Diritto e Fisco | Articoli

Conto corrente online: quale banca?

17 Novembre 2019 | Autore:
Conto corrente online: quale banca?

Cosa valutare per aprire un rapporto bancario via Internet. Quali sono i vantaggi. Le condizioni di alcune delle proposte più diffuse.

Il principale vantaggio di Internet è quello di poter sbrigare qualsiasi pratica (o quasi) senza uscire di casa, trovando spesso delle soluzioni che fanno risparmiare non solo tempo ma anche denaro. Pagare un bollettino postale, ordinare la spesa al supermercato, acquistare un prodotto in un negozio virtuale. Ed anche aprire un conto corrente online. Che potrebbe essere più conveniente rispetto a quello attivato ad uno sportello «fisico» perché ci sono meno spese di gestione. Non tutti gli istituti di credito, però, propongono ai clienti le stesse condizioni, quindi ci si chiede quando si vuole aprire un conto corrente online quale banca scegliere.

Come saprai, molti istituti hanno affiancato alla loro offerta tradizionale quella sviluppata sul web, con servizi di home banking che danno la possibilità al cliente di gestire il proprio conto corrente da casa. Nel frattempo, sono nate anche delle nuove realtà che operano fondamentalmente su Internet con pochissime sedi sul territorio rispetto alle «vecchie» banche ma molto richieste dai risparmiatori. La concorrenza, dunque, è aumentata ed è per quello che chi vuole svincolarsi dalla sede fisica e risparmiare qualche soldo aprendo un conto corrente online si chiede spesso quale banca sia la più conveniente. Vediamo che cosa si deve valutare al momento di fare la scelta e quali sono le condizioni proposte dai principali istituti che operano su Internet.

Conto corrente online: che cos’è?

Il conto corrente online non è altro che un normale rapporto con una banca per avere un «cassetto» che serve a depositare o a prelevare i propri soldi. Non è certo una forma di investimento, perché gli interessi prodotti da un conto online, come da un conto tradizionale, forse non bastano per pagarsi una cena in famiglia.

Questo tipo di conto corrente prescinde dalla sede fisica della banca: tutte le operazioni vengono fatte in Rete. È possibile, quindi, consultare i movimenti o l’estratto conto, inviare o ricevere un bonifico, pagare l’Imu, la Tari o un’altra tassa, avere l’accredito dello stipendio o della pensione, domiciliare le utenze. Inoltre, si può disporre di assegni (anche circolari), carta di credito, Bancomat, ecc. Insomma, tutti i servizi che sei abituato a trovare allo sportello puoi trovarli anche a casa tua tramite il conto corrente online utilizzando l’home banking.

Il tutto nella pressoché totale sicurezza garantita dai sistemi degli istituti operanti in Rete. Tutti, ormai, si sono dotati di mezzi in grado di proteggere i dati sensibili dei clienti, in qualche caso con una doppia richiesta di accesso. Va da sé che chi ha un conto corrente online non deve cadere nel tranello dei malintenzionati che, via e-mail o tramite sms o WhatsApp, tendono delle trappole per impossessarsi delle credenziali di accesso dei più ingenui.

Conto corrente online: quali vantaggi?

Come si può facilmente immaginare, i principali vantaggi di un conto corrente online sono due: la comodità e la convenienza.

Comodità perché se hai bisogno di fare qualsiasi tipo di operazione non devi muoverti da casa tua o dal tuo lavoro ma puoi farlo da un computer, da un tablet con il tuo smartphone. E non si tratta solo di una questione di pigrizia, ma di evitare inutili perdite di tempo. Certo, è bello avere un rapporto diretto con l’impiegato della banca. Ma è anche vero che a volte per fare un semplice pagamento con un F24 partono delle ore, tra recarsi in filiale, trovare parcheggio se non ce n’è uno dedicato, far la fila allo sportello, riprendere la macchina e tornare a casa o in ufficio. Tutto questo si evita con il conto corrente online.

Il secondo vantaggio è quello della convenienza economica. Normalmente – ma bisogna vedere quale banca si sceglie – per i conti correnti online vengono proposte delle condizioni migliori rispetto al conto tradizionale. Questo perché la gestione di un conto online comporta l’impiego di meno persone, visto che non c’è bisogno dell’assistenza allo sportello. Inoltre, avere meno sedi fisiche significa anche per le banche spendere molti meno soldi in immobili, che siano in affitto o di proprietà. Tutto questo non può non avere un’incidenza sui costi per il cliente.

Conto corrente online: quale risparmio?

Come appena detto, avere meno spese di gestione si traduce di solito in condizioni più favorevoli per chi decide di aprire un conto corrente online.

Molte banche azzerano i costi di gestione, altre propongono un canone annuo che scende a seconda del numero e del tipo di operazioni pattuite al momento di avviare il rapporto con il cliente.

C’è, inoltre, chi cerca di invogliare i clienti ad aprire un conto online proponendo in una fase iniziale degli interessi più sostanziosi rispetto a quelli prodotti da un conto tradizionale, piuttosto che qualche riconoscimento, per così dire, «materiale», come ad esempio un accredito in omaggio all’apertura del rapporto o un gadget particolarmente gradito.

Conto corrente online: come scegliere la banca?

Dunque, le offerte sono tante. A questo punto, quale banca scegliere per un conto corrente online? La risposta si trova soprattutto proprio su Internet, dove ci sono diversi comparatori che offrono – anche giorno per giorno – una panoramica sulle condizioni proposte dai vari istituti, sia quelli tradizionali sia quelli che lavorano esclusivamente sul web. A titolo esemplificativo, possiamo darti qualche idea in proposito.

Conto online Unicredit

Il conto corrente online proposto da Unicredit si chiama MyGenius ed è riservato ai cittadini italiani maggiorenni che siano nuovi clienti della banca. Per aprire il conto da casa, è necessario:

  • avere a portata di mano un documento di identità;
  • disporre di una webcam o di una fotocamera e di un browser compatibile;
  • avere un numero di cellulare italiano ed un indirizzo e-mail valido.

Le condizioni generali sono:

  • canone mensile di 2 euro fino al 31.12.2019 e di 3 euro dal 01.01.2020 per la tenuta del conto;
  • canone annuo di una carta di debito internazionale;
  • canone annuo del servizio di Banca Multicanale.

È possibile scegliere uno dei tre tipi di moduli transazionali: Silver, Gold e Platinum.

Il modulo Silver propone al costo mensile di 7 euro fino al 31.12.2019 e di 9 euro dal 01.01.2020:

  • carta prepagata UniCreditCard Click (previsto costo di emissione)
  • rilascio moduli di assegni (carnet da 10);
  • bonifici SEPA online.

Il modulo Gold propone al costo mensile di 10 euro fino al 31.12.2019 e di 12 euro dal 01.01.2020 gli stessi servizi più la carta di credito UniCreditCard Flexia con quota annua.

Il modulo Platinum propone al costo mensile di 18 euro fino al 31.12.2019 e di 22 euro dal 01.01.2020, oltre ai servizi del modulo Gold:

  • seconda e terza carta di debito internazionale (con canone annuo)
  • due carte di credito UniCreditCard Flexia (con quota annua)
  • prelievi di contante presso Atm di altre banche Italia/estero;
  • commissione pagamento fattura Telepass;
  • spese di invio estratto conto cartaceo.

Indipendentemente dal modulo scelto, la banca offre questi bonus sul canone mensile:

  • 2 euro per il bonifico dello stipendio o della pensione su un accredito minimo di 750 euro;
  • 2 euro per i giovani fino a 30 anni.

Inoltre, ci sono due moduli investimento, Gold e Platinum.

Il modulo investimento Gold prevede un canone mensile di 5 euro per:

  • sconto del 50% sulle spese semestrali di custodia e amministrazione del deposito titoli;
  • sconto del 20% sulle commissioni di raccolta ordini e di negoziazione dei titoli impartiti in Banca Multicanale via Internet.

Il modulo investimento Platinum prevede un canone mensile di 7 euro per:

  • sconto del 100% sulle spese semestrali di custodia e amministrazione del deposito titoli;
  • sconto del 30% sulle commissioni di raccolta ordini e di negoziazione dei titoli impartiti in Banca Multicanale via Internet;
  • servizio di money trading con canone mensile;
  • invio dell’estratto conto titoli cartaceo.

Anche in questi casi sono previsti dei bonus (che agiscono anche sui moduli transazionali):

  • del 50% su un patrimonio tra 75mila e 150mila euro;
  • del 100% su un patrimonio superiore ai 150mila euro.

Conto online CheBanca!

Tra i conti correnti online più noti, c’è quello dell’istituto CheBanca! Si tratta del conto Yellow. Ecco, in modo estremamente sintetico, le condizioni proposte:

  • zero spese per l’apertura del conto;
  • imposta di bollo come prevista dalla legge (34,20 euro per le persone fisiche, 100 euro per aziende, imprese e titolari di partita Iva);
  • canone annuo addebitato al 31 dicembre: 36 euro (azzerabile);
  • operazioni illimitate comprese nel canone;
  • zero spese annue per conteggio interessi e competenze;
  • zero spese per carta di debito;
  • nessun canone annuo per carta di debito internazionale dei circuiti Bancomat, Pagobancomat, Maestro e FastPay;
  • nessun canone annuo di carta di credito su circuito Mastercard se viene utilizzata per almeno 5.000 euro durante l’anno. Se la spesa è inferiore, il canone annuo è di 24 euro.

Per quanto riguarda il dossier titoli CheBanca! offre a zero spese:

  • apertura dossier titoli;
  • custodia e amministrazione titoli;
  • accredito dividenti e cedole;
  • operazione sul capitale;
  • contabili e rendiconto online;
  • canone mensile.

L’imposta di bollo, come detto, ammonta a quanto disposto dalla legge.

Conto online Widiba

La banca Widiba propone per il conto corrente online le seguenti condizioni:

  • zero spese di tenuta trimestrale del conto corrente per i primi 12 mesi per i nuovi clienti;
  • nessun canone per la carta di debito;
  • zero spese per prelievo di contante sopra i 100 euro dallo sportello Atm di qualsiasi banca in Italia;
  • zero spese per bonifici Sepa;
  • zero spese per estratto conto digitale;
  • linea libera e linee vincolate incluse;
  • deposito titoli incluso;
  • firma digitale e pec gratuite finché sarai cliente.

In particolare, per quanto riguarda la carta di debito, oltre al canone zero:

  • possibilità di effettuare un maxi-prelievo o prelievo da conto fino a 1.550 euro;
  • servizi alert sms, push o e-mail;
  • 1 euro per prelievo di contante pari o inferiore a 100 euro dallo sportello Atm di qualsiasi banca d’Italia;
  • seconda carta di debito gratuita;
  • estratto conto digitale gratuito;
  • utilizzo online gratuito.

Le spese per la carta di credito sui circuiti convenzionati Mastercard e Visa sono:

  • 5 euro di canone trimestrale;
  • 500 euro di plafond;
  • servizio alert sms, push o e-mail;
  • 4% dell’anticipo di contante fuori e dentro l’Unione europea con un minimo di 2,50 euro.

note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube