Diritto e Fisco | Articoli

Nulli d’ufficio tutti i contratti con la banca non trasparenti: grande vittoria dei consumatori

15 luglio 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 luglio 2013



La nullità di un contratto con l’istituto di credito può essere rilevata sempre, anche d’ufficio, anche se le questioni sono state poste per la prima volta in appello: prevalente la necessità di non dare seguito a un accordo sul quale l’ordinamento giuridico esprime giudizio negativo.

 

Un’importante precedente per la giurisprudenza, una storica vittoria per i consumatori: tre giorni fa, la Cassazione ha depositato una sentenza in cui ha precisato che la nullità di un contratto di fideiussione (e, più in generale di un qualsiasi contratto stipulato tra un privato cittadino e una banca) può essere rilevata anche d’ufficio dal giudice, quindi al di là dell’eventuale eccezione sollevata da consumatore. In altre parole, se il giudice si accorge che l’Istituto di credito ha fatto firmare al cittadino un atto negoziale poco trasparente e, per ciò, viziato, lo deve dichiarare nullo, anche se la parte in giudizio non l’ha espressamente chiesto o è decaduta dal diritto di chiederlo (nel caso di specie, la questione della nullità del contratto era stata posta, per la prima volta, in appello, violando il divieto di nuove eccezioni in secondo grado).

Secondo la Corte, infatti, deve sempre prevalere, rispetto alla formale applicazione delle regole del processo (che in determinati casi prevedono la decadenza delle parti dal sollevare eccezioni [2]), la necessità di non dare attuazione a un contratto ritenuto, dall’ordinamento, in violazione della legge e, in particolare, degli obblighi di informazione e trasparenza nei confronti del consumatore [3].

L’unico obbligo del giudice è quello di preservare la possibilità, per entrambe le parti, una volta che egli si sia accorto di un vizio del contratto che ne potrebbe determinare la nullità, di “dire la loro” in merito (cosiddetto principio del contraddittorio). Il che, in pratica, significa che il magistrato non può far piovere, dalla sera alla mattina, la propria decisione di nullità senza prima aver concesso anche alla banca – in questo caso interessata a conservare la validità del rapporto – la possibilità di difendersi.

La vicenda e l’importanza della sentenza

La questione decisa dalla Suprema Corte è assai importante perché spezza una rigida regola del processo sino ad oggi sempre applicata: il divieto di presentare nuove eccezioni in grado di appello se non già sollevate in primo grado.

Nel caso di specie, infatti, il cittadino aveva eccepito solo in secondo grado la questione della nullità del contratto di fideiussione perché, a suo dire, poco trasparente.

La banca si era opposta poiché tale eccezione non era stata sollevata in primo grado.

Il giudice però ha ritenuto di poter esaminare la validità del contratto da sé, senza bisogno della richiesta di parte: ciò per impedire che un contratto nullo, sul quale l’ordinamento esprime un giudizio di disvalore, possa spiegare i suoi effetti ai danni dei consumatori.

L’obbligo di esaminare d’ufficio la natura abusiva e la conseguente nullità e inapplicabilità di una clausola contrattuale era stato sottolineato, in passato, anche dalla Corte di Giustizia Europea [4].

Grande vittoria dei consumatori sugli istituti di credito che non rispettano gli obblighi di trasparenza. Il giudice ha il potere di rilevare autonomamente, anche se non eccepite dalle parti in processo, ogni forma di nullità del contratto posta a tutela del consumatore, purché rispetti il principio del contraddittorio.

note

[1] Cass. sent. n. 17257 del 12.07.2013. Il precedente richiama integralmente la sentenza della Cass. Sez. Un. n. 14828/12.

[2] Come detto, nel caso di specie si trattava di una extrapetizione.

[3] Nel caso di specie era stato violato il Testo Unico bancario e il principio di buona fede contrattuale.

[4] C. Giust. U.E., sent. 4 giugno 2009 causa C-243/08 e 6 settembre 2009 in causa C-40-08.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buongiorno
    interessantissimo articolo
    non riesco a trovare il testo della sentenza di Cassazione, forse è troppo presto ancora….
    Potrebbe integrarlo alla stesura del suo articolo? Sono molto interessata.
    Grazie e complimenti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI