Auto aziendali, il Governo cambia la norma

1 Novembre 2019 | Autore:
Auto aziendali, il Governo cambia la norma

Previste tre nuove fasce di imponibilità fiscale in base al grado di inquinamento dell’auto; incentivate elettriche ed ibride. Inalterato il regime per le auto date ai rappresentanti.

La discussa nuova tassa sulle auto aziendali cambia ancor prima di nascere: dopo le polemiche dei giorni scorsi e le aperture del ministro dell’Economia Gualtieri, che ieri aveva dichiarato di non voler colpire le auto elettriche ed ibride, il Governo fa ora una parziale retromarcia e riduce i pesanti aumenti prospettati, cambiando la norma nel disegno di legge di Bilancio 2020.

Nella versione iniziale, il valore tassabile dell’uso privato del mezzo aziendale era stato portato dall’attuale 30% al 100% (percentuale del costo chilometrico calcolato secondo le tabelle dell’Aci su una percorrenza annua di 15mila chilometri): una stangata che avrebbe colpito pesantemente i lavoratori dipendenti che usano le auto aziendali anche in privato, come fringe benefit.

Ora, con le modifiche apportate oggi e rese note dall’agenzia stampa Adnkronos, rivive la percentuale imponibile del 30% ma solo per le auto elettriche o ibride e per tutte quelle concesse in uso promiscuo agli agenti e rappresentanti di commercio. Per gli altri veicoli, la percentuale sarà elevata al 60% in caso di emissioni di biossido di carbonio fino a grammi 160 per chilometro e arriverà al 100 per cento in caso di emissioni superiori a tale soglia.

Ci sarà dunque una triplice fascia, che incentiva i veicoli elettrici e quelli ibridi, penalizza quelli più inquinanti e lascia inalterati quelli “mediamente inquinanti”, oltre che tutti quelli degli agenti e rappresentanti di commercio. In sostanza la tassazione sarà raddoppiata per i normali veicoli benzina o diesel, sarà più che triplicata per quelli maggiormente inquinanti e rimarrà invariata, rispetto ai livelli attuali, per le auto ibride ed elettriche. Esclusi dalla manovra, invece, tutti i veicoli commerciali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube