Business | Articoli

Locale notturno rumoroso: reato superare i limiti dell’inquinamento acustico

10 Febbraio 2014 | Autore:
Locale notturno rumoroso: reato superare i limiti dell’inquinamento acustico

Possibile il sequestro penale dell’impianto che disturba le occupazioni e il riposo delle persone, anche se nel quartiere coesistono altri locali rumorosi.

Stop alla movida sulle pubbliche vie: da oggi si potrà procedere al sequestro degli impianti di diffusione della musica di proprietà dei locali notturni che molestano la quiete di un intero quartiere.

La possibilità di applicare il “penale” per chi, con le casse a “palla”, disturba il riposo notturno degli altri, viene dalla Cassazione [1]. Secondo la Corte, il mancato rispetto dei limiti di emissione del rumore previsti dalla legge [2] può integrare il reato penale denominato “Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone[3].

Diffusori sotto chiave. Rischia il sequestro penale il gestore del locale per via della musica troppo alta e ciò anche se, nello stesso quartiere, vi sono altri night club a contribuire al rumore generale. Infatti – scrivono i giudici – per applicare la misura del sequestro non è necessario accertare una responsabilità penale, ma basta l’astratta configurabilità del fatto illecito.

Non si può neanche ricomprendere l’attività dei disco-bar tra i mestieri rumorosi, prevedendo per chi li pratica, disturbando il prossimo, la sola ammenda (sanzione di carattere amministrativo e non penale). La Cassazione spiega, infatti, che non possono rientrare tra le semplici violazioni amministrative le condotte rumorose idonee a mettere in pericolo la pubblica tranquillità.

Tocca quindi tenere le porte ben chiuse del locale e far rientrare le cubiste dalla strada. Che i disc-jockey stiano dentro il disco-pub e abbassino il volume.


note

[1] Cass. sent. n. 4466 del 30.01.2014.

[2] Stabiliti dal Dpcm del 1° marzo 1991.

[3] Art. 659, secondo co., cod. pen.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube