Il governo salva la prima casa

30 Ottobre 2019
Il governo salva la prima casa

Manovra: dietrofront sulle imposte di registro sugli immobili. Resta l’Imu, ma sulla prima casa permane l’esenzione totale.

Dopo il dietrofront sulla cedolare secca che, per gli affitti a canone concordato, resta al 10%, la Legge di Bilancio salva anche le imposte sulla prima casa. Il Consiglio dei Ministri che ha definitivamente deciso la manovra di fine anno ha detto stop all’aumento dell’imposta di registro sulla prima casa. Doveva salire a 150 euro dagli attuali 50, il vertice di maggioranza in corso a Palazzo Chigi, a quanto apprende l’Adnkronos, ha deciso di stoppare l’aumento, lasciando ferma l’imposta a 50 euro. 

Ricordiamo che l’imposta di registro si paga sia nel caso di acquisti immobiliari da privati, in alternativa all’Iva che, invece, si applica alle cessioni da ditte costruttrici o comunque da società soggette a Iva. 

Ad oggi, quindi, l’intestazione di una casa sconta una tassazione molto agevolata se è la prima. In più, restano le esenzioni sull’Imu che, dal 2020, sarà l’unica imposta sulla casa, andando ad accorpare la Tasi in un unico prelievo.

Spariscono dalla Legge di Bilancio, dunque, le tasse sulla casa. “Si va nella direzione – spiegano fonti di governo – di eliminare balzelli e mini balzelli, alleggerendo la tassazione. Anche oggi una tassa in meno, dopo aver lasciato la cedolare secca sugli affitti al 10%, un risultato messo a segno durante il vertice di ieri. Su questo, c’è la volontà univoca del governo”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube