HOME Articoli

Lo sai che? Nel diritto di famiglia nessun ricorso d’urgenza all’articolo 700

Lo sai che? Pubblicato il 1 luglio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 luglio 2013

Rigettato il ricorso all’articolo 700 nel diritto di famiglia perché non vi sono spazi alla tutela atipica residuale: esistono numerosi rimedi speciali cui ricorrere e che coprono tutte le fattispecie di possibili abusi.

Nel diritto di famiglia non si può far uso del procedimento d’urgenza previsto dall’articolo 700 del codice di procedura civile. Ciò perché tale strumento è consentito, in via residuale, solo quando non vi siano altri procedimenti tipici di tutela cui ricorrere.

Al contrario, il diritto di famiglia prevede numerosi rimedi speciali, tipici e settoriali, per tutelare uno dei due partner da qualsiasi tipo di illecito dell’altro. In tal modo risultano coperte tutte le fattispecie di possibili abusi e non vi è alcun spazio per il ricorso alla tutela residuale dell’articolo 700.

Esistono, per esempio, garanzie per l’assegno di mantenimento [1]; provvedimenti atipici per le condotte aggressive [2]; sanzioni e risarcimento del danno [3]; modifica/revoca dei provvedimenti interinali [4]; ingiunzioni di pagamento in ragione delle condizioni di separazione o divorzio, costituenti titolo esecutivo; sequestro dei beni del coniuge allontanatosi [5]; presentazione della domanda di separazione o divorzio.

A dare questa interpretazione è il tribunale di Milano, con una recente ordinanza [6].

Pertanto, in caso di presentazione di un ricorso d’urgenza in base all’articolo 700, il giudice non fisserà neanche la prima udienza di comparizione delle parti, ma si limiterà a rigettare il ricorso già dopo il suo deposito.

note

[1] Art. 156 cod. civ.

[2] Art. 342-bis cod. civ.

[3] Art. 709-ter cod. proc. civ.

[4] Art. 709, ult. comma, cod. proc. civ.;

[5] Art. 146 cod. civ.

[6] Trib. Milano del 17.04.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Sembra inverosimile non poter ricorrere all’art. 700 cpc, nel diritto di famiglia, stante le consolidate lungaggini dei nostri tribunali ed in presenza di un conclamato atteggiamento dell’ex coniuge che si appalesa irrispettoso nei confronti delle ordinanze del Giudice e assente nelle spese per cure e accompagnamenti di un figlio operato di tumore al cervello e bisognoso di continui controlli specialistici.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI