Questo sito contribuisce alla audience di
 
Politica | News

La Russia è pronta a staccarsi da internet

1 Novembre 2019
La Russia è pronta a staccarsi da internet

Potrà disconnettersi in qualsiasi momento dalla rete internet mondiale. Putin giustifica la misura come difesa da attacchi, ma per molti è una forma di censura.

Da oggi, entra in vigore in Russia la legge, voluta dal presidente Vladimir Putin, che consente allo Stato il potere di scollegare il Paese dalla rete Internet globale, per “ragioni di sicurezza nazionale” e in particolare per potersi difendere dagli attacchi informatici lanciati dall’estero.

Lo comunica l’agenzia Adnkronos che riporta anche i principali commenti sulla vicenda. Si tratta, secondo i critici, di una misura che aumenta i poteri di censura del Governo.

In caso di attacchi informatici, la Russia sarà collegata attraverso una nuova rete internet, chiamata Runet, che sarà autonoma e funzionerà esclusivamente all’interno dello Stato. Potrà filtrare tutto il traffico che arriva dall’esterno e quindi agire come strumento di controllo preventivo e di selezione delle informazioni e notizie.

“Questa è la prima volta che lo stato ha il pieno controllo tecnico su Internet”, afferma Alexander Isavnin dell’organizzazione russa anti-censura Roskomsvoboda.

Per attuare la misura, tutto il traffico internet russo verrà convogliato attraverso degli hub presenti nel Paese, per i quali però manca ancora la necessaria infrastruttura. Gli Internet provider, in base alla nuova legge, saranno
obbligati a dotarsi delle necessarie tecnologie per attuare questa transizione.

Appena le componenti tecniche saranno pronte, tutte le comunicazioni digitali di imprese, cittadini e pubbliche amministrazioni dirette da o verso la Russia saranno dirottate sulla nuova rete interna anziché su router internazionali che non garantiscono il controllo.

Anche per Reporter senza Frontiere, la nuova legge serve ad aumentare la censura sul web e viola quindi le libertà fondamentali di espressione. Il provvedimento era stato firmato da Putin lo scorso maggio.


3 Commenti

  1. eh i Russi non per niente hanno sconfitto il Nazismo, merito di cui si sono appropriati, come sempre gli americagne.

  2. I Russi sono concreti. Voi che non ci avete vissuto in Russia avete un’idea sbagliata di quello che fa Putin. Internet ha interdetto il mondo, degradando l’umanità intera. Le censure noi le abbiamo in altro modo. Fate una ricerca politica e cambiate locazione con un proxy e ve ne accorgerete. I Russi vogliono la libertà, e non lo imposizioni dell’UE e degli americani a casa loro, e fanno bene. Putin fa sempre l’interesse dei Russi, e i Russi sono sempre venuti prima degli altri, anche quando c’era il comunismo, che è perfettamente compatibile con il fatto che il proprio popolo venga prima degli altri (a differenza di quanto sostengono i finti comunisti italioti).

  3. Reporter senza frontiere (come i loro colleghi medici) non capiscono una beata mazza (o fanno finta di non capire), servi dell’europeismo pilotato dagli USA del più squallido tipo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA