In farmacia si può pagare in contanti?

2 Novembre 2019
In farmacia si può pagare in contanti?

Manovra: pagamenti con carte di credito e bancomat per garantire le detrazioni fiscali, anche per le spese sanitarie. 

Nel tentativo di favorire i pagamenti tracciabili, la nuova Legge di Bilancio riconosce le detrazioni fiscali su determinati acquisti solo se effettuati con carta di credito o bancomat, bonifico o assegno. Nel capitolo, rientrano, a sorpresa, anche le spese sanitarie. Ma non tutte. 

Vengono previsti due diversi regimi: le spese mediche sostenute presso strutture private non convenzionate con il servizio sanitario nazionale dovranno essere effettuate con strumenti tracciabili. Invece, le spese per medicinali, dispositivi medici o protesi potranno essere portate in detrazione dal contribuente anche se sostenute in contanti. L’obbligo di tracciabilità del pagamento, quindi, non scatta in farmacia: un’eccezione voluta soprattutto per venire incontro a quella fascia di utenza, di età avanzata, non abituata ad usare le carte. 

La detrazione Irpef del 19% sulle spese mediche prevede una franchigia di 129,11 euro: in pratica, il bonus scatta solo per le spese che superano questo tetto. 

Dal 1° gennaio, però, si potranno scaricare dalle tasse solo gli acquisti fatti con strumenti tracciabili. Sarà sempre possibile, invece, utilizzare i contanti per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici (protesi sanitarie comprese).

Per tutte le altre tipologie di spese sanitarie, previste nell’articolo 15 del Tuir, invece, l’obbligo di pagamento con strumenti tracciabili (bancomat, carte di credito, bonifici bancari o postali, assegni), è escluso ogni qual volta le prestazioni siano rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale. Per converso, quindi, l’obbligo del pagamento con mezzi tracciabili, pena la perdita della detrazione fiscale, resta confermata ogni qual volta la prestazione sanitaria venga resa all’interno di strutture private non convenzionate con il Servizio sanitario nazionale: si pensi alla visita privata dal medico specialista o allo studio privato del dentista. 

Tutte le volte in cui sarà richiesto il pagamento tracciabile, il contribuente dovrà conservare la ricevuta o la fattura, ma anche la prova del pagamento effettuato con lo strumento prescelto (quali, ad esempio, la ricevuta della carta di credito o del bonifico). Diversamente, sarà difficile portare in detrazione la spesa nel modello 730 o modello Redditi PF.

Altra novità è la riduzione delle detrazioni fiscali sulle spese mediche per i titolari di reddito superiore a 120mila euro. La detrazione verrà completamente cancellata a partire da 240mila euro. Tuttavia, la detraibilità resta integrale in relazione alle spese sostenute per le gravi patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria.  



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube