/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube