Poveri con un lavoro: sono sempre di più

16 Novembre 2019
Poveri con un lavoro: sono sempre di più

Sono poveri nonostante abbiano un lavoro: si trovano in questa situazione il 12% delle famiglie italiane. Percentuale esplosa: erano solo il 2% dieci anni fa.

Il rapporto Caritas 2019 su povertà ed esclusione sociale, diffuso oggi in occasione della Giornata Mondiale dei Poveri, contiene molte sorprese: tra queste il fatto che stanno aumentando moltissimo in Italia i cosiddetti “working poor“, coloro che pur lavorando sono poveri perché percepiscono un basso reddito. E quel salario o stipendio non basta a mantenere tutti i componenti della famiglia.

Nel corso del 2018, sono risultate in questa situazione di povertà il 12,3% delle famiglie italiane. Tradotto in numeri, 1 milione e ottocentomila famiglie in povertà assoluta, per un totale di oltre 5 milioni di persone (l’8,4% della popolazione).

Nella maggior parte di questi casi, il capofamiglia è occupato come operaio o ha un lavoro analogo. Il rapporto non ci dice se queste persone abbiano un lavoro temporaneo oppure fisso; certo è che le loro retribuzioni non coprono le spese e il costo della vita.

E soprattutto la tendenza è in preoccupante crescita: raffrontando la situazione delle famiglie con quella di dieci anni prima si scopre che l’incidenza della povertà si è più che sestuplicata (precisamente +624%), passando dal 1,7% del 2007 al 12,3% attuale. I dati appaiono invece stabili se confrontati con quelli dell’anno scorso. Dunque la povertà è peggiorata non in un anno solo ma in un intero decennio.

L”incidenza della povertà assoluta è maggiore nel Sud e nelle Isole ed è minore al Centro ed al Nord. A risolvere il fenomeno non aiutano neppure le misure di sostegno e inclusione sociale, come il Rei (Reddito di inclusione); lo stesso Reddito di cittadinanza penalizza proprio le famiglie numerose quelle con 5 o più componenti, per come emerge sempre dal rapporto Caritas.

Tra i disoccupati, invece, la povertà raggiunge livelli ben maggiori e arriva oggi al 27,6%. A prescindere dal fatto che si lavori o no – come abbiamo visto, anche chi ha un’occupazione è pesantemente colpito – i fattori che incidono di più sulle situazioni di povertà sono la cittadinanza, l’ampiezza dei nuclei familiari e la presenza di figli minori, il livello di istruzione, l’età, lo stato di disoccupazione e, in caso di occupazione, il tipo di lavoro svolto.


note

Immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube