Epilessia: arriva una nuova tecnica per il trattamento

22 Ottobre 2019
Epilessia: arriva una nuova tecnica per il trattamento

Fasci microscopici di radiazioni contro l’epilessia: un approccio innovativo per trattare le patologie cerebrali.

L’epilessia è una malattia del sistema nervoso centrale, generalmente caratterizzata da convulsioni e perdita di coscienza. Le crisi epilettiche sono provocate da un’iperattività delle cellule nervose cerebrali, evidenziabile con l’elettroencefalogramma, seguita da un periodo di completa inattività.

Arriva una nuova tecnica sperimentale per il trattamento non invasivo dell’epilessia e di altre patologie cerebrali e consiste nell’uso di fasci microscopici di radiazioni per tagliare le fibre nervose che all’interno del cervello trasmettono le scariche elettriche causa degli attacchi epilettici e bloccare così il propagarsi della crisi. Un nuovo approccio alla malattia, studiato all’European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble da Pantaleo Romanelli, direttore scientifico del ‘Cyberknife Center’ del Centro diagnostico italiano (Cdi) di Milano.

Questa tecnica sarà trattata in occasione del convegno internazionale dal titolo Frontiers of Radiosurgery che il Cdi di Milano ospiterà il 24 e il 25 ottobre. “Nel corso dell’evento, i maggiori esperti mondiali si confronteranno sulle più recenti applicazioni della radiochirurgia stereotassica, una disciplina che utilizza le radiazioni come se fossero un bisturi chirurgico ‘virtuale’ per combattere patologie come, ad esempio, epilessia e tumori – sottoliea il Cdi in una nota stampa di Adnkronos- L’utilizzo della radiochirurgia stereotassica per lesioni cerebrali, nevralgia del trigemino e casi selezionati di epilessia è già applicato nella nostra struttura grazie a ‘Cyberknife’, un acceleratore lineare montato su un braccio
robotico, che può assumere oltre 1500 posizioni differenti intorno al paziente al fine di arrivare dove la chirurgia tradizionale è interdetta”.

Per Romanelli, presidente del convegno Frontiers of Radiosurgery, organizzato dalla Radiosurgery Society, “è importante sottolineare che questa nuova tecnica è ancora sperimentale ed è possibile grazie alle avanzate strumentazioni del sincrotrone europeo. E’ un’importante frontiera che ha il vantaggio, oltre a non essere invasiva, di rappresentare potenzialmente un’alternativa al trattamento farmacologico per i pazienti su cui i farmaci non hanno effetto e che corrispondono a una percentuale di circa 30% del totale”.

“La crisi epilettica è generata da scariche elettriche che si propagano orizzontalmente dalla sua zona di origine della corteccia cerebrale alle zone circostanti – ricorda il Centro diagnostico italiano – L’innovativa tecnica utilizza, come se si trattasse di un vero e proprio bisturi, fasci di radiazioni spessi anche solo 25 micron per creare incisioni verticali che interrompono questa propagazione e bloccano la crisi sul nascere”.

Il tipo di radiazioni utilizzato per questo trattamento, infatti, è molto avanzato ed è prodotto da uno strumento chiamato sincrotrone, un particolare tipo di acceleratore di particelle. “I fasci di particelle sono generati nelle camere a vuoto anulari dei sincrotroni e di altri tipi di acceleratori di particelle che consentono ai fasci di elettroni di arrivare a velocità prossime a quelle della luce e di produrre radiazioni con una lunghezza d’onda compresa tra l’infrarosso e i raggi X”, conclude il Cdi. Gli studi sperimentali effettuati presso il sincrotrone europeo di Grenoble sono stati pubblicati su ‘Nature Scientific Reports’.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube