Diritto e Fisco | Articoli

Come pagare bollettino postale online

7 Dicembre 2019 | Autore:
Come pagare bollettino postale online

Le nuove tecnologie consentono di pagare i bollettini postali senza muoversi da casa, adoperando il computer, lo smartphone o il tablet.

Devi per forza fare la fila alle poste per pagare un bollettino? Non esistono dei metodi di pagamento alternativi? Puoi eseguire il versamento tramite l’home banking della tua banca? Utilizzare un bollettino postale per pagare la luce, il gas od anche una rata di una finanziaria, è una cosa, ormai, all’ordine del giorno.

Tuttavia, le lunghe file agli sportelli scoraggiano coloro che devono eseguire il versamento. Perciò, molti preferiscono farlo direttamente da casa, tramite computer. Se questa modalità ti è completamente sconosciuta e vuoi sapere come pagare un bollettino postale online, ti basterà leggere quest’articolo. Infatti, ti spiegherò le procedure possibili tra cui scegliere, come ad esempio quella che puoi effettuare mediante l’accesso diretto al sito di Poste Italiane o quella tramite il servizio di home banking della tua banca, con l’addebito sul conto corrente personale. Senza dimenticare che ci sono anche soluzioni che ti consentono di pagare i bollettini sia da computer sia da smartphone e tablet per mezzo di apposite applicazioni. Prima però, di entrare nel vivo dell’argomento, ti darò qualche informazione di carattere generale sul bollettino postale, sulle modalità per la sua compilazione e su quando adoperarlo.

Cos’è il bollettino postale

Il bollettino postale, detto anche bollettino di conto corrente postale, è il documento di “incasso” più utilizzato in Italia, di esclusiva appartenenza delle Poste Italiane, disponibile solo in formato cartaceo. Ciò non toglie che è possibile effettuare il suo pagamento anche per via telematica. Esistono diverse tipologie di bollettino postale:

  • il bollettino di conto corrente completamente bianco, il quale richiede che il committente conosca con precisione i dati del creditore e la causale da inserire;
  • il bollettino premarcato TD 896, stampato preventivamente e già compilato in tutte le sue parti;

il bollettino bianco personalizzato TD 451, che riporta esclusivamente il c/c postale del creditore;

  • il bollettino parzialmente premarcato TD 674, il quale riporta le informazioni del creditore e del debitore, ma non l’importo dovuto.

Trattandosi di un mezzo per eseguire i pagamenti è indispensabile che il bollettino postale venga compilato in modo esatto, cioè occorre inserire tutti i dati precisi, sia per il destinatario sia per il pagante, dal momento che funge anche da ricevuta comprovante l’avvenuto versamento.

Come si compila un bollettino postale

Compilare un bollettino postale non è molto difficile. Nel caso ne utilizzi uno bianco generico, devi inserire con attenzione tutti i dati richiesti (ad esempio quelli relativi al creditore), servendoti delle caselle già presenti sullo stesso. E’ importante che nel compilare il bollettino postale, riporti al centro di ogni casella un singolo carattere e le lettere vanno scritte in stampatello. Inoltre, non devi oltrepassare la zona delimitata dalla linea nera continua, che è destinata al bollo dell’ufficio postale.

Nella maggior parte dei casi, il bollettino è già disponibile presso qualsiasi ufficio postale presente sul territorio oppure può essere fornito dal creditore.

Quali sono i campi da compilare di un bollettino postale

Per compilare correttamente un bollettino postale, devi prima conoscere i campi di cui lo stesso è costituito e nei quali è indispensabile inserire i dati richiesti.

Nello specifico, si tratta dei campi relativi a:

  1. il numero di conto corrente postale del beneficiario, il quale può essere al massimo di 12 cifre;
  2. l’importo del pagamento. A questo proposito va precisato che la parte intera della cifra da versare deve essere inserita in maniera estesa mentre i decimali vanno comunque scritti in cifre. Inoltre, la parte letterale e quella numerica vanno separate con il carattere “/”. Nel caso in cui l’importo da versare non preveda centesimi, è comunque necessario riportare due zeri nel campo “importo in lettere”;
  3. la scadenza;
  4. i dati dell’intestatario del conto corrente postale ovvero dell’ente o del soggetto che possiede il conto corrente sul quale stai effettuando il versamento. Anche in questo caso, nella zona relativa alla ricevuta di accredito (ovvero la parte del bollettino che resta all’interno dell’ufficio postale), l’intestatario deve essere indicato all’interno delle caselle, utilizzando le lettere in stampatello chiaramente distinguibili, oltre che cifre e altri simboli;
  5. i dati del pagatore, persona fisica o giuridica, che effettua il versamento;
  6. la causale, cioè il motivo per il quale viene effettuato il versamento.

Com’è composto un bollettino postale

Un bollettino postale può essere composto da due o tre matrici a seconda di quante ricevute devono essere distribuite per dimostrare l’avvenuto pagamento.

Infatti, è possibile distinguere:

  • una ricevuta di versamento, che rimane in possesso del pagatore;
  • una ricevuta di accredito, che verrà consegnata all’intestatario del c/c postale;
  • un’attestazione di versamento.

A cosa servono i bollettini postali

I bollettini postali possono essere utilizzati per il pagamento di:

  1. bollette di utenze domestiche (luce, gas, telefono, acqua);
  2. multe e sanzioni amministrative;
  3. bollo auto;
  4. bollettino RAV e MAV;
  5. rate di pagamento di finanziarie;
  6. rateizzazioni di tasse e tributi;
  7. versamenti postali per diritti (es. per passaggio di proprietà auto).

Come pagare un bollettino postale online

Esistono diverse modalità di pagamento di un bollettino postale per via telematica. Esaminiamole una alla volta.

Pagamento tramite poste.it

La prima modalità di pagamento online è quella che si può effettuare accedendo al sito poste.it.

Per poterla utilizzare è necessario che tu sia in possesso di una carta di credito oppure di una carta pregata. Non devi essere titolare di un conto corrente postale o avere una Postepay. Qualsiasi carta di credito Mastercard o Visa va comunque bene.

Requisito indispensabile è essere registrato al portale di Poste Italiane. Infatti, solo dopo la registrazione ti sarà possibile effettuare i pagamenti sia tramite il sito ufficiale di Poste Italiane sia tramite l’app Ufficio Postale per dispositivi Android e iOS.

Se non sei già registrato allora devi scegliere l’opzione “registrati” ed inserire i tuoi dati (nome, cognome, numero di cellulare, codice fiscale). Successivamente devi premere su “prosegui” e controllare che i dati riportati siano esatti. Dopo avere spuntato la voce “non sono un robot”, devi cliccare su “conferma” ed inserire nel campo “codice di conferma”, il codice di verifica che ti è arrivato tramite sms sul cellulare. Premi quindi, “conferma” e successivamente scegli i dati di accesso (email e password), seguendo poi, le indicazioni che compariranno sullo schermo per completare la procedura di registrazione.

Per eseguire il pagamento dopo la registrazione, devi andare nella voce “area personale” ed inserire la tue credenziali nei campi “nome utente” e “password”. Successivamente, devi scegliere l’opzione “paga online” e cliccare sul “paga” relativo al tipo di bollettino che devi pagare (bollettino precompilato, bollettino Pa, bollettino bianco, bollettino Mav).

I bollettini postali si riconoscono perché hanno un codice stampato in basso sulla destra.

A questo punto, devi inserire i dati richiesti del bollettino, cioè il numero di conto corrente postale, il codice cliente, il tuo nome e cognome e dopo devi scegliere il metodo di pagamento (carta di credito, carta Postepay, conto BancoPosta). Premendo su “paga ora”, la procedura sarà completata.

Pagamento tramite home banking

Un’altra modalità di pagamento dei bollettini postali online è quella tramite l’home banking della propria banca con addebito sul conto corrente personale. In questo caso, devi collegarti al sito internet del tuo istituto di credito ed accedere alla tua area personale, inserendo il codice cliente e il pin.

Nell’area riservata ai pagamenti devi, quindi, selezionare il tipo di bollettino che intendi pagare, compilandolo con i relativi dati. Premi poi, su “conferma” ed assicurati che i dati precedentemente inseriti siano corretti prima di cliccare sull’opzione per eseguire il pagamento.

Pagamento tramite applicazioni per Android e iOS

Ci sono poi, delle applicazioni per Android e iOS, che consentono il pagamento dei bollettini postali tramite il proprio smartphone o tablet.

App Ufficio Postale

Una prima app è quella di Poste Italiane, denominata Ufficio Postale. Dopo averla avviata, devi premere sui pulsanti “scegli il tuo ufficio postale”, “consenti” e “inizia” per permettere l’individuazione dell’ufficio postale più vicino a te. Accedi quindi, nella sezione “le tue operazioni” e clicca su “bollettino”, poi inserisci i tuoi dati d’accesso. A questo punto, inserisci i dati del bollettino oppure se è già precompilato, premi su “inquadra codice” per scansionarlo. Per completare l’operazione, devi scegliere il tipo di bollettino da pagare e la modalità di pagamento (carta di credito, PostePay e Conto BancoPosta Online) prima di premere su “conferma”.

Satispay

Satispay permette il pagamento dei bollettini online, usando il credito del proprio account.

Devi, innanzitutto, scaricare tale applicazione dallo store del tuo dispositivo ed avviarla premendo su “inizia ora”. Dopo avere creato il tuo account con l’inserimento dei dati richiesti (numero di telefono, email), verifica la tua identità e procedi alla creazione del codice pin.

Inserisci il tuo codice Iban e continua la registrazione inserendo le informazioni personali e caricando un tuo documento di riconoscimento. Scatta una foto e completa la procedura seguendo le indicazioni che appariranno sullo schermo.

Ora, devi impostare il budget del tuo account: prima premi su “profilo”, poi su “imposta budget” e quindi, su “modifica” ed inserisci la somma che ti interessa (puoi scegliere un importo compreso tra i 25 euro e i 250 euro). La procedura si completa premendo su “prosegui” e “conferma”.

Una volta che avrai il credito disponibile sul tuo conto Satispay – per la prima ricarica dovrai attendere almeno due giorni lavorativi – per pagare il bollettino, non dovrai fare altro che cliccare su “servizi”, scegliere la voce “bollettini” ed inquadrare il bollettino con la fotocamera dello smartphone o del tablet.

SisalPay

Il pagamento tramite SisalPay, che è il circuito di ricariche e pagamenti Sisal, può essere effettuato sia tramite computer sia collegandosi al sito oppure mediante smartphone o tablet, scaricando l’applicazione per Android e iOS.

Nel primo caso, devi aprire il sito internet di SisalPay e dopo la registrazione, devi inserire i dati del tuo account (email, numero di cellulare e password).

Poi, devi cliccare su “pagamenti” e scegliere la voce “bollette”; quindi, seleziona il servizio per il quale devi effettuare il versamento (ad esempio Enel Energia, Findomestic, Tim fisso, ecc.) o clicca su “altri bollettini”, se il servizio che ti interessa non compare nell’elenco.

In quest’ultimo caso, devi compilare il bollettino con i dati che ti vengono richiesti (conto corrente postale, numero di bollettino, tipologia, importo).

Poi, premi su “prosegui” e scegli il metodo di pagamento per completare l’operazione.

Per pagare tramite l’app di SisalPay, la devi prima avviare e poi, cliccare sulla “P” nera su sfondo giallo, che compare sullo schermo. A seguire premi su “accedi” e accedi al tuo account, se sei già registrato. Ora, clicca su “paga la Pubblica Amministrazione” e scegli la voce “bollettini pagoPA”, se si tratta di un bollettino della Pubblica Amministrazione; altrimenti clicca su “scatta e paga”, se è un altro tipo di bollettino.

Dopo avere premuto su “prosegui”, puoi inquadrare il bollettino con la fotocamera del tuo dispositivo oppure puoi inserire i dati dello stesso, manualmente (numero bollettino, c/c beneficiario, tipo di codice e importo).

Se il bollettino ha un codice a barre che inizia con 415 o 37, devi selezionare “codice a barre” prima di inserire l’importo e premere sul pulsante “continua” per completare il pagamento.

Cosa succede se si utilizza una carta di credito altrui o falsificata

Se per effettuare il pagamento di un bollettino postale online viene utilizzata indebitamente una carta di credito o di pagamento o se ne adopera una falsificata, si commette un atto illecito, punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da 310 euro a 1550 euro.

Il nostro legislatore, infatti, nel 2018 ha introdotto nel Codice penale un nuovo articolo che prevede il reato di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento [1].

Più precisamente, si ha un utilizzo indebito quando lo stesso è effettuato da un soggetto che non è il titolare della carta di credito, in mancanza del consenso ovvero contro la volontà del legittimo possessore. Inoltre, per commettere il reato non si deve materialmente possedere la carta di credito o di pagamento ma è sufficiente il possesso dei codici della stessa carta e dei codici personali utilizzati a fini di profitto personale od anche a vantaggio di terzi. [2].

Il reato si commette nel momento in cui vengono utilizzate le carte indipendentemente dall’effettivo conseguimento di un profitto. Perciò, anche la digitalizzazione casuale di sequenze numeriche da parte di soggetto sprovvisto di codice pin di una carta di provenienza illecita integra la fattispecie [3].

note

[1] D. Lgs. 21/2018 ex art. 493 ter cod. pen.

[2] Cass. 55438/2018.

[3] Cass. 17923/2018.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube