Politica | News

Berlusconi da Maurizio Costanzo: italiani vi siete bevuti il cervello

12 Novembre 2019
Berlusconi da Maurizio Costanzo: italiani vi siete bevuti il cervello

Il leader di Forza Italia ammette: «Non sono riuscito a farlo smettere neanche con una bomba». Poi prosegue: «Governo di incapaci, manovra tasse e manette».

«Maurizio, ormai siamo vecchietti, dobbiamo smettere. Abbiamo un piede nella tomba…». «Ma davvero sei qui da 4.445 puntate? Non ti sembra di aver esagerato?». Silvio Berlusconi è ospite del ‘Maurizio Costanzo Show‘, il talk più longevo  della tv italiana (con ben 4445 puntate all’attivo, dal 1982 al 2019), ideato e condotto dal giornalista Mediaset. Non siamo nello storico  teatro Parioli di Roma, ma nei ‘Lumina Studios’ di Labaro, a pochi chilometri dall’uscita Flaminia del Gra, in via Macherio 228. Unico e casuale ‘richiamo’ a un passato che non c’è più, quello dei tempi d’oro del Cavaliere imprenditore di Milano 2, che viveva con Veronica Lario e i figli (prima del divorzio) nella Villa Belvedere di Macherio, venduta nel 2013 per ragioni di spending review.

In sala, ad ascoltare il presidente di FI, per lo più persone di mezza età. Quando viene annunciato, Berlusconi fa un ingresso dei suoi, facendo capolino dalla ‘quinta’. Ed è subito show, tra amarcord, battute. Si comincia, infatti, con una battuta fulminante sull’attentato a Costanzo che è costato all’ex premier un avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulle stragi di mafia del ’93: «Da tutto questo tempo sei qui? Non ci sono riuscito a farti smettere Maurizio, non c’è l’ho fatta a farlo scappare nemmeno con un attentato con una bomba…».

I due duettano sin dall’inizio e si danno del ‘tu’. E il leader azzurro accetta il continuo ‘controcanto’ di Costanzo, che considera come un vero e proprio highlander del tubo catodico. «Sono passati 37 anni e non riesco a interromperlo mai, mai…», lo provoca l’amico Maurizio. Il leader forzista ride ma non si ferma: ”Ora finisco”, promette, poi è un fiume in piena e si sfoga contro gli italiani: «Vi siete bevuti il cervello, avete votato malissimo”, consegnando il Paese nelle mani di “incapaci assoluti».

E ancora: «Questa manovra è tutta tasse e manette…».  Quindi, gli torna il buon umore e prima di lasciare il palco lancia un nuovo messaggio: «Vi auguro, che con il prossimo governo, che sarà il nostro, di esaudire tutti i vostri sogni e desideri…».

Il botta e risposta con Costanzo continua. «Che mi dici di Matteo?», domanda il conduttore. «Quale? Perché di Matteo ce ne sono tanti, forse troppi…», scherza Berlusconi, che ribadisce la sua ‘distanza’ da Matteo Renzi, per mettere la sordina ancora una volta alle voci di una fuga di vari parlamentari azzurri verso ‘Italia Viva’.

Berlusconi esclude qualsiasi inciucio con ‘Iv’: «So che Renzi è venuto da te, so che ha fatto la mia imitazione ma non sono riuscito a vederla, gli faccio gli auguri, ma lui gioca nell’altra metà campo, c’è una distanza assolutamente incolmabile tra noi e la sinistra…».

Il leader azzurro dice che l’Italia non va bene, visto che ”gli italiani stanno male”, insiste sul ‘pericolo’ Cina e non risparmia nemmeno Matteo Salvini: «Avete visto che Salvini inizia ad avere la barba grigia…non piace alle donne».

L’ex premier non fa il nome di ‘Altra Italia‘, ma parla dell’Italia del non voto: «La politica non solo in Italia ma ovunque è diventata così disgustosa che ci sono tantissime persone che non vanno a votare, soprattutto manager e dirigenti, perché si sentono di entrare in un ambito non dignitoso per loro…».

Berlusconi si sofferma sull’ex Ilva, sottolineando che si andrà verso un ”intervento pubblico”, che però troverà Forza Italia contraria. Poi ne approfitta per lanciare una sorta di j’accuse nei confronti degli italiani: «Al governo ci sono degli incapaci assoluti e voi italiani avete votato malissimo: vi siete bevuti il cervello, mettendo il nostro, il vostro, Paese nelle mani di questi incapace, è una vera vergogna».


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA