Business | Articoli

Fatture per operazioni inesistenti: non basta la doppia contabilità

9 Febbraio 2014 | Autore:
Fatture per operazioni inesistenti: non basta la doppia contabilità

Il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti richiede la prova dell’inesistenza delle prestazioni e dell’accordo fra l’emittente e il destinatario delle fatture per ottenere benefici fiscali.

 

Il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti [1] non può essere provato sulla sola base della tenuta di due diverse contabilità da parte dell’emittente, essendo necessaria la prova dell’inesistenza della prestazione e dell’accordo con il destinatario per fare ottenere a costui benefici fiscali.

Lo ha affermato il Tribunale di Bologna in una recente sentenza [2] che ha assolto un imprenditore accusato di avere emesso fatture per operazioni inesistenti al fine di produrre un vantaggio fiscale per la società destinataria.

L’imputato aveva in realtà emesso fatture per importi molto più alti di quelli risultanti dalla propria contabilità; l’Agenzia delle Entrate aveva dedotto da ciò che l’emittente avesse in realtà “gonfiato” gli importi reali delle fatture al fine di produrre dei benefici fiscali per la società destinataria.

Durante il processo è stato provato che le fatture corrispondevano ad operazioni realmente compiute, mentre non vi è stata prova che le fatture fossero state “gonfiate” e non semplicemente “ribassate” al fine di versare all’Erario importi IVA e IRPEF più bassi del dovuto.

Il Tribunale ha quindi assolto l’imputato poiché non è emersa né la prova dell’inesistenza delle operazioni fatturate, né tantomeno del presunto accordo fra le due società al fine di procurare benefici fiscali alla società destinataria.

Nel caso in esame sarebbe stato configurabile il diverso e meno grave reato di omesso versamento IVA [3], che, a differenza del primo, è punibile soltanto per importi evasi superiori ad € 50.000,00.


note

[1] Art. 8 D.lgs. n. 74/2000.

[2] Trib. Bologna, sent. n. 5200 del 18.12.2013.

[3] Art. 3 D.lgs. n. 74/2000.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube