Diritto e Fisco | Articoli

Come denunciare un infortunio all’assicurazione?

25 Ottobre 2019 | Autore:
Come denunciare un infortunio all’assicurazione?

Quali coperture offre una polizza per inabilità, invalidità o decesso? Cosa fare per avere il risarcimento previsto dalla polizza? Il fac simile della lettera.

Sei un lavoratore autonomo ed hai subìto un infortunio. Se non hai una copertura assicurativa, le conseguenze per te e per chi dipende economicamente da te possono essere molto pesanti: il periodo in cui sei costretto a restare fermo per recuperarti sarà a secco di entrate, non potrai produrre reddito e dovrai pregare che ti bastino i risparmi per campare e per pagarti le cure. Viceversa, se hai stipulato una polizza per questa eventualità, avrai l’indennizzo che ti spetta secondo quanto stabilito sul contratto. Ma come denunciare un infortunio all’assicurazione? Quali documenti servono ed entro quando vanno inviati?

La polizza infortuni propone diverse coperture, a seconda delle esigenze e delle possibilità economiche del cliente. In base a questi parametri, le compagnie danno la possibilità di personalizzare il contratto. Ad esempio, chi lavora al computer non avrà gli stessi rischi di chi lavora in un cantiere. Chi ha uno studio professionale vicino a casa sua e lascia l’auto in garage tutta la settimana non dovrà essere protetto allo stesso modo di chi fa il rappresentante di commercio e macina chilometri tutti i giorni. In ogni caso, la polizza consente di ottenere un risarcimento nel caso in cui ti debba fermare per una caduta accidentale, per un problema muscolare o per qualsiasi evento che ti impedisca di continuare a produrre reddito. Quando questo succede, è importante sapere come denunciare l’infortunio all’assicurazione per poter ottenere la necessaria copertura economica.

Polizza infortunio: che cosa copre?

Come detto, un’assicurazione contro l’infortunio può cambiare a seconda delle esigenze dell’interessato. Quindi, per stabilire la copertura ideale bisogna ragionare, prima di tutto, sulla propria situazione personale. Quale lavoro fai, quali sono le tue abitudini. Se hai un’attività come idraulico e lavori nei cantieri avrai bisogno di una copertura per determinati infortuni, come può essere una caduta da un ponteggio o un taglio con un flessibile o con un’altra attrezzatura. Se, invece, passi la tua giornata per strada perché sei rappresentante o tassista, ti occorrerà pensare ad una buona copertura contro gli incidenti stradali. Se fai il cuoco o il pizzaiolo, andrebbe bene una copertura contro il rischio di scottatura. E così via.

Non solo lavoro, però: se sei un appassionato della montagna e vai spesso a fare delle arrampicate o delle camminate anche su sentieri impervi, ti conviene valutare una polizza che ti copra dal rischio di una caduta.

A questo punto, una volta individuati i rischi in base alla tua situazione e alle tue abitudini, hai diverse possibilità. La prima, stabilire un indennizzo in base al danno. La seconda, scegliere una diaria, cioè una cifra che ti viene erogata per ogni giorno in cui devi stare fermo. La terza, optare per entrambe le cose. Va da sé che più ampia è la copertura e maggiore sarà il premio da pagare.

Polizza infortunio: quali tipi?

La scelta dell’assicurazione contro l’infortunio, come abbiamo visto, può essere fatta in base al rischio che si pensa di correre. Ma c’è un altro modo per decidere quale polizza sottoscrivere, ed è quello basato sulle possibili conseguenze di quel rischio, nel caso in cui si verificasse. Nello specifico:

  • la copertura per inabilità temporanea;
  • la copertura per invalidità permanente;
  • la copertura per caso morte.

La polizza per inabilità temporanea

Si intende per inabilità temporanea l’impossibilità di svolgere l’attività lavorativa per un determinato periodo a causa di un infortunio o di una malattia. All’assicurato, quindi, viene riscontrato un danno reversibile, che guarirà dopo un certo tempo.

La polizza garantisce un indennizzo per i giorni in cui l’assicurato non può lavorare, la cosiddetta diaria. In questo modo, si compensa il mancato guadagno.

Di solito, è prevista una franchigia pari ad un certo numero di giorni non rimborsabili. Se, ad esempio, la franchigia è di 30 giorni e l’infortunio costringe l’assicurato a restare fermo per più di un mese, la compagnia riconoscerà la diaria dal 31° giorno.

La polizza può contenere anche un massimale, vale a dire un numero di giorni oltre il quale la compagnia non corrisponde più il risarcimento giornaliero.

La polizza per invalidità permanente

Come si può facilmente intuire, in questo caso la polizza copre il caso in cui, a causa di un infortunio o di una malattia, l’assicurato resti invalido a vita. La compagnia può riconoscere per l’infortunio una somma di denaro, una rendita per le situazioni più gravi e le spese mediche sostenute.

Il calcolo dell’invalidità viene fatto in base alle tabelle Inail. Il risarcimento aumenta in base alla percentuale di invalidità riconosciuta.

La polizza per caso morte

Chi svolge un’attività ad alto rischio può sottoscrivere una polizza che garantisca ai suoi cari una somma di denaro nel malaugurato caso in cui un infortunio provochi il suo decesso, con lo scopo di non far mancare un reddito ai superstiti.

Questo tipo di contratto di assicurazione è consigliato non solo ai lavoratori autonomi ma anche ai dipendenti che mantengono da soli una famiglia.

Ovviamente, è necessario che la morte avvenga come diretta conseguenza dell’infortunio. A tal fine, la polizza prevede solitamente che il decesso non avvenga oltre i due anni dall’infortunio subìto.

Se prima della morte è stata risarcita anche un’invalidità permanente, tale somma va scalata da quella relativa al risarcimento per il decesso.

Polizza infortunio: come fare la denuncia all’assicurazione?

Nel caso in cui l’assicurato subisca un infortunio, bisogna leggere il contratto e vedere quale modalità prevede per comunicare l’evento e chiedere il risarcimento. Solitamente, però, occorre inviare entro tre giorni per raccomandata a/r o consegnare alla compagnia una lettera contenente la domanda di denuncia su cui si riporti:

  • la descrizione dell’infortunio;
  • il luogo, la data e l’ora in cui è avvenuto;
  • eventuale documentazione medica (ad esempio, un referto del pronto soccorso, radiografie, richiesta di ricovero, ecc.).

Nell’apposito box sottostante, puoi trovare un fac simile della lettera.

Se la polizza è stata fatta con una compagnia online, conviene contattare il servizio clienti o verificare se sul sito (come spesso succede) si possono trovare il modulo e le indicazioni per fare avere la comunicazione e per chiedere il rimborso o il risarcimento.

Una volta ricevuta la domanda, la compagnia valuterà il danno e chiederà, se necessario, ulteriore documentazione. Invierà anche un perito che accerterà di persona l’entità e la dinamica dell’infortunio.

Nel caso in cui la compagnia di assicurazioni offra un indennizzo inferiore a quello che si ritiene sia giusto, c’è sempre la possibilità di avviare un’azione legale con l’assistenza legale di un avvocato.

Il risarcimento viene erogato a guarigione completa, certificata da un medico. Anche se alcuni contratti – conviene sempre verificare – prevedono un anticipo dell’indennizzo per poter pagare le spese mediche.


MITTENTE:

 

………………………………………………………………….

(Cognome e nome)

………………………………………………………………….

(Indirizzo)

………………………………………………………………….

(C.A.P. e  Località) 

 

 

RACCOMANDATA A.R. 

                                                                                                                    DESTINATARIO:

                                                                                                                    (Indirizzo dell’Azienda /  Contraente di polizza) 

                                                                                                                    ………………………………………………………………

                                                                                                                   (Ragione Sociale)

                                                                                                                   ………………………………………………………………. 

                                                                                                                  (Indirizzo)

                                                                                                                   ………………………………………………………………

                                                                                                                  (C.A.P. e Località) 

 

Oggetto: Denuncia di sinistro                

Il /la sottoscritto/a   ……………………………………………………. , nato/a    …………………………………………………………. 

in data  ………………..  con  domicilio e/o recapito in  …………………………………………………………………………………   

telefono  …………………………………..   assicurato/a con polizza n. 

nato/a…………………. in data…………………… assicurato/a con polizza n. 

 

denuncia l’infortunio avvenuto alle ore …….. ………… del …………………………………………………………

in  ………………………………………………………………………………………………………………………..

Descrizione delle modalità e circostanze dell’infortunio e del relativo danno 

…………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………

 

Si allega documentazione 

Luogo e data………………………………………………..                                 

Firma  ………………………………………………..


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube