Salute e benessere | Articoli

Quanto costa curare una carie?

31 Ottobre 2019 | Autore:
Quanto costa curare una carie?

I prezzi che mediamente vengono applicati dai dentisti per un’otturazione o per una devitalizzazione.

Chiunque ha avuto almeno una volta nella vita un mal di denti. Si dice sia uno dei dolori più insopportabili, dopo quello del parto e della colica renale. Spesso, però, si ripiega su un calmante per evitare di andare dal dentista: c’è chi sta male solo a sentire il rumore del trapano dalla sala d’attesa. Eppure, certe volte è inevitabile, specialmente se il dente continua a pulsare e, passato l’effetto del calmante, il dolore torna. Niente di più probabile che ci sia da intervenire per curare una carie. Il che ti fa temere due cose: che sulla poltrona del dentista ci sia poco da divertirsi e che il conto sia più amaro del sapore dell’anestesia. Ti chiederai, in quel momento, quanto costa curare una carie perché sai che, di solito, il prezzo di un’otturazione è a tre cifre.

D’altra parte, non puoi trascurare i tuoi denti. Non si tratta soltanto di un fattore estetico, di avere un sorriso smagliante, il più bianco possibile e con i denti perfettamente allineati (vederlo così è un autentico piacere). Si tratta soprattutto di avere una bocca sana. Insomma, meglio due denti storti ma in salute. Per quello, oltre alla quotidiana igiene orale in casa, si rende necessario un controllo periodico durante il quale, il dentista può controllare e decidere se basta fare la normale pulizia del tartaro oppure se c’è da intervenire perché ha visto qualche fatidico «punto nero» che va trattato e sistemato. In quel caso, puoi sempre chiedergli quanto costa curare una carie, ma sai che, comunque, è un lavoro che prima o poi va fatto.

Carie: che cos’è?

La carie, quel puntino nero che nella maggior parte dei casi non siamo in grado di notare finché non comincia a far male, è un processo di corrosione acida del dente. In pratica, è il risultato della secrezione di un batterio chiamato streptococco mutans, un microorganismo che si attacca al dente sotto forma di placca e che si alimenta di zuccheri per poi sprigionare degli acidi (il batterio è furbo: lui mangia gratis gli zuccheri su cui tu paghi la sugar tax).

In un primo momento, quando è ancora sullo smalto e non ha raggiunto l’interno del dente, appare come un puntino scuro. Poi, pian piano, arriva alla polpa e lì cominciano i dolori: il puntino scuro è diventato un buco nero a forma di piramide. Quello che si vede a occhio nudo è la punta, mentre il grosso della carie è dentro il dente.

Di solito, il dentista identifica la carie con l’aiuto di uno strumento chiamato specillo (una specie di uncinetto), dopodiché – se lo ritiene opportuno – verifica l’entità del problema con l’aiuto di una radiografia orale.

Carie: come si cura?

Il trattamento di una carie dipende dallo stadio in cui si trova. Se sei ancora al livello del «puntino nero», cioè se la carie è rimasta sulla dentina e non ha fatto danni all’interno, il dentista pulisce con il trapano la zona interessata e riempie con un materiale fatto apposta la cavità che si forma. È quello che viene chiamato otturazione.

La situazione si complica se la carie ha raggiunto la polpa, cioè la parte interna del dente. In quel caso, occorre procedere con la devitalizzazione del dente. Che significa? Per dirla in parole semplici, si tratta di un piccolo intervento che consente di non estrarre il dente e che viene eseguito in tre fasi:

  • viene rimossa la parte della polpa infetta dalla carie;
  • si sostituisce la parte rimossa della polpa con una particolare amalgama fatta di materiale biocompatibile e di cemento;
  • si ricostruisce il dente.

Nella maggior parte dei casi viene ricoperto il dente con una corona dentale o capsula, in modo da preservare anche l’effetto estetico.

Carie: quanto costa curarla?

Di solito si dice: «Tolto il dente, tolto il male». Qui il dente resta, il dolore fisico sparisce dopo l’intervento ma sentirà tanto male il portafoglio quando il dentista passerà il conto? Quanto costa curare la carie?

Va da sé che dipende dallo stadio in cui era e quindi, come abbiamo visto, dal fatto che sia stata necessaria solo un’otturazione o anche la devitalizzazione e la capsula, il che fa lievitare di non poco il prezzo.

Mediamente (ma ogni professionista può applicare altre tariffe al ribasso o al rialzo, a seconda dei casi) un’otturazione costa dagli 80 ai 300 euro, in base al lavoro da fare, di quale sia il dente interessato (incisivi e molari non comportano, in genere, lo stesso lavoro) e di quanti «punti scuri» ci siano da sistemare in un dente.

I prezzi che normalmente vengono fatti pagare per sistemare una carie sono:

  • carie nella sola superficie occlusale: da 80 a 120 euro;
  • carie su una superficie interdentale: da 100 a 200 euro;
  • carie sulle due superfici interdentali e sulla superficie occlusale: da 150 a 300 euro;
  • carie in zona estetica (incisivi o canini) su una superficie interdentale: da 120 a 200 euro;
  • carie in zona estetica anche sulla superficie incisale del dente: da 150 a 300 euro;
  • carie del colletto del dente: da 100 a 150 euro.

Carie: come prevenirla?

Per non trovarsi nella situazione di doversi chiedere quanto costa curare una carie, la prevenzione è fondamentale. Basta conservare la sana abitudine di lavare i denti tre volte al giorno, e comunque dopo i pasti, utilizzando anche il filo interdentale ed il colluttorio. Un controllo semestrale dal dentista non guasta: se tutto va bene, ti sentirai dire che sei a posto e che ci vuole soltanto la consueta pulizia del tartaro. Se, invece, non va bene, si potrà intervenire in tempo prima di dover affrontare un dolore ed una spesa inevitabili.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA