Diritto e Fisco | Articoli

Obbligare il dipendente a firmare la busta paga con importi superiori a quelli corrisposti è estorsione

5 Luglio 2013
Obbligare il dipendente a firmare la busta paga con importi superiori a quelli corrisposti è estorsione

La minaccia del licenziamento o del mancato rinnovo del contratto di lavoro se non viene accettata una paga inferiore rispetto a quella dovuta costituisce estorsione.

Rischia un’incriminazione per estorsione e la reclusione il datore di lavoro che minaccia il proprio dipendente di non rinnovargli il contratto di lavoro se non firma la busta paga con importi superiori rispetto a quelli erogatigli. Così la Cassazione ha condannato un imprenditore che, giustificandosi con la crisi economica, aveva costretto alcuni dipendenti, sotto minaccia di licenziamento, ad accettare somme inferiori rispetto a quelle spettanti per legge [1].

La minaccia – ha detto la Corte – si configura già solo per aver prospettato al dipendente la possibilità di perdere il lavoro, vista la crisi dell’azienda, se questi non accetti un trattamento economico inferiore rispetto a quello risultante dalle buste paghe e imposto per legge.

Il diritto al “minimo sindacale” è irrinunciabile e, pertanto, anche l’eventuale accettazione da parte del lavoratore, che si sostanzi nella firma di una quietanza di pagamento, rende quest’ultimo sempre libero di agire contro il datore che lo abbia obbligato a tale accettazione.


note

[1] Cass. sent. n. 28695 del 4.07.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Ma se le autorità non controllano questo che state dicendo e legittimo a cosa serve se poi lo stesso commercialista da delle informazione come fare ,vedi pure la busta paga che i titolari delle aziende si mantegono gli assegni Familiari cosa mi rispondete adesso.

  2. vorrei sapere, cosa posso fare mi obblicano a firmare buste paghe alte ,invece mi danno molto poco….mi pagano in assegno ogni tre quattro mesi e qualche acconto in contanti, non mi vogliono fare nessun tipo di versamenti sul conto…parliamo di importo con assegno di circa 1400,00 a 2500,00……vorrei un consiglio…grazie

    1. La ringraziamo per la Sua richiesta.
      L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
      E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube