Diritto e Fisco | Articoli

Pensione a 67 anni: quando

13 Novembre 2019 | Autore:
Pensione a 67 anni: quando

Blocco età pensionabile: pensione di vecchiaia ordinaria, assegno sociale, pensione di cittadinanza, chi può beneficiarne, sino a quale data.

L’età pensionabile, attualmente pari a 67 anni, non aumenterà per un po’ di tempo: questo limite anagrafico è stato difatti confermato con un decreto ministeriale basato sulla speranza di vita accertata dall’Istat per l’intero biennio 2017-2018. Considerato che la variazione risulta inferiore a un mese, non sono stati disposti incrementi.

Il limite di età pari a 67 anni riguarda sia la pensione di vecchiaia ordinaria Inps, che l’assegno sociale e la pensione di cittadinanza: sono dunque in tanti a beneficiare del blocco dell’età pensionabile.

Facciamo allora il punto della situazione sulla pensione a 67 anni: quando può essere richiesta, chi può ottenerla, sino a quando l’età pensionabile resterà bloccata.

Ricordiamo che, a partire dal 2021, l’aspettativa di vita sarà calcolata considerando la media del biennio immediatamente precedente, confrontata con la media del biennio ancora anteriore; per il 2021, ad esempio, l’aspettativa di vita sarà calcolata sulla base della media del biennio 2019-2020, confrontata con la media del biennio 2017-2018: l’eventuale aumento determinerebbe un incremento dei requisiti per la pensione legati all’aspettativa di vita sul biennio 2021-2022.

Nel caso invece in cui si riscontri una diminuzione della speranza di vita media, il decremento viene scomputato nella verifica per il biennio successivo: non è quindi applicato un calo dell’età pensionabile, ma solo un congelamento dei requisiti. L’adeguamento dell’età di pensionamento alla speranza di vita, in ogni caso, continuerà a essere verificato ogni due anni.

Chi può pensionarsi a 67 anni?

Può ottenere la pensione di vecchiaia ordinaria a 67 anni chi, iscritto presso una delle gestioni amministrate dall’Inps, ha alle spalle almeno 20 anni di contributi, se possiede almeno un versamento alla data del 31 dicembre 1995.

Se il lavoratore iscritto all’Inps non possiede versamenti antecedenti al 1996, la pensione di vecchiaia a 67 anni può essere ottenuta solo se l’importo del trattamento non è inferiore a 1,5 volte l’assegno sociale: considerando che, per il 2019, l’assegno sociale ammonta a 457,99 euro, l’ammontare della pensione deve essere almeno pari a 686,99 euro. Se la pensione risulta d’importo inferiore, il lavoratore deve attendere 71 anni per ottenere la pensione di vecchiaia contributiva, per la quale non è previsto il rispetto di un importo soglia minimo.

Per alcuni lavoratori, l’età per la pensione di vecchiaia ordinaria è inferiore ai 67 anni; si tratta di:

  • addetti ai lavori gravosi, con almeno 30 anni di contributi e non beneficiari dell’Ape sociale; questi lavoratori possono pensionarsi a 66 anni e 7 mesi;
  • lavoratori dipendenti da aziende del settore privato, con un’invalidità pensionabile almeno dell’80%; questi lavoratori possono pensionarsi a 61 anni, se uomini, o a 56 anni, se donne, con una finestra di 12 mesi; requisiti ancora più agevolati sono previsti per i non vedenti.

Assegno sociale a 67 anni

La soglia di età prevista per la pensione di vecchiaia si applica anche all’assegno sociale: pertanto, anche per ottenere questa prestazione è necessario aver compiuto 67 anni.

Per ottenere l’assegno sociale, che è una prestazione economica spettante a chi si trova in situazione di bisogno, pari a 457,99 euro al mese (per il 2019) è inoltre necessario soddisfare ulteriori condizioni, che riguardano il reddito personale e del coniuge, la cittadinanza e la residenza, l’assenza di prestazioni incompatibili. Per approfondire: Assegno sociale 2020.

Pensione di cittadinanza a 67 anni

La soglia di 67 anni è valida anche per la pensione di cittadinanza: si tratta di una prestazione economica che spetta ai nuclei familiari in condizione di bisogno, che può arrivare anche a 1536 euro mensili. I requisiti da soddisfare per ottenere il trattamento sono molto numerosi, qui la Guida completa alla pensione di cittadinanza.

Pensione a 67 anni: sino a quando?

Come abbiamo osservato, attualmente si possono ottenere la pensione di vecchiaia, l’assegno sociale e la pensione di cittadinanza a 67 anni. Ma sino a quando l’età pensionabile resterà ferma a 67 anni?

Il blocco dell’età pensionabile, secondo il contenuto del decreto ministeriale basato sulla speranza di vita accertata dall’Istat, resterà ferma a 67 anni non solo per il 2020, ma anche per il biennio 2021- 2022, in quanto la variazione accertata non supera il mese.

Solo nel biennio 2023-2024 il requisito potrebbe aumentare di tre mesi, stando ai requisiti stimati dalla Ragioneria generale dello Stato nel rapporto sulla spesa pensionistica pubblicato in settembre.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA