Questo sito contribuisce alla audience di
 
L’esperto | Articoli

Servitù passaggio carrabile: ultime sentenze

2 Novembre 2019
Servitù passaggio carrabile: ultime sentenze

Le ultime sentenze su: servitù di passaggio carrabile; domanda di reintegra nel possesso di una servitù di passo carrabile; servitù di pubblico passaggio e di transito pedonale e carrabile su un tratto di strada di proprietà privata; servitù di passaggio carrabile esercitata attraverso un portone; acquisto per usucapione di una servitù di passo carrabile.

Servitù di passaggio carrabile e passaggio pedonale: differenze

La servitù di passo carrabile si differenzia da quella di passaggio pedonale per la maggiore ampiezza del suo contenuto, perché, condividendo con quest’ultima la funzione di consentire il transito delle persone, soddisfa l’ulteriore esigenza di trasporto con veicoli di persone e merci da e verso il fondo dominante; ne consegue che dall’esistenza della servitù di passaggio pedonale non può desumersi l’esistenza di quella di passo carrabile, né il passaggio a piedi costituisce atto idoneo a conservare il possesso della servitù di passaggio con automezzi.

(Nella specie la S.C. ha ritenuto che l’avvenuto esercizio di un passaggio solo a piedi e mediante carretti per il tempo necessario ad usucapire non valesse a costituire una servitù di transito carrabile, occorrendo in concreto stabilire se la strada consentisse – per caratteristiche oggettive e per la sua specifica destinazione funzionale – anche il traffico carrabile e, soprattutto, se ivi si svolgesse effettivamente il passaggio con mezzi meccanici).

Cassazione civile sez. II, 23/07/2018, n.19483

Servitù di passaggio carrabile a favore del fondo dominante

Qualora risulti incontestato l’uso del passo pedonale su area prossima o parzialmente coincidente con quella gravata dal diritto di transito pattiziamente costituito, si può ritenere che sia stata conservata la servitù di passaggio carrabile a favore del fondo dominante.

Cassazione civile sez. II, 10/04/2014, n.8427

Accertamento dell’esistenza della pretesa servitù

L’azione negatoria “servitutis” tende alla negazione di qualsiasi diritto, anche dominicale, affermato dal terzo sulla cosa dell’ attore, e dunque non soltanto all’accertamento dell’inesistenza della pretesa servitù, ma anche al conseguimento della cessazione della situazione antigiuridica posta in essere dal vicino, al fine di ottenere la libertà del fondo.

Inoltre, poiché la titolarità del bene si pone come requisito di legittimazione attiva e non come oggetto della controversia, la parte che agisce non ha l’onere di fornire, come per l’azione di rivendica, la prova rigorosa della proprietà. Nella specie, il tribunale ha negato la servitù di un passo carrabile dove veniva parcheggiata la macchina.

Tribunale Savona, 23/06/2005

Servitù di pubblico passaggio su tratto di strada privato già destinato a uso pubblico

E’ illegittima la deliberazione con la quale il Consiglio comunale, facendo riferimento all’art. 42- bis del d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, ha costituito una servitù di pubblico passaggio e di transito pedonale e carrabile su un tratto di strada di proprietà privata, destinato a uso pubblico da lungo tempo e collegato alla pubblica via.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. II, 16/02/2016, n.170

Domanda di usucapione per le servitù di passo carrabile e di parcheggio

La natura della scalinata, la sua conformazione, la sua lunghezza, l’altezza dei gradini sono tutti elementi che consentono di ritenere infondata la pretesa degli appellanti di acquisto per usucapione di una servitù di passo carrabile in detto sito. Anche a non voler considerare l’assenza di opere visibili che avrebbero dovuto denotare l’animus possidendi del bene, non si vede come sia ipotizzabile un costante, pacifico e non clandestino transito con mezzi in un luogo che è, con assoluta evidenza, deputato esclusivamente al transito di pedoni.

Anche per la domanda relativa alla servitù di parcheggio si osserva che i testi hanno genericamente riferito della possibilità di lasciare la propria autovettura da parte di chiunque, motivo per cui non può ritenersi raggiunta la prova di un esercizio esclusivo di detta facoltà da parte degli appellanti con modalità tali, ivi compresa la presenza di segni visibili, da consentire l’accoglimento della loro domanda.

Corte appello Brescia sez. II, 20/01/2017, n.90

Destinazione del fondo e accessibilità alla casa di abitazione

Ai sensi dell’art. 1052 c.c. – da leggere alla luce di C. cost. n. 167 del 1999 – la costituzione coattiva di una servitù di passaggio carrabile in favore di un fondo non intercluso può avvenire non soltanto in presenza di esigenze dell’agricoltura o dell’industria, bensì anche ai fini di consentire una piena accessibilità alla casa di abitazione.

Cassazione civile sez. II, 03/08/2012, n.14103

Servitù di passaggio pedonale e carrabile

In tema di servitù prediali, l’art. 1063 c.c. stabilisce una graduatoria delle fonti regolatrici dell’estensione e dell’esercizio delle servitù, ponendo a fonte primaria il titolo costitutivo del diritto, mentre i precetti dettati dai successivi art. 1064 e 1065 c.c. rivestono carattere meramente sussidiario. Tali precetti, pertanto, possono trovare applicazione soltanto quando il titolo manifesti al riguardo lacune o imprecisioni non superabili mediante l’impiego di adeguati criteri ermeneutici: ove, invece, il contenuto e le modalità di esercizio risultino puntualmente e inequivocabilmente determinati dal titolo, a questo soltanto deve farsi riferimento, senza possibilità di ricorrere al criterio del soddisfacimento del bisogno del fondo dominante con il minor aggravio del fondo servente.

(Fattispecie nella quale, sulla scorta dell’enunciato principio, la Corte ha escluso che – in assenza di precise indicazioni del titolo costitutivo – la servitù di passaggio potesse intendersi, oltre che pedonale, estesa anche a carrabile).

Cassazione civile sez. II, 05/03/2010, n.5434

Possesso della servitù di passaggio

Commettono spoglio in danno di un avvocato, incaricato di trattare la vendita di un immobile, coloro che, dopo aver cambiato la serratura del cancello che sbarra la via per raggiungere il fondo, rifiutano di consegnare al legale le nuove chiavi; pertanto, va ordinato agli autori dello spoglio di reintegrare l’avvocato nel possesso della servitù di passaggio, pedonale e carrabile, attraverso il vialetto di ingresso che dalla strada comunale porta a detto immobile e di consegnargli le chiavi del cancello.

Tribunale Macerata, 20/02/2009

Terreno comune usato come passaggio pedonale e carrabile

L’apertura di un varco sul muro comune che mette in comunicazione il terreno di proprietà esclusiva di un singolo condomino con quello comune non da luogo alla costituzione di una servitù quando il terreno comune viene già usato come passaggio pedonale e carrabile, sempre che l’opera realizzata non pregiudichi l’eguale godimento della cosa comune da parte degli altri condomini, vertendosi in una ipotesi di uso della cosa comune a vantaggio della propria che rientra nei poteri di godimento inerenti al dominio.

Tribunale Trani, 26/11/2004

Costituzione contrattuale di una servitù di passo carrabile

Il passaggio con animali, in gregge o mandria, si differenzia, per contenuto e modalità, da quello cosiddetto carrabile, cioè con veicoli. Pertanto, la costituzione contrattuale di una servitù di passo carrabile può ritenersi comprensiva del suddetto passaggio con animali solo quando dall’interpretazione del titolo, secondo i criteri d’ermeneutica fissati dagli art. 1362 ss. c.c., emerga che le parti abbiano adottato l’indicata espressione al di là del suo significato tecnico-giuridico, per includervi utilizzazioni diverse dal transito veicolare.

Cassazione civile sez. II, 20/02/1982, n.1070

Servitù di passo carrabile a favore di un immobile adibito per uso abitativo

La servitù di passo carrabile, specialmente se a favore di un immobile adibito per uso abitativo, si distingue da quella di passaggio pedonale solo per la maggiore ampiezza del suo contenuto perché, a meno che non sia espressamente costituita solo per il trasporto delle merci, condivide con quest’ultima la funzione di consentire il transito delle persone soddisfacendo anche le esigenze di trasporto con veicoli di persone e merci da e verso il fondo dominante; conseguentemente, estendendosi la domanda di reintegra nel possesso di una servitù di passo carrabile alla reintegra nel possesso del passaggio pedonale, la sua sostituzione con quella di reintegra nella servitù di passaggio pedonale realizza solo una riduzione quantitativa della originaria domanda, consentita alla parte, ai sensi dell’art. 184 c.p.c. senza necessità di accettazione dell’altra, che non ha interesse ad opporvisi per ottenere una decisione di accertamento negativo della originaria pretesa, dato che la sentenza sulla domanda successivamente ridotta fa stato anche sulla consistenza del diritto dell’attore, escludendo, con effetto di giudicato, il fondamento della originaria maggiore pretesa.

Cassazione civile sez. II, 29/10/1992, n.11764

Ampio portone: servitù di passaggio

In una servitù di passaggio carrabile esercitata attraverso un ampio portone è compreso anche il passaggio pedonale, a meno che il titolo costitutivo della servitù non lo escluda espressamente.

Cassazione civile sez. II, 27/01/1983, n.747


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA