Vaccinazione influenza: è efficace?

11 Novembre 2019 | Autore:
Vaccinazione influenza: è efficace?

La lotta all’influenza passa da una corretta ed efficace comunicazione su come difendersi: dal vaccino all’igiene delle mani.

L’influenza è una malattia respiratoria che può manifestarsi in forme di diversa gravità: ecco perché è importante intervenire tempestivamente ed informarsi bene sul vaccino antinfluenzale, evitando di mettere a rischio la nostra salute. I sintomi tipici dell’influenza sono: insorgenza improvvisa di febbre alta, tosse, dolori muscolari, mal di testa, brividi, perdita di appetito, affaticamento e mal di gola. In alcuni casi, possono verificarsi nausea, vomito e diarrea. I bambini e gli anziani possono essere più a rischio di gravi complicanze influenzali come: polmoniti e peggioramento delle condizioni fisiche.

Gli sbalzi termici facilitano l’insorgenza di forme simil-influenzali, provocate dai virus ‘cugini’, ma l’influenza vera e propria scatterà quando le temperature rimarranno basse. Il freddo tipico e prolungato arriverà da Natale in poi, ma è sin da ora che bisogna attivarsi per prevenire il virus con la vaccinazione (per conoscere i vaccini contro i nuovi virus, clicca qui).

Sul sito del ministero della Salute, si sottolinea che “come riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, la misura più efficace per prevenire l’influenza, sia per il singolo che per la collettività, è la vaccinazione”. Il ministero della Salute ricorda che “Le sindromi simil-influenzali (Ili) colpiscono ogni anno il 9% della popolazione italiana, con un minimo del 4% osservato nella stagione 2005-06, e un massimo del 15% registrato nella stagione 2017-18. Non dimentichiamo, inoltre, che in Italia l’influenza è una delle 10 principali cause di morte“.

Il ministero ha lanciato una campagna di comunicazione sull’influenza 2019-2020 e, per l’occasione, è stato realizzato uno spot televisivo della durata di 30 secondi in cui vengono indicate le principali misure da adottare allo scopo di proteggere se stessi e gli altri dalla diffusione della malattia.

Lo spot video sarà veicolato sulle reti Rai negli spazi messi a disposizione gratuitamente dalla Presidenza del Consiglio dei ministri alle pubbliche amministrazioni e dall’8 novembre è anche su alcune emittenti commerciali (Sky, Fox Channel, Fox Life, Sky Tg24, Sky Uno, Cielo, Tv8). Sarà diffuso sul web e sui canali social del ministero. Contemporaneamente, sulle reti radiofoniche Rai passerà anche lo spot realizzato per la campagna di prevenzione dell’influenza dello scorso anno.

“Come riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, la misura più efficace per prevenire l’influenza, sia per il singolo che per la collettività, è la vaccinazione – sottolinea il ministero – Oltre a a questo strumento, si raccomandano anche misure di protezione personali non farmacologiche, utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza: l’igiene respiratoria (contenimento della diffusione derivante da starnuti e colpi di tosse con la protezione della mano o di un fazzoletto); il lavaggio frequente e accurato delle mani“.

Oltre alla promozione della vaccinazione, un altro obiettivo della campagna è quello di raccomandare il corretto uso degli antibiotici, “ai quali non si deve ricorrere in caso di infezioni virali come l’influenza”, raccomandano gli esperti.

Il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri), Filippo Anelli, ha commentato così su Facebook: “Semplice, comprensibile, efficace! Poche regole, ma importanti: vaccinarsi per prevenire l’influenza; non usare gli antibiotici perché l’influenza è una malattia virale; lavarsi le mani una prassi molto efficace per ridurre la diffusione della malattia. Bene ministro Roberto Speranza”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube