Diritto e Fisco | Articoli

Addio ergastolo anche dall’Unione Europea: la CEDU boccia la pena a vita

11 Luglio 2013
Addio ergastolo anche dall’Unione Europea: la CEDU boccia la pena a vita

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo: illegittimo l’ergastolo se non è possibile la liberazione o la revisione della pena.

Ieri è stata la giornata che ha rivoluzionato la visione dell’ergastolo, almeno in Europa. Infatti, dopo l’iniziativa di Papa Francesco, che ha messo definitivamente al bando – dal primo settembre – tale pena (leggi l’articolo “Abolito l’ergastolo: svolta in Vaticano), anche la Corte Europea dei diritti dell’Uomo (CEDU) dice definitivamente no all’ergastolo.

Le condanne a vita, secondo la Corte di Strasburgo, sono incompatibili con la Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo a meno che – ed è l’unico caso in cui la Corte riconosce la legittimità dell’ergastolo – sia prevista almeno la possibilità di liberazione o di revisione della pena. Laddove invece il detenuto non abbia alcuna speranza di liberazione, l’ergastolo va contro i sacrosanti diritti dell’uomo.

Il caso deciso dalla CEDU ha riguardato due detenuti in Gran Bretagna. Al contrario, in molti Stati dell’Unione Europea – compresa l’Italia – è prevista la possibilità di una revisione della condanna detentiva a vita, dopo un determinato periodo (in genere 25 anni di carcere).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube