Manovra: la Chiesa dovrà pagare l’Imu?

18 Novembre 2019
Manovra: la Chiesa dovrà pagare l’Imu?

Il Movimento 5 Stelle presenta un emendamento per far versare il tributo ad enti o associazioni legati alla religione cattolica. Con tanto di arretrati.

Pagamento dell’Imu per la Chiesa. Lo propone un emendamento del senatore alla manovra M5S Elio Lannutti alla manovra al vaglio del Parlamento. «Sono tenuti a pagare l’Imposta municipale propria (Imu), nei modi e nei termini stabiliti dalla legge per quell’immobile e tutti gli altri a esso collegati, tutti gli edifici o i complessi architettonici della Chiesa cattolica, di congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica o di associazioni o società legate alla religione cattolica al cui interno ci sono edifici totalmente o in parte adibiti: a ristorazione a pagamento, a caffetteria a pagamento o a hotelleria a pagamento; all’erogazione di servizi ospedalieri o  sanitari a pagamento in percentuale pari o superiore al 30% rispetto al fatturato complessivo dell’azienda».

Inoltre, secondo l’emendamento, tutte le associazioni o società legate alla religione cattolica e le congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica il cui fatturato è pari o superiore a 100.000 euro annui sono tenute a farsi convalidare i propri bilanci da un certificatore esterno individuati tra i professionisti del settore, che assuma la responsabilità della veridicità di quel bilancio.

Nel caso il bilancio risulti non veritiero, il certificatore esterno punibile con la reclusione da un minimo di 3 anni ad un massimo di 5 anni. Tutte le associazioni o società legate alla religione cattolica e le congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica che, in base a quanto risulti dai bilanci certificati, svolgono attività di impresa relativa a servizi di ristorazione, hotelleria, caffetteria o erogando altri tipi di servizi a pagamento sono tenuti a pagare l’Imposta municipale propria (IMU) nei modi e nei termini stabiliti dalla legge per quell’immobile e tutti gli altri a esso collegati.

Tutte le associazioni o società legate alla religione cattolica e le congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica che non hanno pagato l’Imu tra il 2006 e il 2011 sono tenute ad autocertificare i propri bilanci relativi a quegli anni e ad autocertificare l’indirizzo d’uso degli immobili di loro proprietà e di quelli utilizzati per le proprie attività. Sulla base dell’autocertificazione presentata dalle suddette associazioni o società i Comuni riscuotono l’Imu per gli anni che vanno dal 2006 al 2011.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Mi sembra giusto che anche la Chiesa paghi l’Imu.
    Ci sono tante attività di lucro gestite dalla Chiesa!
    La legge deve essere uguale per tutti!
    Basta con i privilegi!

    1. Certo! E’ un grande privilegio potersi prendere cura dei poveri a cui spesso lo stato non provvede, è un grande privilegio avvicinare le persone a Cristo ed è un grande privilegio poter aiutare molti in silenzio per la gloria di Dio! Chissà perchè chi non mette mai piede in chiesa vede ricchezze dappertutto, mentre chi è un pò più addentro vede ben altre cose (con le debite eccezioni ovviamente). E poi che si informino prima di proporre le leggi che la Chiesa per le attività che portano un guadagno già le paga le tasse!

      1. se un’associazione laica offre dei servizi alla comunità deve comunque pagare le tasse, se lo fa un’associazione religiosa no. questo è un provilegio.
        non può essere una scusa per avere un trattamento di favore. lo Stato italiano dovrebbe essere laico, ma nei fatti non lo è.

        le tue convinzioni religiose non devono essere propagandate usando i miei soldi.

  2. Credo che la Chiesa andrebbe ringraziata per la cura che ha degli edifici ed unitamente ad essi delle persone. Forse i pentastellaiti non sanno che le tasse per l’attività commerciale vengono già pagati.
    L’ignoranza impera e stanno cercando di distruggere le poche realtà che ancora identificano l’Italia nel mondo. Ritengo che è solo vergognoso.
    Avv. Anna Condo’

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube