Venezia: dopo l’alluvione slitta il pagamento della Tari

14 Novembre 2019
Venezia: dopo l’alluvione slitta il pagamento della Tari

Posticipato il pagamento della rata Tari in scadenza a novembre per i contribuenti del Comune di Venezia colpito dall’alluvione. Il termine slitta al 16 dicembre.

Un piccolo sollievo in attesa di interventi più consistenti: il sindaco di Venezia, dopo la straordinaria alluvione che ha colpito il territorio della città e delle zone limitrofe, ha deciso di posticipare – non di eliminare – di un mese i termini di pagamento della Tari, la tariffa comunale sui rifiuti. La notizia è lanciata dall’agenzia Adnkronos.

«Oggi pomeriggio riunirò in via straordinaria la Giunta del comune di Venezia per posticipare l’imminente scadenza della quarta rata Tari, prevista per il 16 novembre, per tutti i cittadini e le imprese dell’intero comune di Venezia. La nuova scadenza sarà il 16 dicembre 2019″. Lo scrive in un tweet, il sindaco Luigi Brugnaro.

Intanto per oggi alle 16,30, è programmato un Consiglio dei ministri straordinario per decidere i provvedimenti da adottare sullo stato di emergenza di Venezia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube