Tech | Articoli

Come ripristinare Google Chrome

17 Novembre 2019 | Autore: Lisa Sophie Albertelli
Come ripristinare Google Chrome

Cos’è Google Chrome? Come si installa Google Chrome su Windows? Come installare Google Chrome su Mac? Come installare Google Chrome su Linux? Come ripristinare Google Chrome?

Non sei un esperto di informatica? Vorresti conoscere meglio alcuni aspetti di questo ‘mondo misterioso’ seguendo alcune indicazioni guida? Prosegui nella lettura di questo articolo! Oggi, ci occuperemo di Google Chrome e, in particolare, ti spiegherò in modo molto semplice che cos’è Google Chrome, come lo si può installare su Windows e, nello specifico, ti spiegherò come ripristinare Google Chrome.

Che cos’è Google Chrome?

Google Chrome è un browser web, vale a dire un’applicazione che ti permette di navigare in internet, creato da Google nel 2008. In pochissimo tempo, è diventato il browser più conosciuto e utilizzato al mondo. Pensa che a fine giugno 2015 Google Chrome era già usato a livello mondiale dal 64,8% degli utenti. Questo browser, infatti, è in grado di garantire un’ottima navigazione web che sia al contempo veloce, dinamica e sicura. Ti segnalo, però, i due punti deboli di Google Chrome che bisogna prendere in considerazione: innanzitutto devi sapere che l’utilizzo di Google Chrome comporta un consumo eccessivo di risorse (RAM/batteria) e, inoltre, tieni presente che i tuoi dati personali verranno raccolti da Google.

Nonostante ciò, rimane uno dei migliori browser web attuali.

Come installare Google Chrome su Windows?

Se sei convinto che Google Chrome faccia al caso tuo, ti illustro subito in pochi e semplici passaggi cosa dovrai fare per poterlo installare su Windows.

Ricorda che per poter utilizzare Google Chrome su Windows, sono necessari: Windows 7, Windows 8, Windows 8.1, Windows 10 o versione successiva e un processore Intel Pentium 4 o versioni successive che supporti SSE

Detto ciò ti spiego subito come fare: innanzitutto devi scaricare il file di installazione: per farlo, ti basterà cliccare qui. Successivamente, ti verrà richiesto di selezionare ‘Esegui’ oppure di selezionare la voce ‘Salva’.

Se scegli ‘Salva’, pigia due volte sul file di download così da far avviare l’installazione di Google Chrome.

Se si tratta di Windows 7, al termine della configurazione ti si aprirà una finestra di Chrome. Se, invece, hai Windows 8 o 8.1, una volta terminato il procedimento di installazione, ti apparirà una finestra di benvenuto. Dovrai, quindi, cliccare su ‘Avanti’ per selezionare il bowser predefinito. Per quanto riguarda, invece, Windows 10, al termine della configurazione ti si aprirà una finestra di Chrome. Quindi, potrai impostare Chrome come browser predefinito.

Come installare Google Chrome su Mac?

Se possiedi un Mac, non temere! Potrai scaricare, allo stesso modo di Windows, Google Chrome sul tuo computer. Se ti interessa sapere come, te lo illustrerò in pochissimi passaggi. Dovrai solamente proseguire nella lettura.

Tieni a mente, però, che per poter utilizzare Chrome su Mac, sono necessari: OS X Yosemite 10.10 o versioni successive. Detto ciò, vediamo cosa devi fare. Innanzitutto, devi scaricare il file di installazione cliccando qui. Dopodiché, dovrai aprire il file denominato come “googlechrome.dmg”. Quindi, cerca Chrome nella finestra che ti viene mostrata.

A questo punto, dovrai trascinare Google Chrome nella cartella segnalata dalla voce ‘Applicazioni’. Ti avverto che potrebbe essere possibile che ti venga richiesto di inserire la password dell’amministratore. Se non conosci questa password, non preoccuparti. Dovrai solamente trascinare Google Chrome in una posizione dello schermo del tuo computer in cui possa essere possibile apportare modifiche, ad esempio il desktop. Ora, puoi aprire Chrome; dopodiché apri il Finder.

Infine, nella barra laterale, clicca sulla voce ‘Espelli’ che troverai a destra di Google Chrome.

Come installare Google Chrome su Linux?

Se il tuo sistema operativo non è ne Windows, nè Mac, ma è Linux, potrai scaricare anche tu Google Chrome in poche mosse.

Per installare il browser web Google Chrome, usa lo stesso software con cui installi gli altri svariati programmi sul tuo computer personale. Per procedere con il download e l’installazion,e ti verrà chiesto di inserire la password propria dell’account amministratore.

Una volta inserita la password, potrai finalmente scarica il file di installazione. Quindi, ti basterà fare ‘clic’ sulla voce ‘OK’ per poter aprire il pacchetto; poi, seleziona ‘Installa pacchetto’. In questo modo, Google Chrome verrà aggiunto al tuo programma di gestione del software affinché sia sempre aggiornato.

Per scaricare Google Chrome sul sistema operativo Linux, sono necessari alcuni requisiti. Per poter utilizzare questo browser web su Linux, occorrono: Ubuntu a 64 bit 14.04 o versioni successive, Debian 8 o versioni successive, openSUSE 13.3 o versioni successive oppure Fedora Linux 24 o versioni successive; un processore Intel Pentium 4 o versioni successive che supporti SSE2.

Come ripristinare Google Chrome?

Se conoscevi già Google Chrome e lo avevi installato in precedenza sul tuo computer, ma ora stai riscontrando dei problemi con questo browser web, ti spiego come poter ripristinare Google Chrome senza perdere i tuoi dati personali.

Nonostante Google Chrome sia ottimo sotto tanti punti di vista, talvolta possono presentarsi inevitabilmente dei problemi. Può accadere, ad esempio, che il browser diventi molto lento, che si verifichino blocchi improvvisi oppure che non sia possibile visualizzare alcuni tipi di contenuti presenti in un sito.

I motivi per cui si possono verificare questi problemi sono diversi. Nonostante la loro molteplicità, possono essere in genere riconducibili all’installazione di un programma dannoso. Se non presti sempre la massima attenzione a cosa installi sul tuo computer, ti potrebbe capitare di installare involontariamente alcune componenti che modificano le impostazioni di Chrome senza che tu riesca ad accorgertene.

A proposito di elementi dannosi per Chrome e per il nostro computer, recentemente è stato diffuso proprio attraverso Google Chrome il cosiddetto ‘Chromex.Submelius’, un malware che reindirizza il browser dell’utente verso un indirizzo specifico con contenuti dannosi. Se ti interessa approfondire questo argomento leggi qui.

Cosa bisogna fare allora di fronte a tali problemi con Chrome? La prima cosa è sicuramente procedere con il ripristino di Google Chrome. Ripristinando Google Chrome, in modo molto facile e veloce, potrai annullare le modifiche effettuate da te o da programmi vari nel corso del tempo e riportare le impostazioni di Chrome allo stato originario, cioè allo stato in cui erano al momento dell’installazione. Potresti chiederti, quindi, che cosa potrebbe accadere alle password salvate oppure ai preferiti selezionati sul tuo Chrome. Non temere, il ripristino di Google Chrome non implica la perdita dei tuoi dai personali: infatti, non saranno nè modificati, nè tanto meno cancellati.

Ti spiego ora come fare per ripristinare Google Chrome. Per prima cosa, devi aprire Chrome. Clicca sul pulsante raffigurante tre trattini orizzontali che si trova in alto a destra sulla barra degli strumenti del browser. Seleziona la voce ‘Impostazioni’ e successivamente clicca su ‘mostra impostazioni avanzate’. Quindi, cerca la sezione “Reimposta impostazioni del browser”, che solitamente è l’ultima dell’elenco proposto. Una volta trovata, selezionala.

A questo punto, Google Chrome ti farà apparire una finestra di dialogo sullo schermo del tuo computer in cui ti spiega che cosa fa e in che cosa consiste il ripristino delle impostazioni di Chrome. Clicca su ‘Reimposta‘. In questo modo, avrai avviato il ripristino di Google Chrome che tornerà, una volta conclusasi l’operazione, a com’era quando lo avevi appena installato.

Di fronte ai problemi di Chrome, ti consiglio di procedere sempre come primo passo con il ripristino dello stesso browser. Il ripristino di Google Chrome è, infatti, un’operazione veloce e sicura, consigliata per risolvere problemi che possono presentarsi con Chrome e molto utile anche per una pulizia veloce.

Come proteggere la tua privacy su Google Chrome?

Come ti ho accennato all’inizio, uno degli aspetti critici di Google Chrome è che i tuoi dati personali verrano acquisiti da Google. Tuttavia, posso illustrarti due piccoli trucchetti utili a proteggere la tua sicurezza e la tua privacy. La maggior parte delle informazioni raccolte sono in prevalenza utilizzate per conoscere le nostre abitudini internet, i nostri gusti e le nostre passioni in modo da poter proporre su misura gli annunci pubblicitari.

Ogni giorno, quando navighiamo in internet, rilasciamo moltissime informazioni sensibili e la maggior parte delle volte ciò accade senza che ce ne rendiamo conto. Diffondere liberamente i propri dati personali sul web può essere in alcuni casi anche molto pericoloso. Un uso non attento dei browser, ad esempio, può far conoscere a qualche malintenzionato la nostra posizione geografica, ma non solo. Essendo Chrome uno dei browser web più utilizzati al mondo, ti illustrerò adesso alcuni trucchetti per poter proteggere la tua sicurezza e i tuoi dati personali.

I browser possono tracciare la nostra posizione o permettere ad altri siti di farlo. Se vuoi salvaguardare la tua riservatezza su Chrome, ti basterà semplicemente disattivare la localizzazione. Per farlo, dovrai aprire Chrome e poi cliccare sull’iconache riporta tre puntini verticali situata in alto a destra. In seguito, pigia su “Impostazioni” e fai scorrere la pagina fino a quando non visualizzi l’opzione “Avanzate”. Quindi, dalla sezione “Privacy e sicurezza” seleziona l’opzione “Impostazioni contenuti” e per finire dal prossimo menù non ti resta che bloccare la localizzazione.

Per quanto riguarda la sicurezza, devo avvisarti che Chrome, così come molti altri browser web, consente di salvare le tue password. Questo è un sistema comodo, ma può essere anche pericoloso. Basta pensare al caso in cui qualcuno voglia trovare un modo per impossessarsi di queste tue personali credenziali. Il consiglio che mi sento di darti è quello di ricorrere a una ‘password manager‘ non connessa in rete, cioè un programma che memorizza le tue password e le archivia nel tuo computer. Questa è, sicuramente, una soluzione che offre un livello di protezione maggiore.


Di Lisa Sophie Albertelli


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA