HOME Articoli

Lo sai che? Porta blindata e allarme contro furti: paga l’inquilino o il proprietario?

Lo sai che? Pubblicato il 2 luglio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 luglio 2013

Installare una porta blindata diventa sempre più necessario quando si vive in un appartamento con porte vecchie: in caso però di affitto, a chi compete la spesa: all’inquilino o al proprietario?

 

Il proprietario dell’immobile non è obbligato a installare una porta blindata, né l’inquilino può pretenderla, atteso che questi ha accettato l’appartamento nello stato in cui si trovava, dopo averlo visionato e ritenuto idoneo all’uso pattuito.

Il contratto di locazione può tuttavia prevedere l’esecuzione, da parte del proprietario, di migliorie o l’installazione di nuovi elementi (come la porta blindata).

Di solito, nei contratti di locazione, è previsto che ogni miglioria o modifica che il conduttore voglia compiere sull’immobile debba essere autorizzata per iscritto dal proprietario. In caso contrario:

– ogni modifica non espressamente autorizzata non sarà rimborsata;

– l’inquilino può essere chiamato a riportare l’appartamento nelle condizioni in cui gli era stato consegnato;

– l’inquilino può comunque ottenere una somma di denaro a copertura totale o parziale delle modifiche o migliorie, se queste sono gradite al proprietario dell’immobile.

Alla luce di ciò, è bene che l’inquilino comunichi al locatore la volontà di cambiare la porta d’ingresso, in modo da trovare un accordo relativo alle spese da sostenere.

Scaduto il contratto, il conduttore potrà portare via con sé la porta blindata e rimontare quella vecchia; oppure, qualora il proprietario abbia acconsentito alle migliorie, l’inquilino potrà ricevere un indennizzo per i costi di installazione sostenuti [1]. Il consiglio all’inquilino è, quindi, quello di concordare sempre con il proprietario i lavori da effettuare.

Le porte blindate accrescono il livello di sicurezza della casa e rappresentano anche un indicatore della percezione del pericolo da parte del cittadino, che si sente sempre meno sicuro.

Le porte blindate non sono tutte uguali e sono suddivise in 6 diverse classi, in base alla loro efficacia difensiva. L’efficacia si misura valutando la resistenza del manufatto alle sollecitazioni esterne. Il livello di resistenza si stabilisce tenendo conto del tempo impiegato a violare la porta e degli attrezzi utilizzati allo scopo. Ecco le classi:

classe 1: vi rientrano quelle porte efficaci a respingere solo chi utilizza la forza fisica per forzarle;

classe 2: vi rientrano le porte in grado di resistere all’attacco sferrato con attrezzi semplici, come cacciavite o utensili simili;

classe 3: vi rientrano le porte in grado di resistere ad attacchi sferrati con attrezzi più specifici e incisivi, come il piede di porco;

classe 4: vi rientrano quelle porte in grado di resistere a scassinatori esperti, muniti di strumenti dall’alto potenziale offensivo, come accette, trapani, seghe;

classe 5 e 6 (più adatte per i negozi): vi rientrano quelle porte capaci di resistere a strumenti elettrici più sofisticati e dalla elevata potenza (ad es. sega elettrica o fiamma ossidrica).

In linea generale, è bene cambiare spesso la serratura della porta d’ingresso. La nascita di nuove e più sofisticate serrature porta il “topo d’appartamento” ad un continuo aggiornamento sulle modalità di apertura. Le possibilità che il ladro sappia aprire aumentano considerevolmente se dispone di una porta vecchia.

note

[1] Tale indennizzo, salvo accordi differenti, è pari alla minor somma tra l’importo della spesa e il valore delle addizioni al tempo della riconsegna, ex art. 1593 cod. civ. 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. io ho subito un furto in casa e voglio che il proprietario metta un porta blindata… oppure se non mi installa la porta e volessi andare via da casa, come faccio con il contratto di locazione, visto che devo dare un preavviso di 6 mesi?

  2. HO DA POCO SUBITO UN FURTO NEL MIO APPARTAMENTO IN LOCAZIONE , PER CUI IL PROPRIETARIO HA DECISO DI ISTALLARE UN ANTIFURTO : DUE DOMANDE

    1) PUO AUMENTARMI L’AFFITTO PER LA MIGLIORIA FATTA ?
    2 ) PUO ISTALLARLO ANCHE CONTRO LA MIA VOLONTA ?

  3. Il proprietario vuole che cambi la porta e che ne metta una blindata. A me va bene anche questa. A chi spetta la spesa?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI