HOME Articoli

Lo sai che? Incidenti: se il guard-rail non è in regola, risarcisce il proprietario dell’autostrada

Lo sai che? Pubblicato il 15 luglio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 15 luglio 2013

Bisogna sempre segnalare il pericolo sulla strada, se non si possono sostituire le barriere obsolete poi sfondate dallauto protagonista del sinistro.

Carcere e risarcimento del danno a carico dei responsabili dell’autostrada per l’incidente avvenuto a causa di un guard-rail non in buono stato di manutenzione o fuori norma. A stabilire questa responsabilità rigorosissima è la Cassazione con una recente sentenza [1].

I vertici della società autostradale sono responsabili per l’incidente mortale avvenuto sul viadotto a causa di un guard-rail inadeguato. Essi dovevano quantomeno segnalare il pericolo o predisporre altri sistemi di tutela del traffico, come il restringimento della carreggiata, sostiene la Cassazione.

Non rileva che le opere di manutenzione della struttura stradale non possano essere approvate dall’azienda autostradale a causa delle deficit di bilancio: iin mancanza della possibilità di sostituzione del guard-rail, esistono sempre sistemi alternativi – d’emergenza – volti a segnalare il pericolo agli automobilisti. Quindi, se anche non si può riammodernare l’arteria, bisogna mettere sempre gli automobilisti nella condizione di

Il codice della strada impone all’ente gestore dell’infrastruttura di assicurare la sicurezza e la manutenzione sulle tratte di competenza e l’efficienza tecnica delle pertinenze dell’infrastruttura di collegamento.

A ciò si aggiunge che il ministero dei Lavori pubblici ha imposto [2] paletti precisi su progettazione, omologazione e impiego delle barriere di sicurezza stradale.

note

[1] Cass. sent. n. 30190/13 del 12.07.2013.

[2] Decr. Min. Lav. Pub. n. 223/92


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI