Cronaca | News

Ilva: decisione d’urgenza fissata il 4 dicembre

18 Novembre 2019
Ilva: decisione d’urgenza fissata il 4 dicembre

Fissata il 4 dicembre dal tribunale di Milano la decisione del ricorso d’urgenza presentato dai commissari Ilva. Unica udienza di discussione il 27 novembre.

Una notizia che potrebbe riaprire molto presto i giochi sul caso Ilva: la decisione del ricorso d’urgenza presentato dai commissari dell’ex Ilva e affidato al tribunale di Milano arriverà “entro il 4 dicembre“. E quanto sostiene una fonte giudiziaria interpellata dall’agenzia stampa Adnkronos. Non si tratta di una data a caso: il 4 dicembre ArcelorMittal è intenzionata a lasciare Taranto.

Cosa succederà in vista della prossima data? Le parti – cioè i commissari straordinari, i legali di ArcelorMittal e la procura di Milano – hanno tempo fino al 25 novembre per depositare memorie e documenti che saranno discussi nell’udienza fissata il 27 novembre davanti al giudice Claudio Marangoni, che presiede la sezione del tribunale di Milano specializzata in imprese, e che da solo deciderà sul caso.

Da quanto trapela potrebbe essere sufficiente una sola udienza prima del provvedimento del giudice. Fino ad allora, con una prassi che nel civile non è inusuale, Marangoni, ha invitato “le parti resistenti – tenuto conto della non adozione di provvedimenti inaudita altera parte, in un quadro di leale collaborazione con l’autorità giudiziaria e per il tempo ritenuto necessario allo sviluppo del contraddittorio tra le parti – a non porre in essere ulteriori iniziative e condotte in ipotesi pregiudizievoli per la piena operatività e funzionalità degli impianti”.

A livello politico, però, molti ritengono che il problema Ilva non potrà risolversi solo in tribunale ma occorreranno iniziative a livello di governo: a pensarla così, tra gli altri, il ministro per le Politiche agricole Teresa Bellanova, che a margine della riunione del Consiglio Ue a Bruxelles dichiara: «Se ti trovi di fronte alla questione Ilva, non ti puoi girare dall’altra parte, dire che è responsabilità di qualcun altro. Né puoi pensare che è nelle aule giudiziarie che risolvi il problema. Perché, quando arrivi nelle aule giudiziarie, ha perso la politica».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube