Servizi ipotecari: novità sui versamenti

29 Ottobre 2019
Servizi ipotecari: novità sui versamenti

Da gennaio bisognerà utilizzare un nuovo modulo che sostituisce l’F23. Ecco le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate.

Dal primo gennaio 2020 i versamenti previsti per i servizi ipotecari potranno avvenire esclusivamente tramite il modello ‘F24 Elementi identificativi’. Un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate stabilisce, infatti, che a partire dal primo gennaio 2020 l’F24 Elide sostituirà del tutto l’F23 per il pagamento dell’imposta ipotecaria, delle tasse ipotecarie, dell’imposta di bollo e delle sanzioni relativi ai servizi di aggiornamento dei registri immobiliari e al rilascio di certificati e copie. L’F23 potrà essere utilizzato, in via transitoria, solo fino al 31 dicembre 2019.

Il pagamento tramite F24 Elide per i servizi ipotecari era stato introdotto con il Provvedimento del 28 giugno 2017, che tuttavia non aveva mandato in soffitta l’F23. Il provvedimento di oggi, in un’ottica di razionalizzazione dei flussi e di semplificazione degli adempimenti, dal prossimo anno mantiene in uso il solo modello F24, già impiegato per molteplici tipologie di versamento, nella versione ”Elementi identificativi” (dedicata ai versamenti per i quali sono
necessarie informazioni che non possono essere riportate nell’F24 ordinario).

Per i servizi ipotecari resi presso gli Uffici Provinciali-Territorio restano comunque valide le altre modalità di pagamento stabilite dal Provvedimento del 28 giugno 2017. Si tratta, in particolare, del versamento tramite carte di debito o prepagate e, per le sole tasse ipotecarie e i tributi speciali catastali, del contrassegno ”Marca servizi” acquistabile presso i rivenditori autorizzati. Infine, gli utenti convenzionati ai servizi telematici di presentazione documenti catastali o di consultazione ipocatastale possono utilizzare le somme preventivamente versate con modalità telematiche sul conto corrente unico nazionale (”castelletto”).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube