Diritto e Fisco | Articoli

Mio papà picchia mia mamma: cosa posso fare?

22 Novembre 2019 | Autore:
Mio papà picchia mia mamma: cosa posso fare?

Un figlio assorbe come una spugna ogni sensazione ed umore di casa, specie se negativo, tra i genitori; se poi sfocia in violenza, occorrono provvedimenti.

La violenza domestica viene definita come quella violenza fisica, sessuale, psicologica o economica che si verifica all’interno della famiglia [1] ed è una grave violazione dei diritti umani. Essa non può essere considerata semplicemente una “lite in famiglia”, né un “conflitto coniugale”, perché sarebbe come negare la violenza stessa e il trauma vissuto dal soggetto che ha subìto la violenza. Quando un figlio vede il papà picchiare la mamma, si domanda «Mio papà picchia mia mamma: cosa posso fare?». Per il Codice penale è un reato, per il diritto civile è la cosiddetta «violenza assistita», ma in ogni caso si tratta di una situazione da gestire con la massima delicatezza e tempestività, per evitare conseguenze peggiori sia per la madre che per il figlio. Nel presente articolo, cercheremo di fare il punto della situazione, presentando i vari strumenti di tutela che la legge e lo Stato offrono.

Cosa sono i centri antiviolenza?

Sono strutture in cui persone qualificate (psicologi, avvocati, medici, ecc…) forniscono un aiuto pratico alle vittime di violenza o minaccia grave che si rivolgono al centro. Si tratta principalmente di donne oppure figli, che vogliono in qualche modo denunciare ciò che avviene a casa.

Il soggetto che vuole aiuto, cerca il centro più vicino a casa e vi si reca direttamente o telefona; in questo modo, l’operatore cerca di capire la situazione e mette in contatto la persona interessata con i professionisti di cui sopra. Poi, a seconda della singola situazione concreta, il centro agisce immediatamente sulla questione economica e sull’eventuale custodia dei figli – per allontanare il pericolo dell’uomo violento sia dalla donna che dai figli – con una casa, un lavoro (se necessario) e un percorso legale assistito.

Come trovare un centro antiviolenza

Bisogna chiamare il cosiddetto “Telefono Rosa” al numero istituzionale gratuito 1522, che fornisce un primo supporto alle donne in difficoltà e le mette in contatto con il centro più vicino. Il numero è attivo 24 ore su 24 e disponibile tutti i giorni, sia da rete fissa che mobile, in italiano, francese, inglese, spagnolo e arabo.

Poi, occorre verificare sul sito comecitrovi.women.it, la mappa di queste strutture in Italia, per trovare il centro più vicino.

La denuncia alle forze dell’ordine e la segnalazione ai servizi sociali

Se il soggetto bisognoso d’aiuto non riesce a contattare il centro antiviolenza, la cosa più veloce da fare è sicuramente andare a denunciare il fatto presso la stazione più vicina dei carabinieri o della polizia, oppure agli uffici dei servizi sociali presenti su tutto il territorio nazionale.

I servizi sociali

I servizi sociali hanno lo scopo istituzionale del sostegno al disagio delle famiglie e dei minori e possono attivarsi autonomamente, senza dover chiedere indicazioni all’autorità giudiziaria, nei confronti di minorenni che si trovino in situazioni di pregiudizio o pericolo, in cui rientra certamente anche un padre manesco che usa violenza sulla loro madre.

In tali casi, il servizio predispone un progetto di intervento in favore del minore e del nucleo familiare interessato, ovviamente con il consenso dei genitori e del minore; se, però, questo consenso non vi è, ad esempio a causa della resistenza del padre, interviene il giudice minorile (su segnalazione dei servizi sociali al pubblico ministero minorile), che può limitare o sospendere la potestà genitoriale del padre violento, permettendo, quindi, la realizzazione degli interventi necessari attraverso un provvedimento del tribunale dei minorenni.

L’ordine di protezione contro gli abusi familiari

La legge [2] prevede che, quando la condotta del coniuge o di altro convivente è causa di grave danno all’integrità fisica/morale o alla libertà dell’altro coniuge o convivente, il giudice, su istanza di parte, può adottare i seguenti provvedimenti [3]:

  • ordina al coniuge o convivente che ha tenuto la condotta pregiudizievole la cessazione di tale condotta e dispone il suo allontanamento dalla casa familiare;
  • ove sia opportuno, gli ordina di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall’istante (luogo di lavoro, il domicilio della famiglia d’origine, il domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone) ed in prossimità delle scuole dei figli della coppia, a meno che questi non debba frequentare gli stessi luoghi per esigenze di lavoro;
  • ove occorra, dispone l’intervento dei servizi sociali del territorio o di un centro di mediazione familiare, nonché delle associazioni di sostegno e accoglienza di donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattamenti;
  • ove occorra, dispone il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che, per effetto dei provvedimenti di cui sopra, rimangono prive di mezzi adeguati.

Cosa si intende per condotta gravemente pregiudizievole dell’integrità fisica o morale o della libertà? La giurisprudenza ha ritenuto tale [4] il comportamento del coniuge che si concretizzi ad esempio:

  • in continui pedinamenti e controlli telefonici;
  • nell’uso continuo e prolungato di epiteti dispregiativi;
  • nella negazione di ogni sostegno economico.

La procedura per ottenere l’ordine di protezione

Vediamola in estrema sintesi [5]:

  • la domanda può essere presentata anche dalla parte personalmente, senza l’assistenza di un difensore, ed è gratuita: la legge [6] prevede, infatti, l’esenzione dall’imposta di bollo e da altre tasse, dai diritti di cancelleria e dall’obbligo di registrazione di tutti gli atti, provvedimenti e documenti relativi all’azione civile contro la violenza nelle relazioni familiari;
  • il tribunale competente è quello del luogo di residenza o domicilio di chi propone la domanda;
  • può proporre la domanda il componente del nucleo familiare che ha subito l’abuso, quindi anche il figlio, in persona dell’altro genitore se minorenne;
  • il giudice convoca le parti interessate e, se necessario, dispone indagini sui redditi, sul tenore di vita e sul patrimonio personale e comune delle parti, anche per mezzo della polizia tributaria, e provvede con decreto immediatamente esecutivo.

La violenza assistita

L’abuso e il maltrattamento di minore sono commessi non solo direttamente sulla persona del minore, ma anche indirettamente: si tratta appunto della c.d. «violenza assistita», dove la vittima diretta della violenza è il genitore, mentre i figli vengono costretti ad assistere. In questi casi, la stessa situazione può dare origine, contestualmente:

  • sia all’ordine di protezione appena visto nel paragrafo precedente, in favore della vittima diretta delle violenze (es.: la madre);
  • sia a provvedimenti da parte del tribunale per i minorenni a tutela della vittima indiretta, cioè il figlio minore.

Dal punto di vista penale, la violenza assistita è diventata in Italia un reato [7] da quando la Convenzione di Istanbul (vedere nota [1]) ha stabilito che vi è violenza assistita non solo quando il minore vede e vive direttamente sul genitore le percosse, gli insulti, le minacce e le sofferenze cui l’altro è esposto, ma anche se queste violenze, pur non avvenendo direttamente innanzi agli occhi del minore, sono da lui conosciute attraverso la percezione dei suoi effetti.


note

[1] Art. 3, lettera b), “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, meglio nota come Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia con la legge del 27 giugno 2013, n. 77 (in vigore dall’agosto 2014).

[2] Art. 342-bis cod.civ.

[3] Art. 342-ter cod.civ.

[4] tra le tante, Trib. Bari 28 luglio 2004; Trib. Bari 18 luglio 2001.

[5] Art. 736 bis cod.proc.civ.

[6] Art. 7 della L. n. 154 del 2001.

[7] Art. 61 n.11-quinquies cod. pen.11-quinquies).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube