Business | News

Trading online: bloccati 6 siti abusivi

4 Novembre 2019
Trading online: bloccati 6 siti abusivi

La Consob ordina lo stop a 6 siti internet che offrono servizi finanziari senza avere l’autorizzazione prescritta per operare in Italia.

Tempi duri per i fuorilegge della finanza sul web: oggi la Consob (Commissione nazionale per le società e la Borsa, è l’ente che tutela gli investitori) ha ordinato l’oscuramento di 6 siti internet che offrono abusivamente servizi finanziari in Italia, a partire dal trading online, senza essere in possesso dell’autorizzazione prescritta. La notizia è contenuta in un comunicato dell’Autorità divulgato poco fa dall’agenzia stampa Adnkronos.

La Consob si è avvalsa dei nuovi poteri derivanti dal Decreto Crescita [1] di giugno scorso, in base ai quali può ordinare direttamente ai fornitori di servizi di connettività a internet (i provider attraverso cui ci colleghiamo alla rete, come Tim, Vodafone e Wind) di inibire e dunque vietare l’accesso dall’Italia ai siti web tramite cui vengono offerti servizi finanziari privi della dovuta autorizzazione, che serve per un controllo preventivo a tutela dei risparmiatori.

Ecco quali sono le società interessate ed i relativi siti internet oscurati a partire da oggi:

  • TomCom Limited (https://royalfxpro.eu);
  • Bonatech Ltd e Mitchell Group EOOD (https://ccxcrypto.com);
  • Next Trade Ltd e TLC Consulting Ltd (https://aspenholding.co e https://aspen-holding.com);
  • Trader Platinum (www.traderplatinum.com);
  • London Capital Trade Ltd (www.londoncapitaltrade.net).

Sale così a 71 il numero dei siti oscurati da luglio scorso, da quando cioè la Consob ha acquisito per legge il potere di ordinare l’oscuramento dei siti. Tutti i provvedimenti con i quali è stato ordinato alle società la cessazione dell’attività abusiva sono consultabili sul sito ufficiale della Consob.

Adesso, sono in corso le attività che non renderanno più visibili questi 6 siti da parte dei fornitori di connettività a internet che operano sul mercato italiano e attraverso i quali ci colleghiamo alla rete internet. Per motivi tecnici però l’oscuramento effettivo non sarà immediato e potrà richiedere alcuni giorni, durante i quali questi siti risulteranno ancora fruibili.

Consob richiama l’attenzione dei risparmiatori sull’importanza di effettuare le proprie scelte di investimento in modo accorto e consapevole, adottando precauzioni di buon senso, come per esempio la verifica preventiva che l’operatore tramite cui si investe sia autorizzato.

Per fare questo, c’è un modo semplice: sul sito della Consob è presente l’elenco degli operatori inibiti ed in homepage c’è la sezione ”Occhio alle truffe!” dove sono presenti informazioni utili a mettere in guardia l’investitore contro gli operatori abusivi.

Per approfondire, leggi anche trading online: cos’è e come funziona e trading online: quanto si può guadagnare?

note

[1] Legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA