Politica | News

I Savoia tornano in Italia, ma è uno spot

15 Novembre 2019
I Savoia tornano in Italia, ma è uno spot

L’annuncio shock di Emanuele Filiberto sui social… I reali stanno tornando.

“Buonasera a tutti gli italiani, ho il dovere di annunciare ufficialmente il ritorno della Famiglia Reale“. Il video pubblicato su Twitter dal principe Emanuele Filiberto, ha stupito parecchie persone.

Il nipote dell’ultimo re d’Italia, Umberto II di Savoia, parla di un ritorno della famiglia reale, come a riferirsi a un ritorno in Italia degli eredi di Casa Savoia. “È tempo di tornare a respirare la tranquillità, la fiducia e l’eleganza di cui abbiamo bisogno, oggi più che mai”, scandisce Emanuele Filiberto.

Che poi aggiunge: “Guidata da un forte senso del dovere, la Famiglia reale si pone l’obiettivo di tutelare i cittadini per guardare al futuro con rinnovato ottimismo. Grazie a tutti. I Reali stanno tornando“. Ed è proprio quest’ultima frase che ha fatto capire a tutti che si tratta chiaramente di uno spot e che, probabilmente, Emanuele Filiberto sta pubblicizzando il ritorno in Italia dei reali di ‘The Crown‘, la serie di Netflix con Olivia Colman nei panni della Regina Elisabetta II.

Proprio ieri, infatti, il colosso dell’intrattenimento via internet ha annunciato il debutto sulla piattaforma, domenica 17 novembre, della terza e attesissima stagione di ‘The Crown’, la serie originale di successo mondiale sarà disponibile in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo.

Un ritorno che in Italia è legato ad un’operazione di marketing particolare ed inedita: dal 18 novembre, e per 28 giorni, Netflix renderà disponibile a tutti in Italia la prima puntata della terza stagione della serie, senza necessità di essere abbonati. Fino al 15 dicembre, infatti, chiunque potrà guardare l’episodio visitando la pagina netflix.com/thecrown tramite il proprio browser web o dispositivo Android. Insomma, Emanuele Filiberto servirebbe per lanciare la ‘risposta’ di Netflix al Fiorello di RaiPlay.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube