Diritto e Fisco | Articoli

Indennizzo commercianti e pensione anticipata

9 Novembre 2019
Indennizzo commercianti e pensione anticipata

Se il commerciante chiuderà la propria attività a luglio 2020 e inizierà a beneficiare dell’indennizzo per cessazione attività, durante tale periodo di godimento dell’INDCOM maturerà a luglio 2021 il diritto alla pensione anticipata, grazie ai contributi figurativi accreditati, può accedere alla pensione anticipata e continuare ad usufruire dell’indennizzo fino a luglio 2026, mese di compimento dell’età pensionabile? Ho formalizzato per ben tre volte quesiti in materia a “INPS Risponde” con il seguente risultato: Note Risoluzione: Come già ho piu’ volte spiegato non potrà accedere alla pensione anticipata , ma verrà accompagnata alla pensione di vecchiaia. In presenza di Indcom non puo’ essere autorizzata ai versamenti volontari.” Lei nel suo chiarissimo articolo del 6/6/19 “La legge per tutti” afferma invece che è possibile, può gentilmente fornirmi ulteriori elementi?”

Il periodo di godimento dell’indennizzo Indcom, da computare nella gestione commercianti, è utile ai fini del conseguimento dei requisiti di assicurazione e di contribuzione per il diritto a pensione sia diretta (pensione di vecchiaia, pensione anticipata, inabilità, assegno ordinario di invalidità) sia indiretta (pensione ai superstiti- di reversibilità); non è invece utile per la misura della pensione. Quanto affermato è esplicitato nella Circolare Inps 20/2002 e confermato nel messaggio Inps 7384/2014.

L’indennizzo è incompatibile con attività di lavoro autonomo o subordinato: la corresponsione del beneficio Indcom termina dal primo giorno del mese successivo a quello in cui sia stata ripresa l’attività lavorativa, dipendente o autonoma. Il beneficiario deve comunicare all’Inps la ripresa dell’attività entro 30 giorni dal suo verificarsi, pena il recupero retroattivo di quanto indebitamente percepito. L’indennizzo è invece compatibile con altri trattamenti pensionistici di cui il richiedente è titolare, sia diretti sia indiretti, come ad esempio la pensione anticipata, l’assegno ordinario di invalidità o la pensione di inabilità. Quanto affermato è, ugualmente, esplicitato nella Circolare Inps 20/2002 e confermato nel messaggio Inps 7384/2014.

A tal riguardo, l’Inps ha chiarito che il beneficio può essere concesso anche se l’interessato ha già ottenuto la liquidazione della pensione anticipata o ha comunque raggiunto il requisito contributivo nella gestione commercianti utile per la liquidazione della prestazione anticipata o di anzianità (messaggio Inps 7384/2014). In tal caso, pertanto, durante il periodo di godimento dell’indennizzo, non è accreditata in favore del beneficiario alcuna ulteriore contribuzione figurativa, in quanto il beneficiario ha già perfezionato il diritto a pensione.

In base a quanto esposto, si desume dunque che:

  • i periodi Indcom danno diritto all’accredito dei contributi figurativi, utili a tutte le pensioni, di vecchiaia, anticipata o di anzianità, nonché indirette;
  • l’accredito dei contributi figurativi cessa una volta raggiunto il diritto alla pensione anticipata o di anzianità, oppure raggiunta l’età pensionabile, in quanto i contributi stessi sono utili al solo diritto alla pensione e non alla misura.

Per una maggiore chiarezza, si riporta il punto 2 del messaggio Inps 7384/2014:

Nell’ipotesi in cui il diritto alla pensione anticipata venga perfezionato, in corso di godimento dell’indennizzo, anche utilizzando i contributi figurativi maturati durante la percezione dello stesso, il beneficiario potrà accedere alla suddetta prestazione pensionistica e continuare ad usufruire dell’indennizzo fino al mese di compimento dell’età pensionabile.

Analogamente al caso precedentemente esposto, il periodo di godimento dell’indennizzo, successivo alla liquidazione del trattamento pensionistico di anzianità/anticipata, non darà luogo all’accredito di ulteriore contribuzione nell’ambito della gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali.

Da quanto esposto, si evince chiaramente che l’Inps riconosce i contributi figurativi sino al perfezionamento del requisito contributivo per la pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le donne, 42 anni e 10 mesi per gli uomini; il requisito dovrebbe restare inalterato sino al 2026).

Bisogna comunque sottolineare che questi contributi non aumenteranno la misura della pensione, ma saranno utili ai soli fini del diritto: nel calcolo previsionale dell’importo della pensione, dunque, non potranno essere contati i contributi figurativi erogati a seguito dell’indennizzo. Lo stesso vale per qualsiasi trattamento, compresa la pensione di vecchiaia: i contributi riconosciuti nel periodo di godimento Indcom non incrementano né modificano l’importo di alcuna pensione.

Articolo tratto da una consulenza resa dalla dott.ssa Noemi Secci, consulente del lavoro.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA