Politica | News

Manovra: in arrivo lettera Ue

21 Ottobre 2019 | Autore:
Manovra: in arrivo lettera Ue

La Commissione chiederà chiarimenti all’Italia. Serie di incontri a raffica nella maggioranza rpima del Consiglio dei Ministri di questa sera.

Non sembrerebbe che il Governo sia stato molto chiaro sulla manovra economica in corso di approvazione. Secondo alcune fonti, sarebbe in arrivo una lettera della Commissione europea per chiedere chiarimenti sulla bozza presentata da Palazzo Chigi la scorsa settimana. L’Italia non sarebbe l’unica destinataria della stessa missiva: altri Paesi dell’Unione starebbero per riceverla, tra cui la Spagna.

Ricordiamo che la Commissione ha la facoltà di chiedere dei chiarimenti, in base a quanto disposto da un apposito regolamento comunitario [1], nel caso in cui ci sia il sospetto di possibili violazioni delle regole sui conti pubblici.

La manovra resta al centro dell’attenzione (e delle polemiche) del Governo. Questa mattina c’è stato un faccia a faccia chiarificatore tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ed il leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio. Un incontro che ha preceduto il vertice di maggioranza convocato per il pomeriggio di oggi prima della riunione del Consiglio dei Ministri, fissata per le 19.

Un susseguirsi di appuntamenti, dunque, per tentare di abbattere i principali ostacoli che separano le varie anime della maggioranza, a cominciare dall’incentivo all’uso della moneta elettronica con l’obbligo del Pos (non gradito al M5S), al carcere per gli evasori fiscali (su cui si è pronunciato oggi il Csm) fino alla pensione con quota 100 (che i renziani vorrebbero eliminare).

A proposito delle misure per incentivare i pagamenti elettronici, questa mattina il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha fatto una valutazione positiva dell’orientamento del Governo ma ha anche chiesto di non penalizzare «il legittimo ricorso all’uso dei contanti», privilegiando, invece, la riduzione delle commissioni e dei costi sia per i consumatori sia per i commercianti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube