Diritto e Fisco | Articoli

Cartella di pagamento intestata al defunto: eredi tenuti a pagare ma non le sanzioni

18 Luglio 2013 | Autore:
Cartella di pagamento intestata al defunto: eredi tenuti a pagare ma non le sanzioni

La cartella di pagamento intestata al defunto e notificata al suo ultimo domicilio è valida ed efficace nei confronti degli eredi, i quali sono tenuti al pagamento del debito.

La cartella di pagamento notificata al domicilio del contribuente defunto è valida ed efficace nei confronti degli eredi se questi non hanno comunicato ufficialmente all’Agenzia delle entrate il decesso del contribuente e i propri dati ai fini della notifica diretta presso il proprio domicilio.

Secondo la Cassazione [1] gli eredi non possono eccepire la nullità delle cartelle di pagamento perché notificate al defunto e non a loro direttamente. L’Agenzia delle entrate, infatti non può venire a conoscenza del decesso del de cuius da fonti indirette ma solo a seguito di apposita comunicazione ufficiale [2] effettuata dagli eredi stessi.

Se tale comunicazione manca, l’Agenzia delle entrate notifica legittimamente gli atti intestati al defunto presso il suo ultimo domicilio fiscale.

I giudici ricordano, infatti, che la legge prescrive che la notifica degli  atti  intestati  al  dante  causa  può  essere effettuata  agli  eredi impersonalmente e collettivamente nell’ultimo domicilio  dello stesso ed è efficace nei loro confronti qualora, almeno  trenta  giorni prima, non abbiano effettuato la comunicazione del decesso.

Gli eredi quindi saranno tenuti a pagare la cartella, ma non le sanzioni in essa contenute.

Se, al contrario, gli eredi abbiano comunicato, all’ufficio imposte del domicilio fiscale del soggetto deceduto, la morte di quest’ultimo e indicato le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale saranno valide le cartelle solo se notificate personalmente e individualmente presso di loro.

 


note

 

[1] Cass. sent. n. 17430/2013.

[2] Art. 65 D.P.R. 600/1973.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube