Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai: come ottenere il rimborso

7 Novembre 2019 | Autore:
Canone Rai: come ottenere il rimborso

Quando si possono avere indietro i soldi versati indebitamente per l’abbonamento tv. Il modulo da scaricare per presentare la richiesta.

Si è parlato tante volte della sua abolizione, ma l’abbonamento televisivo resterà ancora per un po’ nella bolletta della luce. Tuttavia, ci sono dei casi in cui si può usufruire dell’esenzione (come abbiamo spiegato in questo articolo). E ci sono anche degli utenti che lo hanno pagato senza che fosse dovuto. Ovviamente, a nessuno piace regalare dei soldi allo Stato, per di più per versare una delle tasse più assurde che esistano. Esiste, comunque, un modo per riavere indietro i soldi spesi senza motivo per il canone Rai: come ottenere il rimborso è quello che stiamo per spiegarti adesso.

Va da sé che per vedersi rimborsare il canone tv ci devono essere dei motivi non solo validi ma anche documentati. Ad esempio, perché il titolare rientra nelle categorie di utenti che hanno diritto all’esenzione. O perché, a causa di qualche disguido, è stato pagato die volte.

Il problema è che quella dell’abbonamento televisivo è una delle cose che spesso vanno in automatico. Una volta bisognava pagarlo con un apposito bollettino, in modo tale che il versamento del canone Rai veniva fatto appositamente. Il cittadino, cioè, andava di proposito a pagare l’abbonamento e solo quello. Da quando, però, il canone tv è rientrato nella bolletta elettrica, non è da escludere che per qualche errore sia addebitato a chi non deve pagarlo. È in questo caso che serve sapere come ottenere il rimborso del canone Rai.

Farsi restituire i soldi non è complicato, anzi: in teoria l’utente dovrebbe solo chiederli per poi vederseli scalare dalla bolletta della luce. Ma vediamo com’è la procedura per ottenere il rimborso del canone.

Canone Rai: chi può chiedere il rimborso?

Se sei titolare di un contratto di fornitura di energia elettrica e scopri di avere pagato indebitamente il canone Rai nella bolletta della luce, puoi fare richiesta per ottenere il rimborso compilando questo modulo, purché tu giustifichi la domanda con uno di questi motivi:

  • tu o un altro componente della tua famiglia anagrafica siete in possesso dei requisiti per avere diritto all’esenzione dal pagamento del canone, ovvero: compiere i 75 anni di età entro il 31 gennaio 2020 ed avere un reddito annuo inferiore a 8.000 euro. Chi, invece, compie i 75 anni dal 1° febbraio al 31 luglio ha diritto all’esenzione per il secondo semestre dell’anno;
  • tu o un altro componente della tua famiglia anagrafica avete diritto all’esenzione per effetto di una convenzione internazionale (ad esempio, se siete diplomatici o militari stranieri) purché abbiate presentato la relativa dichiarazione sostitutiva;
  • tu hai pagato il canone tv attraverso la bolletta della luce ed un altro componente della tua famiglia anagrafica lo ha fatto anche in un altro modo (ad esempio, con un addebito sulla pensione);
  • tu hai pagato il canone tv attraverso la bolletta della luce e l’abbonamento è stato pagato anche mediante l’addebito nella bolletta che riguarda un’utenza intestata ad un altro componente della tua famiglia anagrafica;
  • tu hai presentato la dichiarazione sostitutiva in cui affermi di non avere alcun apparecchio televisivo e che non lo possiede un altro componente della tua famiglia anagrafica.

Canone Rai: come chiedere il rimborso?

Come detto precedentemente, se hai una delle motivazioni sopra elencate puoi fare richiesta per ottenere il rimborso del canone Rai presentando l’apposito modulo in via telematica all’Agenzia delle Entrate. La domanda deve essere inviata dal titolare dell’utenza elettrica, dai suoi eredi oppure da un intermediario abilitato.

Puoi anche inviare l’istanza di rimborso, insieme ad un tuo documento di identità, tramite raccomandata a/r a:

Agenzia delle Entrate

Direzione Provinciale I di Torino

Ufficio Canone Tv

Casella Postale 22

10121 Torino

Il rimborso viene effettuato direttamente dal tuo fornitore di energia elettrica mediante accredito sulla prima fattura utile, oppure con altre modalità, entro 45 giorni dalla data in cui la società ha ricevuto il via libera dall’Agenzia delle Entrate. Se il fornitore non effettua il rimborso, lo stesso sarà pagato direttamente dall’Agenzia.

Canone Rai: come compilare il modulo per il rimborso

Il modulo che ti abbiamo fornito precedentemente in download per ottenere il rimborso del canone Rai va compilato in questo modo.

Il primo quadro contiene le informazioni del richiedente. Quindi, qui vanno inseriti i dati del titolare della fornitura di energia elettrica. Nelle righe successive ci sono gli spazi per i dati dell’erede o dell’intermediario, nel caso fosse uno di loro a presentare la domanda.

Sul secondo quadro, devi inserire l’anno di imposta relativo al rimborso che stai chiedendo e l’importo che hai indebitamente pagato. Dopodiché, dovrai riportare il codice Pod ed il numero della bolletta su cui ti è stato addebitato il canone ed i rispettivi importi inseriti in ciascuna delle bollette.

Sempre in questo secondo quadro trovi uno spazio per inserire il codice del motivo per cui chiedi il rimborso, ovvero:

  • codice 1: tu o un altro componente della tua famiglia anagrafica siete in possesso dei requisiti per avere diritto all’esenzione dal pagamento del canone, ovvero: compiere i 75 anni di età entro il 31 gennaio 2020 ed avere un reddito annuo inferiore a 8.000 euro. Chi, invece, compie i 75 anni dal 1° febbraio al 31 luglio ha diritto all’esenzione per il secondo semestre dell’anno;
  • codice 2: tu o un altro componente della tua famiglia anagrafica avete diritto all’esenzione per effetto di una convenzione internazionale (ad esempio, se siete diplomatici o militari stranieri) purché abbiate presentato la relativa dichiarazione sostitutiva;
  • codice 3: tu hai pagato il canone tv attraverso la bolletta della luce ed un altro componente della tua famiglia anagrafica lo ha fatto anche in un altro modo (ad esempio, con un addebito sulla pensione);
  • codice 4: tu hai pagato il canone tv attraverso la bolletta della luce e l’abbonamento è stato pagato anche mediante l’addebito nella bolletta che riguarda un’utenza intestata ad un altro componente della tua famiglia anagrafica;
  • codice 5: tu hai presentato la dichiarazione sostitutiva in cui affermi di non avere alcun apparecchio televisivo e che non lo possiede un altro componente della tua famiglia anagrafica.

Se riporti il codice 4, devi indicare anche il codice fiscale del familiare a cui è stato addebitato il canone Rai ed il periodo in cui sussistono i presupposti della richiesta, cioè l’appartenenza alla famiglia anagrafica.

Infine, nella parte in basso, trovi uno spazio in bianco per descrivere sinteticamente il motivo per cui chiedi il rimborso. Poi, data e firma.

Guarda il video



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube