L’esperto | Articoli

Ritrattazione: ultime sentenze

14 Novembre 2019
Ritrattazione: ultime sentenze

Le ultime sentenze su: dibattimento; ritrattazione resa dalla vittima di reato; ragioni della ritrattazione; ritrattazione successiva all’avvio delle investigazioni; ritrattazione inattendibile o mendace; valutazione della genuinità della deposizione; smentita non equivoca del fatto.

Ritrattazione: configurabilità

La ritrattazione elimina la punibilità del delitto di falsa testimonianza quando consista in una smentita non equivoca del fatto falso o reticente oggetto della deposizione e nella manifestazione del vero, postulando una fedele esposizione degli avvenimenti che hanno formato oggetto della testimonianza tale da ripristinare in pieno la verità.

Pertanto, non può integrare la ritrattazione una dichiarazione che, pur volta a minimizzare le conseguenze processuali della testimonianza, sostanzialmente confermi il precedente racconto, o la mera insinuazione del dubbio sulla veridicità della prima deposizione che, tuttavia, non escluda la circostanza prima asserita con sicurezza. Analogamente, non costituisce ritrattazione una ammissione solo parziale dei fatti veri o la sostituzione della versione falsa con la generica affermazione di non ricordare bene a causa del tempo trascorso.

Cassazione penale sez. VI, 04/05/2018, n.38529

Dibattimento: la ritrattazione della vittima di reato 

La ritrattazione resa in dibattimento dalla vittima di reato in assenza di altre testimonianze sui fatti impone una pronuncia assolutoria. (Nel caso di specie, si trattava di reati di violenza sessuale maltrattamenti in famiglia e lesioni gravi dove la donna aveva ridimensionato il reato di violenza sessuale e di maltrattamenti in famiglia affermando che vi erano state delle liti con reciproche aggressioni fisiche).

Tribunale S.Maria Capua V. sez. II, 11/09/2018, n.3739

Reato di minaccia grave: la ritrattazione della vittima

La ritrattazione della vittima nel reato di minaccia grave con un coltello accertata nel contesto nel quale si colloca e dal tenore delle frasi pronunciate non comporta l’assenza di offensività nel reato, avendo la condotta minatoria ingenerato timore e turbamento alla persona.

(Nel caso di specie, si trattava del figlio convivente che con un coltello da cucina che aveva minacciato il padre di tagliargli la testa e di volerlo accoltellare).

Tribunale Nola, 11/06/2018, n.715

Simulazione di reato: la ritrattazione successiva all’avvio delle investigazioni

La ritrattazione successiva all’avvio delle investigazioni dà luogo al ravvedimento operoso nel delitto di simulazione di reato – reato istantaneo e di pericolo – solo se elida o attenui efficacemente le conseguenze del fatto e non quando avvenga a tale distanza dalla falsa denuncia da non arrecare alcun efficace contributo alle indagini, avendo già l’autorità investigativa ricostruito autonomamente la consistenza dei fatti.

Cassazione penale sez. IV, 20/06/2018, n.32221

Ritrattazione delle dichiarazioni accusatorie del collaboratore di giustizia 

Nell’ipotesi di dichiarazioni accusatorie rese da un collaboratore di giustizia e di successiva ritrattazione non inequivocabilmente idonea a svalutarle, il giudice, in sede di giudizio abbreviato, può legittimamente assegnare peso probatorio alle prime dichiarazioni, a condizione che eserciti su queste un controllo più incisivo, possibilmente esteso ai motivi della variazione del dichiarato, potendo anche giungere a ritenere che la ritrattazione inattendibile o mendace si traduce, proprio perché tale, in un ulteriore elemento di conferma delle accuse originarie.

(Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto immune da censure la valutazione di attendibilità delle originarie dichiarazioni accusatorie, poi ritrattate, rese da un collaboratore di giustizia, in considerazione del loro contenuto dettagliato e puntuale, dei riscontri esterni obiettivi alle stesse, e delle ragioni della ritrattazione ravvisate nel risentimento nutrito dal collaboratore nei confronti degli inquirenti).

Cassazione penale sez. IV, 05/10/2017, n.53568

Ritrattazione in sede penale 

La ritrattazione compiuta nel processo penale esclude la punibilità di una falsa testimonianza resa in un processo civile solo se interviene prima che sulla domanda giudiziale proposta in sede civilistica sia pronunciata sentenza definitiva anche se non irrevocabile, tale dovendosi ritenere ogni pronuncia sul “petitum” introdotto dall’attore o dal ricorrente, compresa l’ordinanza emessa nel giudizio possessorio al termine della fase sommaria interdittale, con esclusione delle pronunce interlocutorie, incidentali o di carattere meramente processuale.

Cassazione penale sez. VI, 05/10/2017, n.49072

L’attendibilità del chiamante in correità

La ritrattazione, in quanto tale, non costituisce elemento in grado di escludere l’attendibilità intrinseca del chiamante in correità, purché il giudice di merito, con congrua motivazione, dia conto delle ragioni del mutamento della posizione del dichiarante ovvero ponga in rilievo l’assoluta inattendibilità delle “controdichiarazioni”.

Cassazione penale sez. I, 20/06/2017, n.41585

Sono utilizzabili le dichiarazione rese durante le indagini?

La ritrattazione dibattimentale del soggetto già ammesso al programma di protezione quale collaboratore di giustizia non necessariamente deve interpretarsi come esclusivo comportamento meramente ritorsivo nei confronti dello Stato che aveva disposto la revoca del programma a seguito di comportamenti penalmente rilevanti tenuti in epoca successiva dallo stesso, dovendosi necessariamente valutare innanzitutto se tale condotta, ferma la valutazione di credibilità originaria del propalante, sia la conseguenza diretta della situazione di isolamento e di esposizione alle forti pressioni dell’ambiente delinquenziale di provenienza che da tale scelta erano derivate, con conseguente utilizzabilità delle dichiarazioni rese in sede di indagini a norma dell’art. 500, comma quarto, cod. proc. pen..

Cassazione penale sez. II, 17/02/2017, n.13550

Ritrattazione delle dichiarazioni rese durante le indagini

Con riferimento alla deposizione testimoniale resa in sede di incidente probatorio avente ad oggetto la ritrattazione di precedenti dichiarazioni rilasciate durante le indagini preliminari, il giudice è tenuto a valutare, sia in relazione allo sviluppo delle indagini sia in ottica dibattimentale, la sussistenza di elementi rilevanti ai fini dell’operatività del comma 4 dell’art. 500 c.p.p. che abbiano potuto condizionare la dichiarazione del teste.

(La S.C. in motivazione, ha precisato che anche a seguito delle modifiche apportate all’art. 500 c.p.p. dalla l. n. 63 del 2001, in sede cautelare il g.i.p. ben può attribuire maggiore attendibilità alle dichiarazioni rese dal teste del p.m. piuttosto che a quelle rese in sede di incidente probatorio, quando fondi il proprio convincimento su una motivazione logica e congrua).

Cassazione penale sez. II, 16/12/2016, n.13836

La ritrattazione dell’imputato

In tema di favoreggiamento personale, la ritrattazione opera come causa di non punibilità del reato solo allorquando essa avvenga nello stesso processo penale in cui il responsabile ha posto in essere la condotta di favoreggiamento, a nulla rilevando che essa sia venuta a conoscenza dell’ autorità davanti alla quale è stata consumata la falsità e che essa l’abbia utilizzata insieme con altri elementi processuali.

(Fattispecie in cui la Corte, ha ritenuto applicabile la causa di non punibilità avendo l’imputato effettuato la ritrattazione nel corso del giudizio abbreviato celebrato nei suoi confronti a seguito di separazione del processo ai sensi dell’art. 18 cod. proc. pen., e dunque sempre nell’ambito dell’unitario procedimento originario iscritto anche nei confronti degli autori del reato-presupposto).

Cassazione penale sez. VI, 04/05/2016, n.27933

Falsa testimonianza: in cosa deve consistere la ritrattazione? 

La ritrattazione, quale causa che elimina la punibilità del delitto di falsa testimonianza, deve consistere in una smentita non equivoca del fatto deposto e nella manifestazione del vero, non essendo sufficiente una dichiarazione che, pur volta a minimizzare le conseguenze processuali della testimonianza, sostanzialmente confermi il precedente racconto.

Cassazione penale sez. VI, 04/02/2016, n.9955


note

Autore immagine: 123rf com.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube