Contanti: cosa cambia dal 2020

18 Novembre 2019 | Autore:
Contanti: cosa cambia dal 2020

Limiti al prelievo, all’utilizzo, ai versamenti ed ai pagamenti: le novità in arrivo e quelle già in vigore.

La stretta sull’uso dei contanti non è incominciata oggi, con la manovra finanziaria presentata dal Governo e in arrivo a dicembre con l’approvazione parlamentare; è invece progressiva e alcune misure limitative sono già in vigore, mentre altre sono in arrivo prossimamente.

Ad incidere sui comportamenti quotidiani non c’è solo la lotta all’evasione fiscale e l’incentivo alle forme di pagamenti elettronici, con bonifici, carte e bancomat, ma anche la normativa antiriciclaggio, quella fiscale e tributaria e quella bancaria sui movimenti finanziari.

Partiamo dall’approvigionamento, cioè dai prelievi, per poi andare a vedere l’utilizzo delle somme, e la loro destinazione in pagamento.

Limiti prelievo in contanti

Quanti soldi si possono prelevare al bancomat o allo sportello bancario? I privati non hanno limiti se non quelli stabiliti dal proprio istituto sulla propria carta di debito; le imprese invece se prelevano più di 1.000 euro in contanti al giorno, o 5.000 nel mese, devono riportare in contabilità l’impiego della somma.

Così è possibile prelevare allo sportello qualsiasi somma disponibile sul proprio conto, ma attenzione: se si supera la soglia “sospetta”, scatta la segnalazione antiriciclaggio all’Uif, l’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia. In realtà più che una segnalazione è una comunicazione, il prelievo non è considerato illecito ma l’operazione viene registrata e potrà essere analizzata per verificare se ci sono violazioni alla normativa; in tal caso ci sarà l’inoltro della denuncia penale e scatteranno  le sanzioni antiriciclaggio.

Dalla scorsa estate – precisamente dal mese di settembre 2019 – il limite è stato abbassato: ora gli istituti di credito devono farla quando i prelievi complessivi nel mese in contanti superano la soglia di 10.000 euro. Viene cioè segnalato chi preleva 10 mila euro in un mese  anche se con importi frazionati, purché superiori a 1.000 euro ciascuno. Leggi anche: massimo prelievo contanti privati.

Limiti spesa in contanti

Anche sul versante dell’impiego ci sono molte limitazioni: a manovra finanziaria approvata, con la nuova legge di Bilancio i nuovi limiti 2020 ai contanti scenderanno, dal prossimo 1 luglio, a 2.000 euro rispetto agli attuali 3.000 e si abbasseranno ulteriormente a 1.000 l’anno successivo, nel 2021. Nessun acquisto che supera questa soglia potrà essere pagato in denaro contante.

Dunque tutti i pagamenti per importi superiori alle somme stabilite dovranno essere fatti con strumenti tracciabili: bonifici bancari, assegni o carte. Non sarà neppure possibile frazionare i pagamenti per aggirare il vincolo, a meno che non si tratti di un pagamento in forma rateale stabilito in partenza nel contratto d’acquisto dei beni o della prestazione di servizi.

Il Governo vuole incentivare le forme di pagamento elettronico e per cambiare le abitudini degli italiani ha stabilito nella manovra in arrivo quattro mosse per togliere i contanti dalla circolazione: le detrazioni fiscali Irpef, che saranno riconosciute solo a chi pagherà con metodi tracciati, l’abbassamento delle commissioni per chi usa i Pos e incentivi in forma di credito d’imposta agli esercenti, la lotteria degli scontrini, il bonus Befana che riconoscerà un cashback monetario sulle somme spese con carte e bancomat.

Tutto questo però entrerà in vigore non dal 1 gennaio ma a metà anno, a partire dal 1 luglio, in modo da dare il tempo agli esercenti di adeguarsi e di dotarsi dei nuovi apparecchi necessari: leggi anche Pos e contanti cosa cambia da luglio.

A questo punto e tenuto conto dei vincoli esistenti e dei prossimi in arrivo ti chiederai come conservare e depositare il denaro contante, tenendo anche conto del fatto che tenerli in casa è rischioso, è difficile, in caso di controllo, fornire prova della loro provenienza, e sui libretti al portatore c’è un limite di 1.000 euro; per conoscere le forme di custodia e di impieghi possibili, leggi anche dove depositare i soldi?

Se invece vuoi approfondire cosa succede in caso di violazione alle norme che ti abbiamo indicato e come avvengono i controlli sulle operazioni di prelievo, versamento o pagamento svolte, puoi leggere limite controllo contanti.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube