Tampon tax: la proposta non passa

13 Novembre 2019
Tampon tax: la proposta non passa

Respinto alla Camera l’emendamento a firma Laura Boldrini più 32 deputati per ridurre al 10% l’Iva sugli assorbenti e altri prodotti intimi femminili.

È stato dichiarato inammissibile l’emendamento al decreto legge fiscale, primo firmatario Laura Boldrini, che avrebbe ridotto l’Iva al 10% sugli assorbenti e sugli altri prodotti sanitari e igienici femminili, come i tamponi interni, gli assorbenti igienici esterni, le coppe e spugne mestruali. Lo ha decretato stamattina la commissione Finanze della Camera dei deputati, come riporta l’agenzia stampa Adnkronos.

La nuova norma avrebbe esteso l’imposta sul valore aggiunto agevolata sui prodotti sanitari e igienici femminili. Ne avevamo parlato in Iva ridotta al 10% sugli assorbenti . Il nome di tampon tax era stato attribuito all’iniziativa dalla stessa Boldrini, che aveva creato un omonimo hashtag sui social.

Non è la prima volta che la proposta viene respinta: si era già verificato alcuni mesi fa durante il precedente Governo Conte 1. Così l’aliquota Iva vigente su questi prodotti è rimasta finora quella ordinaria del 22% e tale sarà anche in futuro.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube