L’esperto | Articoli

Sfruttamento del lavoro: ultime sentenze

8 Novembre 2021
Sfruttamento del lavoro: ultime sentenze

Condotta del datore di lavoro; violazione della normativa sugli orari di lavoro e i riposi; stato di necessità e bisogno dei lavoratori; retribuzione difforme dai contratti collettivi e sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato.

Interposizione illecita di manodopera

Il divieto di intermediazione ed interposizione nelle prestazioni di lavoro è finalizzato a proteggere i lavoratori da forme di sfruttamento derivanti dalla dissociazione tra il titolare formale dell’assunzione e l’effettivo beneficiario delle prestazioni lavorative; esso opera oggettivamente, ossia prescindendo dall’intento fraudolento o simulatorio delle parti. Ciò detto, l’interposizione illecita si configura anche in presenza di soggetti titolari di una propria organizzazione autonoma, che professionalmente abbiano assunto appalti regolari di opere e servizi, se la situazione lavorativa apparente non corrisponde a quella reale, con la conseguenza che i lavoratori sono considerati, a tutti gli effetti, alle dipendenze del soggetto che ne ha effettivamente utilizzato le prestazioni lavorative.

Tribunale Teramo sez. lav., 08/07/2021, n.363

Forme di sfruttamento lavorativo

In tema di protezione umanitaria – nei casi in cui “ratione temporis” sia applicabile l’art. 5, comma 6, del d.lgs. n. 286 del 1998 -, il giudice, nell’accertamento della condizione di vulnerabilità per seri motivi di salute, è tenuto a svolgere un ruolo attivo nell’istruzione della domanda di protezione, disancorato dal principio dispositivo proprio del giudizio civile, attribuendo rilievo anche a forme di sfruttamento lavorativo – in relazione alle condizioni in cui si sviluppano, normalmente caratterizzate da forte precarietà, da isolamento ambientale e sociale, da scarsa regolazione del lavoro e conseguente sovraccarico anche emotivo, da estrema dipendenza dal datore di lavoro, fino a forme di coazione servile -, onde valutare se le stesse abbiano inciso, generando disturbi mentali, sul quadro psicologico del richiedente.

Cassazione civile sez. lav., 16/06/2021, n.17204

La concessione della protezione umanitaria

In materia di protezione internazionale, ove nella vicenda dedotta dal richiedente asilo sia ritenuto oggettivamente ravvisabile, sulla scorta degli indici individuati dalle Linee guida UNHCR, il forte ed attuale rischio, in caso di rimpatrio forzato, di esposizione allo sfruttamento sessuale o lavorativo nell’ambito del circuito della tratta di esseri umani, sì da ritenere sussistenti i presupposti per la segnalazione dei delitti ex art. 600 e 601 c.p. e per la segnalazione ai sensi dell’art. 32, comma 3-bis, del d.lgs. n. 25 del 2008, ricorre una condizione di vulnerabilità personale valorizzabile ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria anche ove tale condizione non sia esplicitamente riconosciuta dall’istante.

Cassazione civile sez. II, 27/01/2021, n.1750

Braccianti indebitamente sfruttati

Ai fini della punibilità del reato di cui all’art. 603-bis c.p. è irrilevante il fatto che l’agente non abbia mai preteso alcun compenso dai braccianti indebitamente sfruttati, se l’attività di reperimento e trasporto dei lavoratori sul luogo di lavoro, tipica del ‘caporale’, sia svolta in favore di chi ‘sfrutta’ illecitamente il lavoro dei braccianti approfittando del loro stato di bisogno.

Cassazione penale sez. IV, 12/05/2021, n.25083

Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro: lo stato di bisogno

Ai fini dell’integrazione del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, lo stato di bisogno non va inteso come uno stato di necessità tale da annientare in modo assoluto qualunque libertà di scelta, bensì come una situazione di grave difficoltà, anche temporanea, tale da limitare la volontà della vittima e da indurla ad accettare condizioni particolarmente svantaggiose. (In applicazione di tale principio la Corte ha ritenuto immune da censure il provvedimento impugnato che aveva ravvisato lo stato di bisogno nella condizione di difficoltà economica delle vittime, capace di incidere sulla loro libertà di autodeterminazione, trattandosi di persone non più giovani e non particolarmente specializzate, e quindi prive della possibilità di reperire facilmente un’occupazione lavorativa).

Cassazione penale sez. IV, 16/03/2021, n.24441

Accettazione di condizioni particolarmente svantaggiose

In tema di sfruttamento del lavoro, lo stato di bisogno va identificato non con uno stato di necessità tale da annientare in modo assoluto qualunque libertà di scelta, ma come un impellente assillo e, cioè una situazione di grave difficoltà, anche temporanea, in grado di limitare la volontà della vittima, inducendola ad accettare condizioni particolarmente svantaggiose. Risulta, quindi, del tutto corretta l’opzione interpretativa che ha ravvisato nella condizione delle vittime (non più giovani e/o non particolarmente specializzate e, quindi, prive della possibilità di reperire facilmente un’occupazione lavorativa) una condizione di difficoltà economica capace di incidere sulla loro libertà di autodeterminazione a contrarre.

Cassazione penale sez. IV, 16/03/2021, n.24441

Reato di sfruttamento del lavoro

Ai fini della integrazione del reato di cui all’articolo 603-bis del Cp, è sufficiente la sussistenza anche di uno soltanto degli indici di sfruttamento del lavoro contemplati dalla norma, che sono previsti chiaramente, in base alla lettera della legge, come alternativi (nella specie, relativa a vicenda cautelare, il reato è stato ravvisato a carico di indagato cui era stato contestato di avere impiegato manodopera sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento, attesa la reiterata retribuzione in modo difforme dai contratti collettivi e sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato).

Cassazione penale sez. IV, 02/02/2021, n.6905

Sfruttamento di lavoratori e caporalato

È sufficiente, ai fini della integrazione del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, la sussistenza di uno soltanto degli indici contemplati dall’art. 603-bis c.p., che sono previsti chiaramente, in base alla lettera della legge, come alternativi.

Cassazione penale sez. IV, 02/02/2021, n.6905

Illecito sfruttamento di tre lavoratori

La misura del controllo giudiziario d’azienda che, nei procedimenti per i reati previsti dall’articolo 603-bis del codice penale, è applicabile, in sostituzione del sequestro, qualora l’interruzione dell’attività imprenditoriale possa comportare ripercussioni negative sui livelli occupazionali o compromettere il valore economico del complesso aziendale (cfr. articolo 3 della legge 29 ottobre 2016 n. 199), è rimessa all’apprezzamento del giudice, e non è oggetto di un obbligo, perché è subordinata alla verifica della sussistenza delle anzidette condizioni (nella specie, la Corte ha ritenuto correttamente motivato il diniego del controllo d’azienda, perché l’ordinanza impugnata aveva satisfattivamente spiegato le ragioni prevalenti che sconsigliavano il controllo, valorizzando l’interesse dello Stato a impedire la prosecuzione del reato, considerato prevalente rispetto alla continuità dell’azienda, tenuto conto delle dimensioni ridotte dell’attività d’impresa e della necessità di interrompere l’illecito sfruttamento di tre lavoratori impiegati presso la stazione di autolavaggio gestita dalla piccola impresa dell’indagato).

Cassazione penale sez. IV, 27/01/2021, n.6894

Reato di sfruttamento del lavoro: configurabilità

La mera condizione di irregolarità amministrativa del cittadino extracomunitario nel territorio nazionale, accompagnata da situazione di disagio e di bisogno di accedere alla prestazione lavorativa, non può di per sé costituire elemento valevole da solo ad integrare il reato di cui all’art. 603-bis cod. pen. caratterizzato, al contrario, dallo sfruttamento del lavoratore, i cui indici di rilevazione attengono ad una condizione di eclatante pregiudizio e di rilevante soggezione del lavoratore, resa manifesta da profili contrattuali retributivi o da profili normativi del rapporto di lavoro, o da violazione delle norme in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro, o da sottoposizione a umilianti o degradanti condizioni di lavoro e di alloggio.

Tribunale La Spezia sez. uff. indagini prel., 02/11/2020

Violazione della normativa sugli orari di lavoro e sui riposi

Integra il reato di sfruttamento del lavoro la condotta del datore di lavoro consistente nel sottoporre il dipendente a un regime di sfruttamento, desumibile dall’esistenza di indici quali la reiterata violazione della normativa sugli orari di lavoro e i riposi, nonché la mancata predisposizione delle dovute misure di sicurezza, approfittando dello stato di bisogno di lavoratori, in riferimento alla situazione di clandestinità degli stessi.

Cassazione penale sez. V, 12/01/2018, n.17939

Reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro

In tema di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, il reato di cui all’art. 603 bis, cod. pen., nel testo precedente alla legge di modifica 29 ottobre 2016, n. 199, richiede “l’attività organizzata” di intermediazione come modalità della condotta, che non richiede necessariamente la forma associativa ma deve svolgersi in modo non occasionale, attraverso una strutturazione che comporti l’impiego di mezzi.

(In motivazione, la Corte, applicando, perchè più favorevole, la formulazione precedente alla novella del reato di cui all’art. 603 bis cod. pen., ha ritenuto sussistente il requisito dell’attività organizzata di intermediazione nei confronti dei due imputati, i quali curavano tutti gli aspetti organizzativi del lavoro in condizioni di sfruttamento di alcuni braccianti agricoli).

Cassazione penale sez. V, 23/11/2016, n.6788

Permesso di soggiorno per particolare sfruttamento lavorativo

Il permesso di soggiorno per “particolare sfruttamento lavorativo” è un tipo di permesso di soggiorno per ragioni umanitarie che può essere concesso al lavoratore straniero che, trovandosi in una situazione di particolare sfruttamento lavorativo, abbia presentato denuncia contro il proprio datore di lavoro e cooperi nel procedimento penale instaurato a suo carico.

Lo sfruttamento sussiste in presenza di condizioni lavorative, incluse quelle risultanti da discriminazione di genere e di altro tipo, in cui vi è una palese sproporzione rispetto alle condizioni di impiego dei lavoratori assunti legalmente, che incide, ad esempio, sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori ed è contraria alla dignità umana. In tutti questi casi – che sono particolarmente delicati e meritevoli di tutela – non si può certamente dubitare della natura della posizione soggettiva del richiedente come “diritto soggettivo” da annoverare tra i diritti umani fondamentali che godono della protezione apprestata dall’art. 2 Cost. e dall’art. 3 CEDU, che non è affievolibile per atto della p.a.

Di qui la conseguenza che, ai fini del relativo rilascio, secondo i principi generali, al Questore non è più attribuita alcuna discrezionalità valutativa, essendo il suo ruolo limitato all’accertamento della sussistenza dei presupposti di fatto legittimanti il rilascio del permesso di soggiorno, nell’esercizio di una mera discrezionalità tecnica, poiché il bilanciamento degli interessi e delle situazioni costituzionalmente tutelate è riservato al legislatore.
Fonte:

Cassazione civile sez. un., 11/12/2018, n.32044

Divieto di intermediazione e interposizione

In tema di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro (art. 603 bis c.p.) deve ritenersi carente la motivazione sulla base della quale si affermi la configurabilità di detto reato avendo riguardo soltanto agli elementi indicativi dello sfruttamento (quali, nella specie -trattandosi di operai distaccati da altre imprese- un orario di lavoro largamente superiore alla regola delle otto ore giornaliere, la corresponsione di metà della retribuzione dovuta, essendo l’altra metà destinata ai titolari delle imprese distaccanti, il mancato riconoscimento del diritto alle ferie ed alle assenze per malattia), senza che risulti dimostrata la sussistenza anche dell’altro necessario elemento, costituito dall’impiego di violenza, minaccia o intimidazione.

Cassazione penale sez. V, 18/12/2015, n.16735

Subappalto di lavori pubblici

In tema di subappalto di lavori pubblici, l’art. 18, comma 4, della legge n. 55 del 1990 (nel testo vigente “ratione temporis”), imponendo all’impresa aggiudicataria di praticare, per le opere affidate in subappalto, gli stessi prezzi unitari risultanti dall’aggiudicazione, con ribasso non superiore al venti per cento, persegue la specifica finalità, di ordine pubblico, di impedire un eccessivo frazionamento dell’operazione economica con finalità di sfruttamento del lavoro, dovendosi valutare il rispetto di tale soglia, onde evitare effetti elusivi della normativa, con riguardo non ai prezzi di mercato ma soltanto al corrispettivo determinato nel contratto ovvero al nuovo prezzo che, relativamente ai lavori subappaltati, committente ed appaltatrice abbiano concordato nel corso dell’esecuzione del rapporto.

Cassazione civile sez. I, 12/02/2016, n.2814

Stato di bisogno o di necessità dei lavoratori

In tema di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, il reato di cui all’art. 603 bis c.p., punisce tutte quelle condotte distorsive del mercato del lavoro, che, in quanto caratterizzate dallo sfruttamento mediante violenza, minaccia o intimidazione, approfittando dello stato di bisogno o di necessità dei lavoratori, non si risolvono nella mera violazione delle regole relative all’avviamento al lavoro sanzionate dall’art. 18 d.lg. 10 settembre 2003 n. 276.

(Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto integrato il requisito della intimidazione nella rinuncia dei lavoratori stranieri, privi di adeguati mezzi di sussistenza, a richiedere il pur irrisorio compenso pattuito con l’agente, per il timore di non essere più chiamati a lavorare).

Cassazione penale sez. V, 04/02/2014, n.14591

Sfruttamento del lavoro domestico

Lo sfruttamento del lavoro domestico in violazione dei diritti salariali di un lavoratore subordinato, in origine minorenne ed affidato dalla famiglia di provenienza ad altra famiglia, pur esercitato con violenza e minaccia sopra il medesimo, non integra di per sè il delitto di riduzione in schiavitù, ma i diversi reati di maltrattamenti in famiglia e di estorsione quando non sia accompagnato da una condizione concreta di segregazione materiale del sottomesso, e di godimento da parte del soggiogante esteso in maniera incondizionata a tutte le possibilità di sfruttamento della persona assoggettata tale da configurare una riduzione in schiavitù.

Tribunale Nuoro, 20/01/1994

Sfruttamento del lavoro agricolo

Il divieto di subaffitto o di subconcessione del fondo, stabilito dall’art. 21 della l. 3 maggio 1982 n. 203, per l’affittuario coltivatore diretto, non ha lo scopo di tutelare un qualche diritto soggettivo del concedente con riguardo all’obbligo di normale e razionale coltivazione del fondo a norma dell’art. 5 della stessa legge, ma quello di protezione degli interessi del lavoratore effettivo della terra, evitando ogni forma di intermediazione e di sfruttamento del lavoro agricolo.

Cassazione civile sez. III, 08/03/1991, n.2471

Correttezza professionale

La correttezza professionale di cui al n. 3 dell’art. 2598 c.c. va individuata nel rispetto delle norme di comportamento che, informandosi ai principi dell’ordinamento in tema di corrispettività del profitto e di illecità dello sfruttamento del lavoro o iniziativa altrui, vietano che la concorrenza sia artificiosamente alterata in conseguenza di elementi che non dipendono dalla qualità del prodotto e dalla originalità o economicità del sistema di produzione, ma dall’appropriazione del risultato di un’attività altrui.

Corte appello Venezia, 25/08/1989

Concorrenza sleale per sfruttamento del lavoro

L’utilizzazione, da parte di un editore, della composizione tipografica (nella specie, mediante fotocopiatura) di un’opera stampata da altro editore, senza il consenso di questi, costituisce atto di concorrenza sleale per sfruttamento del lavoro e della creatività del concorrente (concorrenza parassitaria o sincronica).

Tribunale Verona, 17/06/1989


note

Autore immagine: 123rf com.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube