Diritto e Fisco | Articoli

Isee per il bonus tv e decoder: come funziona

20 Novembre 2019 | Autore:
Isee per il bonus tv e decoder: come funziona

Chi ha diritto all’agevolazione sull’acquisto delle apparecchiature per ricevere il nuovo segnale televisivo dal 2021. Il contributo da metà dicembre 2019.

Entro il 31 dicembre 2022, è possibile beneficiare del bonus tv e decoder in vista della transizione al nuovo sistema radiotelevisivo che utilizzerà la tecnologia DVBT-2/HEVC. Ma a chi spetta l’agevolazione? C’è un limite di reddito che dà diritto al contributo dello Stato, ma l’Isee per il bonus tv e decoder come funziona?

Il decreto interministeriale firmato dai dicasteri dell’Economia e dello Sviluppo Economico è stato appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e garantisce un aiuto ad una determinata fascia di cittadini per l’acquisto di un apparecchio televisivo o di un decoder che consenta la ricezione del nuovo segnale dopo il processo di transizione che si concluderà proprio nel 2022.

Vediamo in che cosa consiste questo cambiamento, come funziona l’Isee per il bonus tv e decoder ed a quanto ammonta il contributo.

Nuovo sistema televisivo: che cos’è?

Il nuovo sistema di trasmissione radiotelevisiva sul digitale terrestre è stato concepito per liberare la banda dei 700MHz, sulla quale viaggia oggi il segnale che ricevi a casa. Quella banda, su richiesta dell’Unione europea, verrà sfruttata per lo sviluppo delle telecomunicazioni mobili in 4G e in 5G. In questo modo, miglioreranno ed aumenteranno le prestazioni degli smartphone, dei tablet e di altri dispositivi portatili. Si tratta, infatti, di frequenze che superano con maggiore facilità gli ostacoli ed entrano meglio nelle case degli utenti. Morale: si avrà (almeno si spera) una connettività migliore ed una navigazione su Internet più veloce e più stabile.

Un cambiamento del genere comporterà per forza di cose il cambio del tuo televisore e dei decoder. Per seguire le tue trasmissioni, dovrai avere un apparecchio dotato:

  • del nuovo standard Dvb-T2;
  • del codec Hevc (sigla che sta per High efficency video coding, cioè codice video di alta efficienza), che sostituirà gli attuali standard Mpeg2 ed Mpeg4. I dati verranno compressi senza alterare la qualità dell’immagine, anzi: l’Hevc dovrebbe garantire delle immagini ultra-definite, il che si traduce in maggiore qualità.

Nuovo sistema televisivo: da quando?

Il primo passaggio alla nuova tecnologia di trasmissione radiotelevisiva è previsto per il 1° settembre 2021. Il ministero dello Sviluppo economico prevede il seguente calendario:

  • dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province autonome di Bolzano e Trento;
  • dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022: Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna;
  • dal 1° aprile 2022 al 31 giugno 2022: Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche.

Isee per il bonus tv: chi lo deve fare?

Lo Stato ha previsto un bonus tv fino a 50 euro per l’acquisto di un televisore o di un decoder in grado di ricevere il nuovo segnale. Lo stanziamento complessivo del Mise è di 150 milioni di euro.

Il contributo partirà dal 18 dicembre 2019 e sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022, anno in cui – come accennato – si concluderà la fase di transizione dalla vecchia alla nuova tecnologia. Il bonus verrà riconosciuto dal venditore sotto forma di sconto sul prezzo Iva inclusa al momento dell’acquisto dell’apparecchio.

Per avere diritto al beneficio, occorre presentare la dichiarazione Isee, cioè l’indicatore della situazione economica equivalente. Potranno usufruire dello sconto le famiglie con un Isee fino a 20mila euro. Bisognerà scaricare dal sito del ministero dello Sviluppo un modulo per certificare la propria situazione economica ed attestare di avere diritto al bonus.

Il venditore inserirà nel sito dell’Agenzia delle Entrate il codice fiscale di chi acquista il televisore o il decoder. In questo modo, saprà se deve applicare lo sconto alla cassa. Il Fisco riceverà dal venditore anche la comunicazione relativa al documento di identità del compratore e alle caratteristiche tecniche dell’apparecchio, in modo da confermare che è dotato della nuova tecnologia.

Il fatto che il venditore debba fare lo sconto alla casa non vuol dire che sia lui a fare un favore al cliente: quei soldi li potrà recuperare come credito d’imposta alla prima dichiarazione fiscale utile tramite modello F24.

Come faccio a sapere se devo cambiare televisore?

Se hai cambiato il televisore dal 2017 in poi, non dovresti avere problemi. Tempo fa, era stata approvata una legge [1] in virtù della quale potevano essere venduti dal gennaio di quell’anno in poi soltanto degli apparecchi già dotati della nuova tecnologia, cioè contenenti insieme (altrimenti sarebbero da cambiare) il Dvb-T2 e l’Hevc.

Ad ogni modo, se vuoi essere sicuro di tenere il tuo attuale apparecchio tv puoi fare un banalissimo test. Prova a sintonizzarlo dal canale 501 in avanti. Se vedi le trasmissioni in modo corretto, vai tranquillo almeno fino al 2022. Se, invece, non vedi e non senti nulla, oppure ricevi solo l’audio ma non l’immagine, sappi che dal 1° settembre 2021 non vedrai più alcun canale. In quest’ultimo caso, già che ci sei, prova anche a fare l’Isee per il bonus tv. 50 euro non saranno tanti, ma è pur sempre meglio di niente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube