Diritto e Fisco | Articoli

Equitalia: nulle le notifiche per posta (raccomandata a.r.) anche per la CTP di Roma

16 Luglio 2013
Equitalia: nulle le notifiche per posta (raccomandata a.r.) anche per la CTP di Roma

Anche la CTP di Roma è per la nullità delle notifiche delle cartelle esattoriali avvenute attraverso la posta, ossia la busta bianca inviata con raccomandata con avviso di ricevimento.

Solo ieri avevano pubblicato il commento all’importante sentenza del Tribunale di Galatina, anch’esso orientatosi nel ritenere nulle le notifiche di Equitalia fatte con la semplice raccomandata a.r. (leggi l’articolo “Notifiche per posta fatte da Equitalia: nulle anche per il Tribunale di Lecce”). In quella sede, peraltro, abbiamo fatto una rassegna di tutti i precedenti che seguono tale indirizzo favorevole al contribuente.

Ebbene, a pochi giorni dalla decisione del tribunale pugliese, oggi possiamo dare anche la notizia di un nuovo precedente che segue la stessa rotta: così la Commissione Tributaria Provinciale di Roma [1] ha annullato una cartella di Equitalia notifica a mezzo del servizio postale e non attraverso le normali forme degli atti processuali.

Le motivazioni che si leggono in sentenza sono le stesse che avevano convinto, in precedenza, il tribunale di Galatina e quello di Lecce: dal 1° luglio 1999, l’Agente per la riscossione dei tributi dello Stato (Equitalia) non può più procedere alla notifica delle cartelle esattoriali attraverso le raccomandate a.r., ma deve sempre valersi degli ufficiali della riscossione, degli agenti della Polizia Municipale o dei messi comunali.

Dunque, l’ex esattore (attualmente detto “concessionario della notificazione”) non può effettuare la notificazione mediante il servizio postale e non può consegnare materialmente la cartella all’agente della posta.

Questo, in buona sostanza, significa che le notifiche effettuate attraverso le classiche buste bianche, con raccomandata a.r., sono da considerarsi nulle e come se non fossero mai avvenute (vizio di inesistenza).


note

[1] CTP di Roma, sent. n. 247/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube