Mafia: Ingroia, ‘sentenza Borsellino? Stato ha insabbiato verità, ora Procura vada avanti’

16 Novembre 2019
Mafia: Ingroia, ‘sentenza Borsellino? Stato ha insabbiato verità, ora Procura vada avanti’

Palermo, 16 nov. (Adnkronos) – (di Rossana Locastro) – Una “strage di Stato” a cui seguì “un gravissimo depistaggio”, messo in atto “sin dalle battute iniziali delle indagini” e con “un incredibile dispiegamento di uomini e mezzi” e con un solo obiettivo: “Lo Stato aveva la necessità di coprire se stesso”. A distanza di 27 anni dall’eccidio di via d’Amelio in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino, e i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, eccola la “sola certezza che abbiamo” per l’ex magistrato antimafia di Palermo e oggi avvocato Antonio Ingroia. All’indomani della sentenza di secondo grado del Borsellino quater, emessa dalla Corte d’assise d’appello di Caltanissetta, l’ex pm che ha avviato l’inchiesta sulla trattativa tra Stato e mafia prima di lasciare la toga, sottolinea l’importanza di quel pronunciamento.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA