Casa e famiglia: cosa cambia dal 2020

21 Ottobre 2019 | Autore:
Casa e famiglia: cosa cambia dal 2020

Gli interventi in legge di Bilancio ed oltre: riforma tassazione sulla casa e potenziamento delle agevolazioni per famiglie a partire da quelle con bimbi.

La manovra sta incidendo profondamente sulla tassazione della casa e sui bonus famiglia: sul primo fronte, il Dpb (Documento programmatico di bilancio) approvato la settimana scorsa dal Consiglio dei Ministri inizia le modifiche alzando la cedolare secca sulle locazioni al 12,5%, ma c’è anche la nuova detrazione facciate per i lavori edilizi esterni. Sul fronte della famiglia, le riforme invece arrivano non solo nell’attuale manovra di bilancio, con i bonus bebè e il buono nido potenziati, ma anche attraverso un nuovo Family act che dovrebbe portare a un’assegno unico familiare.

Procediamo con ordine ed esaminiamo uno per uno questi aspetti disciplinati dalla nuova legge di Bilancio 2020 e, come vedremo, anche oltre.

Casa: le locazioni

La cedolare secca, che riguarda gli affitti a canone concordato, sale al 12,5% dall’attuale 10%. Dal momento dell’annuncio del ministro dell’Economia Gualtieri, c’è stato un coro di proteste da parte delle associazioni di proprietari e degli inquilini (leggi: aumento della cedolare secca le proteste di Confedilizia), perciò la misura potrebbe essere rivista nel dibattito politico d’autunno ed è possibile che ci si ripensi prima dell’approvazione definitiva.

C’è da dire che comunque l’aliquota della cedolare secca al 10% era temporanea: era già previsto che dal 2020 salisse al 15%; però, tutti si aspettavano una proroga dell’attuale regime e anche adesso continuano a confidare che rimarrà invariato.

In caso di aumento, ci saranno problemi per chi ha contratti in corso ed è destinato a subire le conseguenze degli eventuali rincari. Invece, i proprietari che hanno una scadenza contrattuale ravvicinata potrebbero decidere di formulare disdetta al loro inquilino, essendo venuta meno la convenienza ad affittare a canone concordato; la preferenza andrebbe in seguito ai contratti a canone libero o agli affitti brevi. Leggi anche: affitto con cedolare secca in arrivo più sfratti.

Casa: il bonus facciate

Il bonus facciate condominiali è una nuova detrazione prevista per chi dal 2020 ristrutturerà le facciate esterne degli edifici. La misura punta a incentivare la riqualificazione edilizia e il decoro urbano (rendere «più belle» le città italiane, come ha detto il ministro ai Beni culturali, Dario Franceschini).

Sui contenuti, per ora, si sa solo che il credito d’imposta sarà del 90%; rimangono da definire i tetti massimi delle spese agevolate, il tipo di immobili (sembra che saranno compresi nell’agevolazione solo quelli residenziali e non quelli commerciali) e la cumulabilità con le altre detrazioni, come quella sulle ristrutturazioni edilizie al 50% o l’ecobonus al 65%.  La legge di bilancio 2020 prevede che entrambi saranno prorogati, con percentuali e tempi invariati rispetto a quelle in vigore.

Famiglia: il bonus bebè e il buono nido

Il bonus bebè è l’assegno che spetta per ogni figlio fino al compimento di un anno di età. Con la legge di Bilancio 2020 viene confermata e, in prospettiva, potenziata l’entità del contributo, da 80 a 160 euro per 12 mesi (l’importo è commisurato alla situazione economica secondo l’indice Isee).

Anche il buono nido, il contributo per tutti i bambini che frequentano l’asilo nido, viene confermato e per il 2020 l’importo sarà variabile da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 3.000 euro, calcolato sempre in base al reddito.

Forse, arriverà anche la carta bimbi da 400 euro al mese, destinata a sostenere le rette dell’asilo per le famiglie con i redditi più bassi; dipenderà dalle scelte del Governo sull’impiego dell’apposito fondo di 2 miliardi di euro, di cui la metà dovrebbe essere destinato a finanziare gli asili nido.

La manovra finanziaria conferma anche le altre misure attualmente previste, a partire dal premio nascita (bonus mamma domani) di 800 euro per le neo-mamme e le altre prestazioni sociali e fiscali in vigore.

Famiglia: il family act

I provvedimenti a sostegno della famiglia vanno oltre la legge di Bilancio 2020: c’è un disegno di legge collegato alla manovra, presentato dal ministro della famiglia Elena Bonetti, che vorrebbe introdurre un sistema permanente di sostegno alle famiglie, un «Family act» che ha come obiettivo la creazione di un fondo per la famiglia e l’istituzione di un assegno unico per la famiglia.

Secondo le intenzioni del Governo, si tratterà di una misura strutturale, dunque permanente e stabile, che accompagnerà ciascun figlio dalla nascita all’età adulta. Dato il carattere assorbente di questo intervento, è probabile che andrà a sostituire tutte le misure di sostegno attualmente esistenti. Per questo, è difficile che riesca ad essere pronto entro la fine dell’anno e ad entrare in vigore a partire dal 1 gennaio 2020. Leggi anche arriva l’assegno unico ai figli: un aiuto per le famiglie.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube